Generatore H²O² (ossidrogeno) per auto

Discussione in 'Additivi, Olii, Carburanti' iniziata da zlatkavincenzo, 5 Agosto 2011.

  1. Dimenticavo, nel titolo si cita un HHO in verità è l'acqua composta da H²O, quando è sissa si presenta il gas composto è H² O², quindi scordiamoci di scissare tutta l'acqua che una parte rimane per via del deficit di O (ossigeno) e si aggira sul 1/3 del volume e ne usiamo un 2/3......
    :decoccio:
     
  2. Ciao questa argomentazione bisognerebbe discuterla in altri forum che trattano specificatamente questo argomento

    BYE
     
  3. Ciao ragazzi,
    Interessantissimo!! Io ho scoperto questa alternativa da molto poco, pero' mi sembra di capire che e' qualcosa di molto viabile e mi interesserebbe approfondire la cosa.

    Da quello che capisco, oltre a tutti i dettagli relativi alla produzione della cella, un fattore importante e' dato dal rapporto stechiometrico che la centralina cerca di mantenere da certe misurazioni di certi sensori in aspirazione e in uscita, sui gas di scarico.

    Correggetemi se sbaglio: l'iniezione dell'HHO dovrebbe in generale sempre farsi il piu' vicino possibile alla farfalla (questo e' facile). Pii pero' se i sensori dello scarico rilevano la differente composizione in termini di qualtita' di O, il risultato sarebbe sempre quello di un arricchimento della miscela ad opera della centralina, quindi tutto il rispormi di combustibile ottenuto ottimizzando la combustione, se ne andrebbe in fumo, mentre le prestazioni aumenterebbero, giusto?

    In pratico l'idea e' quella di mantenere uguale a prima la quantita' di gasolio iniettato, e permettere una combustione molto migliore con l'aggiunta di HHO in aspirazione.

    Domanda stupida: lato aspirazion, ok, ho capito. Per il resto, mi sapete dire come lavorano i sensori della mia motorizzazione? L'intervento giusto e' una rimappatura o piuttosto uno di quei circuiti che vendono per "ingannare" la lettura dei sensori?

    Sto valutando la fattibilita' della cosa, quindi sarebbe molto importante per me sapere fin da subito di cosa avrei bisogno per andare avanti.

    Grazie!!

    Cristian
     
  4. Uhmmm..
    Speta.... sei sicuro? Per me comunque la scissione puoi estenderla a tutta l'acqua, poi otterrai un gas composto da tutti gli atomi ottenuti ricomposti in molecole H2 e O2, pero' in differenti quantita, cioe', se scompongo 100molecole d'acqua ottengo:
    - 100 molecole di H2
    - 50 molecole di O2
    La legge di conservazione della massa resta comunque valida, naturalmente, pero' non c'e' ragione per non poter scindere tutta l'acqua della cella, sempre che gli elettrodi possano sempre pescare no?

    Cristian
     
  5. #25andrea-cesenat,28 Dicembre 2011
    Ultima modifica: 28 Dicembre 2011
    Ciao Cristian,
    qwuesto metodo di scissare l'acqua può andar bene sia nei benzina che nei diesel, il problema dei benzina infatti sta nell'arrichimento, dove è vero che la miscela crea molto meno CO e più CO² donando più Cv, il problema che la sonda lambda legge troppo O² e mette la centralina mappe per ingrassare e il risparmio sparisce....
    Una soluzione sarebbe quella di mettere per la centralina una resistenza mirata e mantenere quella per O², sia per la centralina che per la cella, infatti ultimamente stanno progettando un PWM apposito che regola quanta produzione di H² e O² ci vuole ascoltando appunto la sonda.
    Per un diesel aiuta tantissimo invece sul discorso di ottimizzare la combustione, dove nei vecchi diesel si avvicina a circa un 60% di risparmio, nei moderni meno, perchè ad esempio il tuo è già abbastanza ottimizzato, quindi sarà minimo, ma comunque noterai meno particolato, tant'è che se lo misuri noti meno opacità nello scarico, visto che come ciclo funziona a pressione costante, con l'aggiunta della sovralimentazione, potresti adottare una cella che sforna 2 LPM continui....hai la valvola ERG?
    Come elettrolita c'è NaOH (soda caustica) oltre al 2% diventa corrosivo, NaHCO³ (bicarbonato si sodio), KOH (idrossido di potassio) sembra il migliore, qualcuno ha provato anche lo zucchero per via della formula bruta come è composta C¹²H²²O¹¹.

    Sul discorso invece della carenza di O², mi spiegava un ingeniere chimico, che nasce un discorso di solvente acido e basico nei poli corisposti e diventa saturo dopo un pò dove solo il 30% si libera bene con poca energia, l'altro diventa faticoso......insomma diventa intrigato dopo e bisognerebbe far ossigenare l'acqua ionizzandola, se invece si ragiona al 30% si spreca poca energia per sinderla...
     
  6. Hey ciao!!
    Scusami mi sono un po' perso leggendo il tuo post... il discorso e' molto ampio, pero' per capirlo a fondo ho bisogno di approfondire un punto alla volta...

    Trascuriamo per un attimo le problematiche di produzione del gas e iniezione nel condotto di aspirazione.
    Diciamo che ho gia' la cella che produce il suo bel litro di HHO per minuto e la combustione avviene ottimizzata.

