Alfa 90 si o no?

Discussione in '90' iniziata da elpepita, 24 Novembre 2011.

  1. Eccomi a scrivere la mia prima discussione...
    Dunque, sono appassionato di auto d'epoca e i modelli un po' particolari e sfortunati mi hanno sempre attratto maggiormente, infatti, al momento, se riuscissi ad acquistare un auto d'epoca mi orienterei sulla 90, sicuramente discutibile sotto alcuni aspetti, ma di indiscusso fascino a mio parere; essendo inoltre dotata di una meccanica tradizionalmente Alfa, ne deduco che fosse un'ottima auto (premetto che, non ho ancora avuto la possibilità di provare un Alfa d'epoca e quindi baso i miei giudizi su gusti personali ed esperienze altrui, compreso quanto ho visto scritto anche in questo forum).
    Ammetto che ad allettarmi è anche la quotazione: dando un occhiata in giro su internet, sembra che ci siano esemplari in discrete condizioni a prezzi non da capogiro e la possibilità di portare a casa a buon prezzo una vettura rara e di valore è una bella prospettiva :)
    In definitiva: sarebbe un buon acquisto? Immagino che comunque le versioni da preferire siano quelle con il motore a 4 cilindri, dal momento che c'è una maggiore possibilità di trovare ricambi in comune con la più diffusa 75 e, non avendo tempo e disponibilità economiche illimitate, anche questo aspetto lo ritengo piuttosto importante...
    Grazie a tutti coloro che esprimeranno il loro parere :)
     
  2. Sto caricando...

    Potrebbe interessarti anche: Forum Data
    Alfa 90 avviamento a caldo 90 25 Marzo 2019
    Alfa 90 1.8 carburatori 90 17 Marzo 2019
    ALFA 90 motronic: nessuna scintilla alle candele 90 13 Aprile 2018

  3. Il problema lo avrai solo con parti di carrozzeria/interni, in quanto a meccanica si trova tutto sia per i 4 cilindri che per i 6 (evita come la peste il 2.0V6)


    ottima scelta comunque =)
     
  4. Grazie Kaste, sapevo che qualcuno che apprezza i miei gusti ci sarebbe stato :) In effetti immaginavo che il problema fosse essenzialmente quello delle parti di carrozzeria, l'unica soluzione sarebbe quella di trovarne un'altra solo per ricambi, come vedo spesso scritto, no?
     
  5. vai che la 90 è una gran macchina poi se trovi la V6 2.5
     
  6. #5Alfista162B4A,24 Novembre 2011
    Ultima modifica: 24 Novembre 2011
    La 90 sostituì l'Alfetta, conservandone all'incirca le dimensioni delle ultime serie (conservando se ci fai caso il giroporte). La 75 sostituì la Giulietta (derivata strettamente dall'Alfetta), e anch la 75 conservò il giroporte e porte e quindi la line a cuneo della Giulietta.
    Nell'aggiornamento avevano pochissimi soldi (sennò sarebbero andati avanti con progetti nuovi) e fecero un pesante rifacimento di musi e code, ma mantennero le comumanze del pianale e della meccanica tra i 2 moedelli della gamma AlfaNord.
    Quindi la comunanza di tutta la meccanica tra 75 e 90 è elevatissima. Però mentre Giulietta e Alfetta, nelle versioni finali erano distaccate di dimensioni di circa 18 cm e per questo considerate di segmenti diversi, l'allungamento della 75 (per avere una baule meno discutibile di quello della Giulietta, sia esteticamente che come sfruttamento dello spazio interno) la portò a esser poco più corta della 90 e allora cercarono di differenziare il carattere: più elegante la 90 e più sportiva la 75. La 90 rimase pochi anni in produzione, perché dopo l'acquisto di ALfa dal gruppo FIAT fu tolta di produzione (per non far concorrenza alle Lancia?). Rimase la 75 che venne ancora più caratterizzata in senso sportivo col 2.0 T.S. ed il V6 cresciuto a 3.0.
    La più interessante da collezionare sarebbe proprio la 90 2.0 V6 venduta priaticamente quasi solo in Italia (c'era il superbollo e IVA pesante sopra i 2000 a benzina), perché aveva il sistema di gestione del motore C.E.M. sviluppato dall'Alfa Romeo e mi pare addirittura con una farfalla per cilindro (cioè era molto avanzato sofisticato). Ma proprio per la sua unicità e per esser rimasta solo 2 anni in produzione, come ha detto Kaste, per i ricambi specifici del sistema iniezione/accensione è un disastro, e le prestazioni pure non erano poi meglio del 2.0 4 cilindri a carburatori, perchè a fronte di pochi CV in più (4 se non ricordo male) il 6 cilindri comporta un aumento di peso di circa 100 Kg, ma tra un 6 cilindri a iniezione ed un 4 cilindri carburatori la differenza è tra la souplesse del primo e la sportività del secondo.
    La 2.5 V6 (che era per i mercati esteri e mi pare fosse anche kat) ha un'iniezione Bosch molto diffusa e molte cose che Alfa non fornisce più si possono trovare come Bosch. I 4 cilindri 1.8 e 2.0 sono i soliti bialbero Made in Arese.
    A me sembra una buona idea comprare una 90, ma per i pezzi specifici della carrozzeria sarà dura.
     
