Indicatore benzina

Discussione in 'Elettronica' iniziata da vins_84, 3 Febbraio 2013.

  1. Ciao a tutti, ho notato che l'indicatore benzina della 33 1a serie del mio amico non è ballerino come quello delle nostre 3a serie...
    Ora stavo pensando di provare a reperire un galleggiante 1a serie (sapete se è compatibile?) e vedere se così facendo si riesce a risolvere la questione della lancetta ballerina.

    In extremis ho pensato di provare a collegare un condensatore elettrolitico (devo rispolverare le mie nozioni di elettronica per stabilire se in serie o in parallelo) ai contatti del galleggiante: se non erro il compito del condensatore è quello di stabilizzare un segnale elettrico quindi, trovandone uno di adeguata capacità, si potrebbe ridurre l'oscillazione del segnale evitando il continuo sbacchettamento della lancetta...

    Che ne dite, sono fuori strada o forse potrebbe essere un'idea?
     
  2. Sto caricando...

    Potrebbe interessarti anche: Forum Data
    33 Boxer 16v qv - quali sensori danno consenso alla pompa benzina Elettronica 15 Dicembre 2011
    Smontare indicatori di direzione (frecce) sul passaruota Elettronica 7 Dicembre 2011
    Anomalia indicatore temp. acqua Alfa 33 Elettronica 5 Febbraio 2008

  3. Se riesci a risolvere quel maledetto difetto sei un genio.....Anche io stavo cercando qualche modifica o ke ma non sapevo proprio che fare anche perchè io e l elettronica non andiamo molto d accordo
     
  4. #3bobkelso,5 Febbraio 2013
    Ultima modifica: 5 Febbraio 2013
    Ciao Vins..sempre a inventare qualcosa per la 33 :D bravo bravo..
    Ps.: anch'io dovrei rispolverare un po' di elettronica..
    Ad occhio la posizione della lancetta dipende
    dall'intensità della corrente, che andrebbe stabilizzata un po',
    forse con un condensatore (parecchio grande) in parallelo ?

    ..se (se) non stiamo cannando ragionamento :grinser005:
    bisognerebbe capire a spanne quanta corrente (milliAmpere)
    passa in un secondo, in quegli indicatori (sul filo del segnale)
    e calcolare un condensatore con una capacità pari a quella corrente
    moltiplicata per diciamo almeno 10-20 o più sec (il tutto immagino
    calcolato a circa 12v) a fare da 'serbatoio tampone' di corrente
    e smorzare le oscillazioni di corrente di 2-3 sec dovute alle curve..

    Anche se è un sistema 'pezza' (ho letto l'altro post dove Maurizio spiegava
    che ci vorrebbe un galleggiante 'frenato') potrebbe funzionare.
    Sulle auto moderne per esempio smorzano le oscillazioni
    della lancetta della temperatura per nascondere le naturali
    oscillazioni di temperatura del motore, dovute alla apertura/chiusura
    della valvola termostatica e ai diversi carichi di potenza,
    sennò i meno esperti potrebbero spaventarsi vedendo la lancetta
    oscillare (in quel caso ogni qualche minuto)..li lo smorzamento
    credo sia per forza ottenuto elettronicamente (l'alternativa poco pratica
    sarebbe usare sensori termici con una inerzia termica e quindi una massa enorme),
    poi non so se sia ottenuto con un condensatore (li ne servirebbe uno con capacita
    ancora più grande, da 5-10 min) o con una schedina di controllo con microprocessore..
     
  5. Maurizio mica è ferrato in materia?? Proviamo a sottoporgli il problema.

    Per quello che ne so le auto recenti adottano delle paratie intorno al galleggiante per ridurre le oscillazioni (almeno, questo mi spiegò un meccanico anni fa ai tempi della mia 1a Imola).
    Comunque te che hai una seconda serie, confermi che l'indicatore è fermo? Mi sorge il dubbio che magari quello del mio amico è un po' inchiodato.

    Il problema di un condensatore sarebbe il tempo di accumulo, ovvero, quanto tempo ci impiegherebbe a caricarsi prima di erogare l'energia necessaria alla lancetta?!
     
