Elettronica motore 159 Mjtd 150CV Gestione e Controllo alimentazione carburante

Discussione in 'Schede Tecniche e Manuali' iniziata da Pietro, 19 Ottobre 2007.

Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.
  1. #1 Pietro, 19 Ottobre 2007
    Ultima modifica di un moderatore: 19 Giugno 2016
    Questo è quando dice la documentazione tecnica alfa romeo per il sistema di iniezione del motore diesel 150 cv (ALFA 159):

    CARATTERISTICHE
    FUNZIONE

    Il Common Rail EDC-16C39 è un sistema di iniezione elettronica ad alta pressione per motori diesel veloci ad iniezione diretta.

    Le principali caratteristiche sono:
    disponibilità di pressioni di iniezione elevate (1400 bar);
    possibilità di modulare queste pressioni tra 150 bar fino al valore massimo di esercizio di 1400 bar, indipendentemente dalla velocità di rotazione e dal carico motore;
    capacità di operare a regimi motore elevati (fino a 5000 giri/min a pieno carico);
    precisione del comando dell''iniezione (anticipo e durata dell''iniezione);
    riduzione dei consumi;
    riduzione delle emissioni.

    Le principali funzioni del sistema sono essenzialmente le seguenti:
    controllo temperatura combustibile;
    controllo temperatura liquido raffreddamento motore;
    controllo quantità combustibile iniettata;
    controllo del regime di minimo;
    taglio del combustibile in fase di rilascio (Cut-off);
    controllo bilanciamento cilindri dal minimo fino a 3500 giri/min;
    controllo antiseghettamento;
    controllo fumosità allo scarico in accelerazione;
    controllo ricircolo gas di scarico (E.G.R.);
    controllo limitazione coppia massima;
    controllo limitazione regime massimo;
    controllo candelette di preriscaldo;
    controllo entrata in funzione impianto di climatizzazione (ove previsto);
    controllo pompa combustibile ausiliaria;
    controllo della posizione dei cilindri;
    controllo anticipo iniezioni principali e multiple;
    controllo ciclo chiuso della pressione di iniezione;
    controllo del bilancio elettrico;
    controllo pressione di sovralimentazione;
    calibrazione iniettori IMA.

    1. Pompa combustibile ausiliaria
    2. Filtro combustibile
    3. Collettore ritorno combustibile
    4. Pompa di pressione
    5. Regolatore di pressione su pompa
    6. Sensore di sovralimentazione
    7. Regolatore di pressione su rail
    8. Sensore di pressione
    9. Rail
    10. Corpo farfallato
    11. Elettrovalvola E.G.R.
    12. Sensore livello olio
    13. Sensore di fase
    14. Candeletta di preriscaldo
    15. Elettrovalvola comando attuatore palette del turbo
    16. Debimetro
    17. Sensore di giri
    18. Sensore temperatura acqua
    19. Interruttore minima pressione olio
    20. Sonda lambda a valle del catalizzatore
    21. Sonda lambda a valle della trappola (DPF)
    22. Sensore di pressione differenziale
    23. Trappola (DPF)
    24. Pedaliera
    25. Connettore per diagnosi
    26 Centralina iniezione
    27. Cablaggio vettura
    28. Cablaggio motore
    29. Attuatore comando farfalle “swirl”

    FUNZIONAMENTO
    Logiche di funzionamento
    Generalità

    Il sistema Common Rail consente di effettuare fino a due iniezioni pilota prima del P.M.S. con il vantaggio di distribuire più uniformemente la pressione in camera di scoppio, riducendo il valore di rumorosità della combustione, tipico dei motori a iniezione diretta.

    La centralina controlla la quantità di combustibile iniettato, regolando la pressione di linea e i tempi di iniezione.

    Le informazioni che la centralina elabora per controllare la quantità di combustibile da iniettare sono:
    giri motore;
    temperatura liquido di raffreddamento;
    pressione di sovralimentazione;
    temperatura aria;
    quantità aria aspirata;
    tensione batteria;
    pressione gasolio;
    posizione pedale acceleratore.

