In vendita l'auto a idrogeno

Discussione in 'Ecologia' iniziata da Davide_QV, 13 Settembre 2006.

  1. in natura l'idrogeno non esiste allo stato puro per cui va risolto, in primis, il come crearlo e non ci vedo un gran che di ecologico nel produrlo partendo dal metano tenuto conto che, comunque, questa modifica richiede energia che, perlomeno in Italia, viene da fonti convenzionali come il carbone
     
  2. infatti l'idrogeno è un prodotto che affascina ma per averlo richiede energia, in un modo o in un'altro............in una fiera dell'ecologia qualcuno ventilava l'idea di prodotti radioattivi che immersi nell'acqua creavano l'elettrosi producendo H² e O², ma se si deve usare il nucleare per avere una produzione che basta un nulla e salta tutto per aria allora è meglio rimanere alle centrale nucleari che sono più sicure......dietro l'angolo c'è sempre l'ombra del pericoloso o tossico per ricavare questo combustibile.
     
  3. tra l'altro c'è poi da considerare anche il rendimento di queste trasformazioni, c'è ben poco di vicino al 100%
     
  4. ma mettere l'uranio in acqua non renderebbe l'acqua radioattiva?
     
  5. Sì, viene copntaminata però se ti ricordi la vicenda delle centrali nucleari giapponesi abbatute dalla gigantesca onda marina, vollero raffredare il nocciolo proprio con acqua marina e puntualmente ci fù un'esplosione, vabbè che con acidi o/e sali presente nella soluzione rendi conduttivo anche l'acqua distillata che è quasi non-conduttrice....era idrogeno che creava la combustione per elevato calore dopo essere stato prodotto dall'elettrosi.
    Con i prodotti radioattivi infatti non si riesce a calcolare quanto esporre e come tenere il nocciolo tranquillo, è molto instabile.

    il rendimento medio di celle elettrolitiche è sui 80% con acciao316, mentre se usi lastre in titanio puoi arrivare vicino al 95% ma con dei costi elevate per procurarti queste lastre, qualcuno anche ibride con lastre in alluminio arrivano sui 98%, ma poi consumi l'alluminio :D