  6. ..avevo una diciamo "seconda" serie (89),
    ma è tornata a mio padre ed è ferma
    da una vita in pessime condizioni..

    ..le paratie servono anche per pescare la benzina in curva :grinser005:..

    ..si per il condensatore si intendevo proprio quello,
    va dimensionato con un tempo di accumulo (per le intensità
    di corrente e voltaggio presente sul silo che porta il segnale)
    che sia di almeno 20- 40? sec (fattibile) se vuoi smorzare
    le oscillazioni del segnale sui tempi di 2-4 sec..

    l'opinione di Maurizio era qui
    https://forum.clubalfa.it/elettronica/64458-lancetta-benzina.html

    poi se ci legge magari aggiunge qualche altra dritta..
     
  7. forse per frenare il galleggiante si potrebbero applicare 2 molle con la stessa forza (x Nm) che lavorano una in modo antagonista all'altra collegate al braccio del galleggiante. Dico 2 in modo che il galleggiante non subisca l'interferenza di una sola delle due, in tal modo l'escursione dovrebbe essere quanto meno frenata.

    Non so se è chiaro...
     
  8. ..uhm..le molle non mi convincono,
    sono un elemento elastico, non smorzante..
    sarei curioso di vedere come sono fatti i galleggianti
    moderni per capire come realizzano l'"ammortizzatore"..

    ..allora meglio la prova del condensatore..
    anche molto più rapida e innocua..
    per le correnti in gioco come condensatore
    non dovrebbbe neanche essere troppo impegnativo,
    anche provare all'inizio riciclando quelli massicci (diametro 2cm)
    dentro gli alimentatori rotti dei Pc a leggere che capacità hanno..
     
  9. eppure se messe una antagonista all'altra dovrebbero frenare sia i movimenti in escursione che in compressione (stile ammortizzatore), no?
    chiaramente le molle dovrebbero esser morbide pena il blocco del galleggiante.

    una roba del genere
    foto Indicatore benzina - 1

    Mi scuso sin da ora per il disegno pietoso...

    Comunque appena recupero un condensatore ci provo...
     
  10. No, no: ho appena visto la forma del galleggiante su eper: non è fattibile il discorso molle per via dlla forma del braccio del galleggiante.
     
  11. #10bobkelso,5 Febbraio 2013
    Ultima modifica: 5 Febbraio 2013
    ..secondo me le molle renderebbero più veloci le oscillazioni
    e riducono l'escursione del galleggiante negli estremi..
    ma magari sbaglio..puoi provare con un modellino reale..

    per me per 'smorzare' ci vuole un elemento 'dissipativo',
    tipo un pistone che muove liquido attraverso una valvola calibrata
    come negli ammortizzatori,

    oppure in teoria aumentare l'inerzia (massa) del galleggiante,
    potrebbe funzionare, ma poi..non galleggia più :grinser005: !!
    allora bisognerebbe complicare un po' il tutto e fare
    un galleggiante piccolo e pesante controbilanciato da un contrappeso
    anche lui pesante ma con volume leggermente diverso,
    così comunque il galleggiante continuerebbe a seguire il livello della benzina
    ma si muoverebbe più lentamente per via della tanta massa coinvolta..
    magari con pure una frizioncina sul perno a smorzare ulteriormente..
    va da sé immagino non sia un sistema facile da realizzare visto il poco spazio

    o stesso principio anche due contrappesi opposti aggiunti al galleggiante originale
    .uhm..in pratica come il tuo modello con due contrappesi al posto delle molle :D
    (ma sospetto che perchè funzioni andrebbe ingegnerizzato parecchio,
    invece il sistema con il condensatore pareva più facile da fare artigianalmente)..

    bhe..per oggi mi ritiro..ne ho sparate abbastanza in stile Macchine di Munari
    (il designer Milanese che inventava marchingegni complicati, non il pilota)

    Ps.: comunque a me l'indicatore benzina ballerino non dispiace, mette allegria
    tipo stereo anni '70 :lol2:, invece mi infastisce un po' la non linearità,
    (altro difetto probabilmente del progetto del sensore sul galleggiante)
    quando la lancetta indica metà serbatoio in realtà sei a 1/3 o 1/4
    e a momenti devi iniziare a cercare un distributore..