Giulietta Turbodelta

Discussione in 'Giulietta Tipo 116 Anno 1977' iniziata da mauretto, 5 Aprile 2008.

  1. Bellissima la Giulietta Turbodelta venne assemblata in 361 esemplari,da subito
    molto ambita,pur non avendo avuto un passato sportivo,che avrebbe meritato
    essendo dotata della potente meccanica dell'Alfetta Gtv Turbodelta,con cavalleria
    incrementata a 170 cv e capace di ben 207 kmh,i rari esemplari in vendita
    spuntano cifre ragguardevoli,circa 8MEuro,molto vicine al cambio col prezzo
    da nuove.
    Ulteriori informazioni?Chi più ne ha più ne metta!!!
    Eccola in tutta la sua bellezza e aggressività.

    Vedi l'allegato 16269

    Vedi l'allegato 16270

    Vedi l'allegato 16271

    Vedi l'allegato 16272

    Vedi l'allegato 16273

    Vedi l'allegato 16274

    Vedi l'allegato 16275

    Vedi l'allegato 16276

    Vedi l'allegato 16277

    Vedi l'allegato 16278

    Vedi l'allegato 16279

    Vedi l'allegato 16280

    Vedi l'allegato 16281
     
  2. Sto caricando...


  3. molto interessante l'impianto frenante devo vedere sui miei book cosa dicono in merito
    teniamo vivo questo topic
    renny
     
  4. Se ho capito bene dalla foto...in pratica quel disco freno che si vede ha 2 pinze freno???
     
  5. sono contento di aver stimolato la vostra curiosità eh eh
    ebbene si,sul mozzo anteriore fù presa la decisione di montare una doppia pinza lockeed
    per ovviare alla non brillantissima frenata della giulietta,i dischi sono ventilati anche sull'asse
    posteriore.Bisogna considerare che all'inizio degli anni '80 l'Alfa Romeo non versava in buone
    condizioni economiche,quindi il montaggio di un'impianto specifico ad alte prestazioni per un
    basso numero di modelli stradali ,avrebbe portato alle stelle il costo dell'allestimento di una
    vettura del genere,l'idea sarebbe stata di costruirne 500 esemplari,ma come detto in precedenza
    ne furono messe in linea solamente 361.Non vorrei sbagliarmi ma un'impianto con freni da corsa
    sarebbe costato all'epoca quasi un terzo del valore della macchina,che dal canto suo costava sui
    15 milioni di Lire,la soluzione a doppia pinza rappresentava un buon compromesso e sicuramente
    un valido contributo all'economia di costruzione.
    le immagini della vettura con paraurti e cruscotto della 2a serie sono con ogni probabilità dei due
    primi modelli o prototipi,le altre 359 Giulietta turbodelta erano allestite con le finiture della 3a serie
    ma in sostanza il resto rimase invariato.
    Da catalogo la disponibilità di colore era solamente sul nero metallizzato doppio strato,ma io
    personalmente ne ho vista una marrone metallizzato ed una rossa,potrebbero anche state riverniciate
    a posteriori oppure ordinate così dal primo proprietario.
    Se ne dovrebbe parlare su di un Ruoteclassiche forse il n.1 del '91.alla prossima
     
  6. Bellissima questa auto :lovekop:...è il mio sogno, tempo fa ero tentato a prenderne una....ma non mi stà nel garage e allora ho mollato tutto......:mecry:
     
  7. un vero peccato,io ne andai a vedere una nel '90 chiedevano 12M,per me erano troppi considerando
    il tutto presi poi una 2.0 TI dell'83 di appena un anno più vecchia per 5M,altra macchina sicuramente,
    con la Giulietta 2.0 a carburatori con cambio 'corto' mi sono veramente divertito,ma rimpiango ancora
    di non aver preso la Turbodelta,ho comunque cercato di farmela da me con una 1.6 del '77 una vera
    bomba con il turbo,le 75 turbo vedevano soltanto la targa piccola piccola.
     
  8. Bella macchina!
    Mio padre ne aveva una, anche se è durata pochissimo!da 0-100 in 7 secondi!
    Un bel concentrato tecnica in puro Alfa Style (=alias contenendo i costi!).
    Comunque, bella l'idea delle doppie pinze dei freni e del doppio disco della frizione!
    La seconda/terza/quarta immagine sono della presentazione ufficiale fatta all'autodromo di Monza (si notino i cerchi diversi....ereditati dal GTV Gran Prix)

    P.s. MAURETTO devi troppo inviarmi le ultime immagini!!!
     
  9. Ciao Schuzzer,ben volentieri,ti riferisci alle immagini con gli schemi ?sono un pò pesanti ma te le invio.
    I tubi freno erano di tipo aeronautico o 'Aeroquip'.
    Nelle mie scorribande in rete ho scoperto che le Giulietta Turbodelta come quella della presentazione
    dell'autodromo di Monza a fine estate '82 prototipo o preserie erano due,che a quanto pare nonostante
    l'elevata potenza non soddisfecero le aspettative dell'ingegner Chiti a livello di coppia erogata ad alti
    regimi,quindi nell'inverno si studiarono delle modifiche alla distribuzione e alla carburazione che portarono
    alla serie presentata nell'estate '83 con 170 cv a 5000 rpm ad alla coppia eccezionale di 28,9 kgm a 3500
    rpm con pressione di sovralimentazione a 0.9 bar!
     
  10. qualche info in piu sul sistema frenante..si puo avere?!mhhhhh mi sta balzando l'idea di farlo artigianale sl 75.......visto che dal mese prossimo si parte con il "travaso" di motore....sbavvvv 148cv x 960kg..
     
  11. mah la cosa che ti posso consigliare è di procurarti le pinze Brembo e i dischi di una 147 GTA o di una
    156 GTA oppure coupè turbo 16v o 20v con un'adattatore al mozzo ed una passatina al tornio per i
    centraggi e sei più sicuro a livello di solidità gli interassi delle colonnette sono uguali alla 75 cambia il
    diametro del disco,io lo feci sulla mia utilizzando le pinze ed i dischi della Delta evo con la pompa di
    serie della 75 funziona,al posteriore ho anche montato i dischi ventilati e le pinze della Sz-Rz E30 ,ma
    cambia poco,monterei anche i tubi aeronautici verifica comunque gli ingombri coi cerchi,sulla mia ho
    montato anche i cerchi da 15" della delta, nel '93 '94 qullo c'era,la pinza è marchiata Lancia,mentre
    quelle che ti ho elencato sono marchiate Brembo o Alfaromeo