  7. Perfetto :) ho già avuto le conferme che mi sarei aspettato; solo un ultima curiosità: in generale ho visto che la guida questo modello, pur regalando il tipico piacere delle Alfa dell'epoca, era leggermente più votato al comfort che alla sportività, il problema è che si vede anche che qualcuno (pochi a dire il vero) parla di scarsa tenuta di strada, eccessivo sottosterzo (credo riferito all'assetto più morbido, forse...) e addirittura pericolosità! Sinceramente non ci credo un granché, però c'è un fondo di verità?
     
  8. Io ho preso una 90 da 1 anno la mia è una 2.0 super e devo dire che nessun problema ho solo dovuto rifare i cuscinetti posteriori e il giunto dell'albero poi x il resto è una vera bomba :)
     
  9. #8Alfista162B4A,26 Novembre 2011
    Ultima modifica: 26 Novembre 2011
    Non ho guidato la 90, ne avevo letto le prove su Quattroruote, ma ho avuto la Giulietta 1.6 (presa nuova da mio padre) ed ho la 75 T.S. 2.0 (ho fatto anche molti Km da passeggero in Alfetta). In genere tutte le derivate dell'Alfetta in condizioni OK hanno una tenuta ottima e sono molto sicure. Essendo una trazione posteriore con ripartizione dei pesi circa 50/50 su ant. e post. sono diverse dalle trazioni anteriori con motore a sbalzo e peso prevalentemente davanti (c'è una discussione sugli ammortizzatori della 75 in cui si è andati un po' O.T. discutendo anche di questi aspetti e ti rimando lì).
    La mia 75 appena presa di seconda mano non stava in strada, ma aveva gli pneumatici molto induriti, gli ammortizzatori tutti scarichi, e una barra di torsione ant. che era stata sfilata e reinfilata in posizione errata (era come avere davanti una molla a elica precaricata e una no in un auto con molle elicoidali: non capisco come aveva potuto passare la revisione precedente). Con gomme e ammortizzatori nuovi (e buoni o ottimi) e barre al punto giusto è tornata splendida da guidare.
    Per il sottosterzo, un po' era voluto per la sicurezza, ma quelli che si lamentano è perché non conoscono le ALfaNord e non riesco a capirle, e quindi a guidarle. Si leggono tante sciocchezze su vari fora come se le trazioni posteriori o integrali fossero auto che appena dai gas si mettono di traverso: è sbagliato, la situazione è più complicata, bisogna capire cosa da cosa dipende l'aderenza di un pneumatico, e che perdono aderenza le ruote che vengono portate a superare il loro limite. Della AlfaNord di solito solo le 2.0 e oltre avevano il differenziale autobloccante, e questo fa si che solo quelle sono facili da far sovrasterzare (se si conoscono). Comunque anche di questo, se fai una ricerca se ne è parlato nella sezione della 75 (con utenti di 75 1.6 e 1.8 senza differenziale autobloccante).
    Che siano auto pericolose proprio no, a meno che non siano in condizioni da non poter passare una revisione fatta seriamente o che vadano in mano a uno che non le vuole capire e quindi non riesce a guidarle. Però ho cosciuto persone che ritenevano pericolose certe auto, che ho avuto, solo perché non riuscivano ad adattarsi alle loro caratteristiche, se uno è abituato alle trazioni anteriori con una 90 deve prenderci la mano e riprogrammarsi. Al contrario chi era abitutato alle Alfette e derivate si trovava male su alcune traz. ant. molto nervose e le reputava pericolose (non entro nel dettaglio ma sono persone che ho conosciuto bene e di auto che a me piacevano tutte, pur con comportamenti molto diversi).
    Se si è motociclisti con la traz. post. si ritrovano certi comportamenti abituali nelle moto.
     
  10. Ma infatti immaginavo che si trattasse di qualche persona incompetente (o a cui semplicemente non piace guidare una trazione posteriore) che si era permesso di dare giudizi eccessivamente negativi (serve più equilibrio ed evitare giudizi molto personali) e sinceramente non mi hanno assolutamente scalfito la voglia e la curiosità di provare una trazione posteriore, peraltro di grande qualità come quella che offriva la 90.
     
  11. Assolutamente SI SI SI !!!!

    Attualmente ho tutte le grande Berline Alfa Romeo a casa mia - 2000, Alfetta, Alfa6, Alfa90, Giulietta, Alfa 75, Alfa 90, 164, 166, quindi posso confrontare tutti i modelli.

    La 90 2,0ie, il mio l´ultimo acquisto é una grande vettura per viaggare e cruising, la vera Berlina. Ma anche si sente e nota i geni sportivi. In confronto all´Alfetta, é piú moderna (in vista tecnica), tutti i piccoli modificazioni che hanno fatto, si nota bene. In confronto alla Giulietta, e meno sportivo, meno maneggevole, ma con piú confort.
    La 75 é piú di tutto simile, ma la 75 mi da emozioni piú sportivi.......
    Tutti impressioni soggetivi di me.

    Generalmente interessante, che tutte le vetture delle Serie 116/161/162 si basano sulla stessa piattaforma, stessa tecnica, ma Alfa Romeo era molto capace di dare ogni modello un carattere particolare....