    Schema informazioni in entrata/uscita dalla centralina

    1. Elettropompa combustibile ausiliaria
    2. Meccanismo swirl
    3. Elettrovalvola VGT
    4. Compressore condizionatore
    5. Elettrovalvola E.G.R.
    6. Contagiri
    7. Elettroventola raffreddamento
    8. Centralina preriscaldo candellette
    9. Pedale acceleratore con potenziometro integrato
    10. Interruttore pedale freno - frizione
    11. Sensore pressione differenziale
    12. Sensore temperatura
    13. Sensore pressione combustibile
    14. Debimetro
    15. Sensore temperatura liquido di raffreddamento
    16. Sensore temperatura combustibile
    17. Cruise control
    18. Sensore di sovrappressione e temperatura aria
    19. Sensore di fase
    20. Tachimetro
    22. Batteria
    23. Alfa CODE
    24. Presa per diagnosi
    25. Regolatori di pressione
    26. Elettroiniettori
    27. Candellette di preriscaldo
    28. Elettrovalvola farfalla
    29. Spia preriscaldo candelette
    30. Spia iniezione
    31. Spia max temperatura acqua
    32. Spia presenza acqua nel combustibile
    33. Spia OIL

    Autodiagnosi
    Il sistema di autodiagnosi della centralina verifica i segnali provenienti dai sensori confrontandoli con i dati limite consentiti.

    SEGNALAZIONE GUASTI ALL''AVVIAMENTO:

    spia accesa per 4 secondi indica fase test;
    spia spenta dopo 4 secondi indica nessuna avaria a componenti che possano alterare i valori previsti dalle norme antinquinamento;
    spia accesa dopo 4 secondi indica avaria.

    SEGNALAZIONE GUASTI DURANTE IL FUNZIONAMENTO:

    spia accesa indica avaria;
    spia spenta indica nessuna avaria a componenti che possano alterare i valori previsti dalle norme antinquinamento.

    RECOVERY

    La centralina definisce di volta in volta il tipo di recovery in funzione dei componenti in avaria.
    I parametri di recovery sono gestiti dai componenti non in avaria.

    Controllo temperatura combustibile
    La centralina con temperatura combustibile a 80°C, rilevata dal sensore sul collettore di ricircolo, comanda il regolatore di pressione al fine di ridurre la pressione in linea (non modifica i tempi di iniezione).


    Controllo temperatura liquido di raffreddamento motore

    La centralina con temperatura liquido di raffreddamento motore superiore a 105°C:
    riduce la quantità di combustibile iniettata (riduce la potenza motore);
    comanda le elettroventole di raffreddamento;
    accende la spia temperatura liquido di raffreddamento.

    Controllo quantità combustibile iniettata
    La centralina in base ai segnali provenienti dai sensori e ai valori mappati:
    comanda il regolatore di pressione;
    varia il tempo delle iniezioni "pilota" in tutto il range di giri;
    varia il tempo di iniezione "principale".

    Controllo del regime di minimo
    La centralina elabora i segnali provenienti dai vari sensori e regola la quantità di combustibile iniettata:
    comanda il regolatore di pressione;
    varia i tempi di iniezione degli elettroiniettori.

    Entro certe soglie il regime tiene conto della tensione batteria.

    Taglio del combustibile in fase di rilascio (cut-off)

    La centralina in fase di rilascio del pedale acceleratore attua le seguenti logiche:
    toglie l''alimentazione agli elettroiniettori;
    riattiva parzialmente l''alimentazione agli elettroiniettori prima del raggiungimento del regime minimo;
    comanda il regolatore di pressione combustibile.

    Controllo bilanciamento cilindri fino a 3500 giri/min.

    La centralina in base ai segnali ricevuti dai sensori controlla la regolarità della coppia fino a 3500 giri/min.:
    varia la quantità di combustibile iniettata nei singoli elettroiniettori (tempo di iniezione).

    Controllo antiseghettamento
    La centralina elabora i segnali ricevuti dai vari sensori e corregge la quantità di combustibile da iniettare al fine di migliorare la guidabilità riducendo gli strattonamenti in marcia tramite il tempo di apertura degli elettroiniettori.

    Controllo fumosità allo scarico in accelerazione

    Al fine di limitare la fumosità nei transitori veloci, la centralina in base ai segnali ricevuti dal potenziometro pedale acceleratore, debimetro e giri motore, limita la quantità di combustibile da iniettare tramite:
    il regolatore di pressione
    il tempo di iniezione degli elettroiniettori.

    Controllo ricircolo gas di scarico (e.g.r.)
    In funzione della normativa anti inquinamento EURO 3, la centralina in base al carico motore e al segnale proveniente dal potenziometro pedale acceleratore, limita la quantità di aria fresca aspirata, attuando la parziale aspirazione dei gas di scarico, tramite:
    la regolazione dell''apertura della valvola E.G.R. elettrica.

    Controllo limitazione coppia massima
    La centralina in funzione del numero di giri calcola su mappe predefinite:
    la coppia limite;
    il fumo (limite) ammesso.

    Confronta questi valori minimi e li corregge con altri parametri:
    temperatura liquido di raffreddamento;
    numero giri motore;
    velocità vettura;
    temperatura aria aspirata prelevata dal sensore integrato sovrapressione/temperatura aria,
    e comanda la quantità di combustibile da iniettare (regolatore di pressione - elettroiniettori).

    Controllo limitazione regime massimo

    La centralina , quando il motore arriva a 5000 giri/min, interrompe il pilotaggio degli iniettori e di conseguenza viene ridotta la pressione di alimentazione.

    Controllo candelette di preriscaldo

    La centralina di iniezione in fase di:
    avviamento;
    post-avviamento
    temporizza il funzionamento della centralina di preriscaldo candelette in funzione della temperatura motore.

    Controllo entrata in funzione dell''impianto di condizionamento
    La centralina comanda il compressore del climatizzatore:
    inserendolo/disinserendolo quando viene premuto il relativo interruttore;
    disinserendolo momentaneamente (circa 6 sec.) in caso di forte accelerazione o richiesta di massima potenza.

    Controllo elettropompa combustibile ausiliaria
    La centralina indipendentemente dal regime di giri:
    alimenta la pompa combustibile ausiliaria con chiave su MAR;
    esclude l''alimentazione della pompa ausiliaria in caso il motore non venga avviato entro alcuni secondi.

    Controllo della posizione dei cilindri
    La centralina durante ogni giro motore riconosce quale cilindro si trova in fase di scoppio e comanda la sequenza di iniezione al cilindro opportuno.

    Controllo anticipo iniezione principale ed iniezione pilota
    La centralina in base ai segnali provenienti dai vari sensori, compreso il sensore di pressione assoluta integrato nella centralina stessa, determina secondo una mappatura interna, il punto di iniezione ottimale, non solo in funzione del comfort di marcia, ma anche del rispetto dei limiti di emissione EURO 3.

    Controllo ciclo chiuso della pressione di iniezione
    La centralina sulla base del carico motore, determinato dall''elaborazione dei segnali provenienti dai vari sensori, comanda il regolatore per ottenere una pressione di linea ottimale.

    Controllo del bilancio elettrico
    La centralina in funzione della tensione batteria, varia il regime del minimo:
    aumenta il tempo di iniezione degli elettroiniettori;
    regola la pressione di linea.

    Controllo turbina a geometria variabile vgt
    La centralina ai vari regimi di funzionamento del motore, elabora il segnale proveniente dal sensore di sovralimentazione e determina la quantità di combustibile da iniettare:
    varia il tempo di iniezione;
    regola la geometria della turbina al fine di ottimizzare le prestazioni in ogni condizione di funzionamento.

    Controllo elettroventole
    La centralina, in funzione della temperatura acqua motore e della pressione del fluido refrigerante nell''impianto di condizionamento, comanda:
    l''inserimento dell''elettroventole alla prima o seconda velocità.

    Controllo chiusura farfalla allo spegnimento
    La centralina al fine di limitare lo scuotimento motore in fase di spegnimento, comanda la chiusura immediata della farfalla in aspirazione. In tutte le altre condizioni di funzionamento la farfalla rimane aperta.

    Controllo del sistema cruise control (ove previsto)
    La centralina, in funzione della posizione della leva di comando cruise control, pilota direttamente la quantità di combustibile iniettato per controllare e mantenere la velocità vettura memorizzata.

    Una spia sul cruscotto, attivata dalla centralina, indica lo stato di funzionamento o disattivazione del sistema.

    Il cruise control viene disabilitato momentaneamente:
    azionando il freno,
    azionando la frizione;
    con il pulsante "resume" si ritorna alla velocità memorizzata.

    Il cruise control non viene disabilitato in caso di richiesta di accelerazione (es. un sorpasso) e riporta automaticamente la vettura alla velocità impostata non appena viene rilasciato l''acceleratore.

    La funzione ASR (antispin) ha la priorità sul cruise control per motivi di sicurezza.
     

    Files Allegati:

Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.