    Adesso vediamo cosa fa la centralina: il discorso sonda lambda che fai tu vale solo per i motori a benzina? Il mio e un disel sovralimentato con ricircolo dei gas di scarico via EGR, insomma un common rail tipo mJTD a 16V.
    Se la mia centralina sonda i gas di scarico e corregge l'arricchimento di gasolio sono fritto, quindi vorrei sapere che tipo di sensore e', dove sta, che livello di tensione manda alla centralina e come potrei fare per ingannarla.

    Ho visto su internet certi apparati che servono a applicare un offset verso il basso alla tensione del sensore, che compenserebbe la lettura dell'O2 in piu'. Alternativa a questo sarebbe la mappa? Stesso risultato? Insomma, oltre alla cella devo mettere in preventivo una rimappatura o un apparato speciale, o c'e' qualche altro modo secondo te?

    Una domanda ancora: e se io invece di iniettare in aspirazione HHO iniettassi solo H2, avrei lo stesso una lettura sballata del sensore o magari sarebbe tutto a posto a livello centralina?

    Cristian
     
  7. ok

    Nei diesel la sonda serve per capire se deve fare la rigenerazione o meno, non ingrassa, il problema nasce quando c'è presenza di una ERG, perchè nei bassi la massa di aria è bassa e ha bisogno di poco gasolio iniettato per via della presenza di gas combusto in camera di scoppio, se usi H²O² vorrà dire che deve avere 2 quantità di produzione oppure lasciare invariato, ma è da provare.


    L'O² serve alla combustione e ha un effetto Joule maggiore rispetto al solo H² col gasolio, chi ha provato ad iniettare solo H² non ha riscrontrato vantaggi e ne deve produrre molto di più, il problema che non sopporta alte pressioni con notevole calore, quindi è meglio ricco sotto e povero negli alti.
    Infatti qualcuno ha provato lo zucchero, perchè produce anche Carbonio cher durante la combustione produce CO² per la sonda lambda nei benzina, però non ho saputo niente...quel problema nella mia non c'è, comunque si piò mettere anche una resistenza per la centralina e il problema mappature è risolto.
    Di solito le mappe vanno nei benzina, perchè tende ad anticipare la combustione, l'H² è 72 volte più veloce rispetto la benzina e complica i moderni motori gestiti con centralina, mentre per il gasolio lo aiuta riduce la detonazione e decibel e in più cala sensibilmente il particolato.
    Sul diesel dimostrativi l'ho sempre visto diretto senza frizioni iniettato davanti al turbo...
     
  8. Quindi diciamo che per un common rail sovralimentato e' sufficiente iniettare HHO in aspirazione, piu' vicino possibile alla farfalla, e questo e' sufficiente.
    Dimmi una cosa: in un turbodiesel, all'aumentare del numero di giri la tubina spinge una quantita' d'aria via via crescente.... se io collego una cella in aspirazione con una portata fissa di 1lt/min, invece, questo contributo e' costante, per cui dovrei aspettarmi che a giri alti la relazione HHO/Aria diminuisce, giusto? Non sarebbe meglio se la produzione stessa di HHO fosse proporzionale al numero di giri, seguendo il contributo in aria dato dalla turbina?
    Che ne pensi?
    Cristian
     
  9. Il tuo diesel dovrebbe da originale avere una pressione sui 1,5 bar da metà giri col picco a 1,7 (diciamo in overboost) quando diventa attivo nei bassi per sentir spingere, però quando va in rigenerazione vedi calare la pressione, perchè tende a tappare dietro, in più con la ERG sopratutto nei bassi tende a non essere reattiva subito, la chiusura è ai circa 2.200 giri/min.

    Vorresti fare una carburazione, però con 1 LPM non fai molto, ti ci vorrebbe un 0,5 LPM fino a quando non chiude la ERG, poi passare a 1 LPM là a metà del motore e avere 2 LPM in alto e quando spingi nell'acceleratore, per fare questo dovresti avere un sensore che "ascolta" la pressione nel common rail.........lì di regola arriva fino a 1.600 bar, quindi dovresti adottare una specie di debimetro che a secondo del flusso che passa dalla presa d'aria, con un PWM regoli quanto deve produrre, un consiglio non spremere la cella con elettrolita a dose massicce che te la logori oltre a bruciartela.
    Una cella per lavorare bene dovrebbe stare dai 40 ai 60°C riprendendo il discorso sul consumo di energia...
    :decoccio:
     
  10. Si, molto utili le tue considerazioni. Come ti dicevo sono in fase di studio di fattibilta'. Quello della variazione di flusso con i lregime del motore, magari lo considererei come una variante del sistema base, che per me sarebbe una cella che produca 1LPM costante.

    Comincio a spostarmi allora nello studio della cella... se ci fosse qualche schema e accorgimento particolare, mi aiuterebbe molto come punto di partenza.

    Cristian
     
Sto caricando...
Potrebbe interessarti anche: Forum Data
Acquisto olio Shell! Tedesco o Italiano? Additivi, Olii, Carburanti 10 Giugno 2019
Aggiungere generatore di idrogeno al motore Additivi, Olii, Carburanti 3 Giugno 2019
Additivo per giulietta 2.0 jtdm 150cv: sì o no? Additivi, Olii, Carburanti 8 Novembre 2016