33 Boxer carb - Problemi carburatori - Minimo/rendimento da controllare

Discussione in 'Boxer Carburatori' iniziata da Simone 33, 11 Dicembre 2008.

  1. Quando la macchina è calda,alcune volte,scende di giri,come se avesse dei vuoti,poi risale di giri,e a volte accade che si spenga!questo avviene solo al minimo,da cosa potrebbe dipendere?:confused:?
     
  2. Sto caricando...


  3. Ciao a tutti!
    Oggi è stato un giorno INFERNALE per me e la mia 33. Stamattina ho forato una gomma.. :mad:
    Stasera, invece, la 33 ha voluto fare i capricci. Minimo bassissimo (non so come facesse a stare in moto, ma ci stava..), poi facendo qualche metro, rimaneva accelerata sui 2000 giri, e dopo 10-15-20 secondi scendeva gradualmente al solito minimo bassissimo..
    Cosa potrebbe essere?
     
  4. Molto strano il problema, il minimo basso puo essere una sregolazione, ma il ritorno lento del n. giri sembrerebbe come se la tua alfa fosse ad iniezione e non a carburatori.
    Il primo problema da verificare e che i leveraggi dell acceleratore siano liberi senza impedimenti, e che il tappetino non blocchi il pedale.
    Altro problema potrebbe essere la levetta dell aria leggermente tirata ma te ne accorgeresti subito per via del rumore diverso.
    Verifica queste piccole cose e vedi se si risolve.
     
  5. Per il pedale ho provato tenendolo su da sotto.. rimasto accelerato uguale.. anche il tappetino l'ho tirato indietro, non è quello :(
    Anche l'aria ho provato a rimetterla a posto, è tutta giù regolarmente..
    Infatti quel ritorno lento è davvero strano.. io pensavo che, dato il caldo torrido di oggi, faticasse a "respirare", ma mi sa strano..
     
  6. Non dici se il motore era particolarmente caldo e se il fenomeno si è presentato a motore appena riavviato...
    In tal caso potrebbe trattarsi di "vaopur lock", ossia una bolla di vapore della benzina che ostruisce parzialmente il passaggio di carburante.

    A freddo dovrebbe tornare tutto a posto...

    Il fatto che il motore resti in moto anche a regimi ben più bassi del minimo è indice di impianto di accensione in ordine. : good . :


    :decoccio:
     
  7. Sì lo ha fatto anche a freddo.. ma potrebbero essere i 34°C atmosferici?
    Il motore era a temperatura "normale".
     
  8. Se lo ha fatto anche a freddo il problema è un altro...
    Accertato che l'impianto di accensione è in ordine bisognerà controllare l'alimentazione.

    La prima cosa da controllare è che non ci siano aspirazioni d'aria indesiderate, oltre che le varie guarnizioni sarebbe da verificare che il servofreno e le tubazioni di collegamento siano integre.

    Come ti è già stato suggerito prima di tutto controlla che il cavo dell'acceleratore scorra perfettamente e che non presenti impuntamenti.


    :decoccio:
     
  9. Un manicotto di aspirazione anomalo ci sarebbe.. provo a fare un lavoraccioaccioaccio.. :) e se non è quello.. inizio a tirare qualche accidente :) domani sera (che magari è più fresco) riprovo a vedere se lo fa ancora..
     
  10. Re: Minimo strano e regolazione carburatori alfa 33

    Ciao Sabryina,
    aggiungo la mia esperienza con le 33 a doppio carburatore:
    il ritorno lento al minimo, dopo aver escluso
    impuntamenti al cavo acceleratore e al cavo
    di arricchimento aria (da ingrassare sui leveraggi esterni
    che sono piuttosto duri sui 2 carburatori), è sintomo tipico
    di miscela magra (che aumenta un po' le temperature
    di combustione e si nota soprattutto in estate),
    l'auto potrebbe risultare piuttosto reattiva e nervosa al minimo
    però se è troppo magra non gli fa bene, perchè
    le valvole lavorano a temperature un po' sopra la norma..

    Come ti hanno consigliato come primo passo vai a caccia
    di eventuali inflitrazioni di aria nell'aspirazione
    che falsino le regolazioni della carburazione..
    se poi anche con i condotti ben a tenuta lo fa ancora
    allora si può provare a regolare i carburatori.

