Autovettura danneggiata e non riparata da Fiat Auto

Discussione in 'Consulenza Legale' iniziata da Carullicst, 1 Aprile 2010.

  1. Nel voler acquistare un'alfa 159 ancora da immatricolare, dove vi è un forte sconto, il concessionario mi ha comunicato che al momento dell'immatricolazione sul libretto ci andrà questa scritta "Autovettura danneggiata e non riparata da Fiat Auto" . Il mio concessionario Alfa non ne sapeva niente. Che significa? :confused: Non sarà mica incidentata? Grazie a tutti
     
  2. Sto caricando...

    Potrebbe interessarti anche: Forum Data
    147 riparazione dopo incidente Consulenza Legale 10 Gennaio 2009

  3. Questa mi mancava! Avevo sentito della formula "visto e piaciuto" sulle auto usate (sulla cui validità, peraltro, si potrebbe discutere). Una formula del genere sul libretto e per di più di un'auto nuova mi pare molto strana. Mi pare assimilabile solo alla vendita di tappeti difettati.

    La sola finalità possibile di questa indicazione, a mio modo di vedere, è limitare e/o escludere la garanzia. Non credo, comunque, che una formula simile possa essere idonea ad escludere la garanzia. Piuttosto, non vorrei che la macchina fosse affetta da vizi occulti e, nel momento in cui saltano fuori, loro possano dire "ma sul libretto c'era già scritto che era difettosa, quindi la garanzia non ti è dovuta".

    Pertanto ti consiglio di pretendere chiarimenti; se il concessionario non è in grado di darne, rinuncia all'acquisto.
     
  4. Infatti l'auto la garanzia non c'è l'ha, me lo darebbe il concessionario con "motive service". A detta del venditore l'auto non è incidentata e quella dicitura serve a Fiat per vendere l'auto senza garanzia. Avrei pensato di chiedergli una dichiarazione in merito, perchè se avesse dei vizi poi potrei sempre farli valere.
     
  5. Non mi pare una condotta molto trasparente. Tieni presente che la garanzia è dovuta per legge e che in base all'art. 134 del codice del consumo

    1. È nullo ogni patto, anteriore alla comunicazione al venditore del difetto di conformità, volto ad escludere o limitare, anche in modo indiretto, i diritti riconosciuti dal presente paragrafo. La nullità può essere fatta valere solo dal consumatore e può essere rilevata d’ufficio dal giudice.
    2. Nel caso di beni usati, le parti possono limitare la durata della responsabilità di cui all’articolo 1519sexies, comma primo, del codice civile ad un periodo di tempo in ogni caso non inferiore ad un anno.


    Perciò, stai molto attento. Se la macchina risulta difettosa/incidentata ecc. loro invocheranno la mancanza di garanzia, e tu potrai invocare con successo questa norma per dire che la garanzia te la devono eccome. In Tribunale avresti buone possibilità, fra due o tre anni ti darebbero ragione. Nel frattempo, però, avresti dovuto sopportare le spese del caso e magari procurarti un'altra macchina. Onde evitare tale situazione, valuta bene l'acquisto. Piuttosto che rischiare cinque o seimila euro di spese, secondo me fai meglio ad investirli come differenza per comprare un'auto nuova e con regolare garanzia.
     
  6. Il problema è che la macchina che a me piace la 159 Sportwagon q4 2.4 JTD non è più in produzione! Fanno solo la 3.2 JTS. Per cui non ho la scelta di acquistarla nuova. Però avendo la garanzia attraverso motive service, dovrei stare tranquillo, qualsiasi vizio avrebbe nel primo anno dovrebbe manifestarsi. Devo chiedere alla motorizzazione e vedere che mi dicono.
     
  7. La cosa è molto strana per vari motivi, comincerei dal cercare di capire cosa si intende con "danneggiata" perchè è possibile che un auto nuova si danneggi in fabbrica ma, di solito, si tratta di danni limitati che vengono ripristinati, se così non fosse l'auto viene rottamata.
    Escluderei che l'auto abbia subito danni tali da renderla in qualche modo insicura anche perchè Fiat si prenderebbe dei rischi legali assolutamente non giustificati dal valore stesso dell'auto.

    Potrebbe esserci qualche tipo di danno non grave ma tecnicamente laborioso e/o costoso da riparare per cui l'auto viene venduta come una sorta di "seconda scelta".

    Messo così suona molto male ma non sempre è così, per capirci io lavoro in un azienda che produce elettrodomestici ed i cosiddetti "seconda scelta" sono prodotti che hanno limitati difetti estetici, non sono mai difetti funzionali che quindi possono mettere in discussione la sicurezza.
    In questo caso il prodotto non viene normalmente ripristinato ma rottamato.

    Questione libretto di circolazione... quì è strano e non ho mai sentito parlare di quella dicitura tuttavia mi viene da pensare che sia stata apposta perchè, in caso di incidenti gravi, la motorizzazione può richiedere una revisione supplementare del veicolo per cui si notifica che alcuni danni erano preesistenti.

    Quindi, a mio parere, i problemi seri da capire sono due: il primo è senz'altro cercare di identificare il famoso danno non riparato, e poi c'è la questione garanzia, il proporre una garanzia di tipo "commerciale" è non qualla "legale" è coerente con il fatto che non viene garantita l'assenza di vizi originari (ovviamente... è dichiarato) ma comunque deve essere garantito il "buon funzionamento" del bene per minimo un anno.

    Tirando le somme... direi che il cercare di capire quale sia il difetto presente nell'auto è fondamentale per capire la reale convenienza dell'acquisto.

    In questo modo potrai decidere se l'ampio sconto sul prezzo di acquisto e la perdita di un anno della garanzia è sufficiente a "compensare" il "vizio" presente.

    :decoccio: