Dal 2006 il gasolio è cresciuto dell'86%

Discussione in 'Additivi, Olii, Carburanti' iniziata da Deltaoscar, 20 Marzo 2008.

  1. La forte domanda di gasolio riduce i vantaggi fiscali di cui gode il diesel portandone il prezzo finale sempre più vicino a quella della benzina.
    E' quanto ha sottolineato l'Unione Petrolifera che ha fatto il punto della situazione dopo gli ultimi rincari.
    Già da tempo, spiega l'UP, in Europa circa il 50% della domanda è coperta dal gasolio rispetto al 10-15% di soli 10 anni fa. Ciò è dovuto ad un parco auto diesel che nello stesso periodo si è praticamente quadruplicato.
    L'adeguamento dell'offerta a questa crescente domanda di gasolio, prosegue l'analisi, incontra però dei limiti in quanto il maggiore fabbisogno di distillati può essere soddisfatto o con una maggiore capacità di lavorazione delle raffinerie o con maggiori importazioni.
    Gli ostacoli al miglioramento degli impianti sono rappresentati da vincoli ambientali e amministrativi che impediscono un tempestivo adeguamento delle strutture produttive.
    L'Europa si trova dunque nelle condizioni di dovere importare sempre più distillati, soprattutto gasolio dall'area ex Unione Sovietica.
    Le attese sono quindi per un mercato ancora fortemente sbilanciato destinato probabilmente a rimanere tale per qualche anno.
    Attualmente l'ex Unione Sovietica fornisce all'Europa circa 33 milioni di tonnellate di distillati medi, destinati a divenire 40 milioni nel 2015.
    Il deficit europeo ammonta però a 50 milioni di tonnellate.
    Una situazione i cui effetti si sono scaricati sui prezzi internazionali.
    Dal 2006 ad oggi, il prezzo internazionale del gasolio (Platts) si è infatti apprezzato dell'86% contro il 60% della benzina e nello stesso arco di tempo la distanza tra i due prodotti si è allargata a tutto favore del gasolio.
    E proprio ieri il gasolio ha sfiorato quota 1,38 euro al litro portandosi ad un soffio dal prezzo della benzina e segnando un nuovo recordo storico negativo a 1,379.

    Fonte Il Sole 24ore
     
  2. Sto caricando...


  3. Si certo ci sono alternative ma per il petrolio ci sono troppi interessi economici. Il motore ad acqua è stato inventato negli anni 70 e li è rimasto. A mio parere è già tanto se come alternativa abbiamo il gpl e il metano.
     
  4. Concordo sugli interessi e sul fatto che " già tanto se ci hanno concesso gpl e metano" ... Mi par poi così strano che fanno sti incentivi per il gpl e metano ... boh ... ci guadagnano di più con le tasse nei normali carburanti e poi fanno gli incentivi per quelli alternativi ... o che a loro volta lo stato percepisce incentivi dalle compagnie petrolifere per "smaltire" il gpl ( che non è altro che uno scarto della lavorazione del petrolio .. ) ... vai te a capire cosa c'è realmente dietro .... e comunque son convinto che se un giorno l'auto andrà a pannocchie potete star sicuri che queste te le faranno pagare molto care !!! alla faccia dei popcorn ..
     

  5. Ahhhh :D bell' a Cjsaut e i poppicorna :D
    Comunque questo triste scenario dimostra che ovunque nel mondo ci sono forti interessi economici c'è qualche mafia che tende a tutelare questi privilegi a danno degli indifesi. :mad:
     
  6. Qualcuno mi sa dire percentualmente quanto è cresciuto il volume delle vendite delle auto a gasolio negli ultimi 10 anni...?? La risposta è tutta qui....:mad:

    Le leggi del mercato sono sempre fondate su un essenziale dogma: domanda e offerta. Al crescere esponenziale della domanda, l'offerta si è adeguata modificando cospicuamente il prezzo di distribuzione del gasolio.

    Per quanto riguarda invece il mercato petrolifero in generale, bisogna tener conto della domanda crescente del nuovi mercato costituito dai paesi in forte crescita industriale e tecnologica: India, Cina, sud-est asiatico.
     
  7. Caro Professore :cool001: visto che sei a conoscenza di alcuni concetti del mercato, dovresti essere preparato in materia e non dimenticare che esistono anche vari regimi di mercato: Concorrenza (perfetta-imperfetta), Monopolio, Oligopolio ecc. ecc.

    Se ci trovassimo in un regime di concorrenza, gli offerenti in gara tra loro, per vendere maggiori quantità e acquisire maggiori quote di mercato dovrebbero abbassare il prezzo (ovvio).

    Purtroppo in questo maledetto mercato petrolifero le cose non funzionano così, perchè i cartelli fissati tra le compagnie-sceicchi-(governo accise) stanno creando una situazione a tutto vantaggio loro e a danno di noi poveri cittadini.

    Renditi conto che ci troviamo in un regime di Oligopolio, il coltello dalla parte del manico c'è l'hanno loro quindi le fette di torta se le dividono e mangiano loro.:mad:
     
  8. io ho un brutto presentimento :smiley_001:
    che fra qualche tempo comincerà a crescere anche il prezzo del gpl o addirittura del metano per auto, soprattutto se la vendita di queste auto comincerà a essere significativa.........staremo a vedere :eek:
     
  9. D'accordo con te sul discorso dell'oligopolio...Purtroppo in molti altri settori le cose funzionano così. La creazione di cartelli (palese o no) mette in crisi quei concetti di concorrenza cui facevi riferimento e in ginocchio noi consumatori.
    Ah, grazie per il Professore ...
     
  10. Sicuramente dietro c'è tutto un magna magna... Anche se la domanda di carburanti p sicuramente cresciuta... ho letto da qualche parte che se i paesi emergenti avessero un'auto per ogni famiglia, nel giro di qualche anno il petrolio si esaurirebbe... Cmq sono anche le situazioni politiche a dettare l'andamento del prezzo: sicuramente la situazione mediorientale non è delle più tranquille e forse, senza la presenza di interessi occidentali, si sarebbe già arrivati a situazioni ben più catastrofiche... Inoltre sembrerebbe che avere situazioni "instabili" in determinati paesi sia fondamentale per mantenere un certo equilibrio nelle politiche economico-finanziarie mondiali... Un esempio lampante è stata la guerra in Iraq e Afghanistan condotta dagli USA per rilanciare la propria economia... E non mi meraviglierei se tra qualche tempo attaccassero anche l'Iran, vista la situazione attuale.....