    Sulla mia vl ad ogni estate (col caldo) a benzina fa
    lo stesso scherzo, svito 1/4 o 1/2 giro (il minimo che serve
    a ottenere un ritorno normale, non oltre sennò vai a regolare
    la miscela troppo ricca al minimo/bassi) le 4 viti laterali
    sui carburatori (viti arricchimento miscela al minimo ed ai bassi,
    i regimi massimi invece credo siano influenzati in pratica solo
    dal calibro dei getti del massimo, non regolabili senza cambiare getti)
    e torna a posto, poi in inverno se alla guida ti dovesse sembrare
    troppo ricca (risposta all'acceleratore lenta ai minimi oppure
    CO elevati in sede di revisione) volendo si può rimettere come prima,
    credo sia la famosa regolazione "stagionale" per i carburatori,
    che si usava sulle moto di una volta (e a questo punto anche sulle 33)
    magari fatta ad 'orecchio' per chi non ha 4 vacuometri.

    Se la tua auto teneva bene anche il minimo molto basso,
    es. 500 giri (comunque sarebbe più prudente per avere un minimo di pressione
    olio nel motore se lo regolassi un po' più alto) facile che sia già abbastanza
    ben regolata, farei solo la ricerca degli "spifferi" e la prova de 1/4 1/2 giro
    sulle 4 viti, senza regolare daccapo come descrivo qui sotto..

    Approfitto per postare qualche informazione in più sulla regolazione dei
    carburatori per chi vuole smanettare di persona e sbatterci un po' la testa,
    se non vi torna qualcosa parliamone così cerchiamo di scambiarci le informazioni :rolleyes: :

    con i vacuometri attaccati alle apposite prese sui corpi dei carburatori
    (o anche ad orecchio ma la procedura è complicata) in teoria si possono
    regolare prima i leveraggi bancata sx e dx e poi le 4 viti miscela cilindro per
    cilindro per avere il motore perfettamente equilibrato e reattivo al minimi,
    (volendo ho letto sui manuali anche un'altra procedura che misura
    i CO su ogni singolo collettore di scarico per regolare con precisione
    le 4 viti miscela, ma è troppo sensibile a mille fattori, andrebbe rifatta
    in continuazione e occorre smontare i collettori, meglio i vacuometri)
    ma di solito se il motore è a posto con compressione
    simile sui 4 cilindri è più che sufficiente la regolazione base,
    che si può fare anche ad orecchio se il motore è a posto
    di tutto il resto (sennò regolare i carburatori è inutile e impossibile):

    - avere ben bilanciati i leveraggi dei carburatori della bancata dx e sn
    (il motore non deve scuotersi al minimo, dopo aver studiato
    come sono posizionati i vari regolini sui leveraggi si può fare anche ad orecchio,
    i regolini orizzontali sono quelli dell'equilibrio dx e sn, i regolini verticali
    regolano invece l'apertura minima delle farfalle, cioè il regime del minimo),
    nella mia esperienza la regolazione tra dx e sn si fa una volta
    per tutte e poi se non si smonta niente non varia praticamente più

    - le 4 viti della miscela regolate uguali (se c'è il dubbio che siano
    state pasticciate una diversa dall'altra dal precedente proprietario,
    si avvitano tutte a fondo corsa (tutto chiuso) senza esagerare con la forza
    e magari segnandosi per prudenza quanti giri hanno fatto per poter tornare indietro,
    poi si svitano di un eguale numero di giri (es.: 3 giri) e poi si prova a
    muoversi di 1/2 giro alla volta su tutte e 4, se l'auto tende ad avere
    il ritorno al minimo lento sono troppo strette (miscela magra),
    se i giri calano e la risposta all'acceleratore si impigrisce sono
    troppo aperte (miscela grassa); dopo la prima regolazione di
    queste viti il minimo potrebbe risultare alterato (più alto di prima);
    allora si regola di nuovo il minimo a 850 giri e si ripete la regolazione
    fine delle viti miscela; alla fine si rifa la regolazione fine del minimo..
    Potrebbe essere necessario variare questa regolazione
    tra estate e inverno, specie per passare la revisione,
    ma come detto basta muovere le viti di poco della
    stessa misura e segnarsi di quanto ci si è mossi..
     
  11. confermo, il ritorno al minimo lentamente è chiaro sintomo di carburazione magra al minimo;
    al minimo nel senso che è il circuito del minimo dei carburatori ad essere interessato
    non il circuito di progressione o piena potenza