Salviamo la pista di Monza !

Discussione in 'Sport e Motorsport' iniziata da Tibe, 24 Marzo 2006.

Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.
  1. #1 Tibe, 24 Marzo 2006
    Ultima modifica di un moderatore: 16 Giugno 2016
    E' importante...andate e firmate ! :Cool!!!:
    Link rimosso dava errore
     
  2. Sto caricando...

    Potrebbe interessarti anche:
    1. Renny
      Risposte:
      17
      Visite:
      2,006
    2. J.Kay
      Risposte:
      1
      Visite:
      832

  3. Ho già provveduto !!! Un'altra vergogna all'italiana !!! La petizione ha già superato abbondantemente le 9000 firme, chi non l'avesse sottoscritta provveda, per amor del cielo !!! :smiley_001: :smiley_001:
     
  4. Fatto! :Cool!!!:
     
  5. A seguito della decisione del Tribunale di Milano, di vietare le gare "troppo rumorose" fino a quando non saranno montati i sistemi per attutire l'inquinamento acustico, il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, ha deciso di intervenire con un progetto di legge regionale, per salvare l'autodromo brianzolo.
    "Monza è una meraviglia mondiale e non si tocca", ha detto il governatore Formigoni.
    Forse anche noi nel nostro piccolo abbiamo contribuito: bravi ! :Cool!!!:
     
  6. Ottima scelta Governatore! Dal tronde Formigoni non era quello che con la sua Maserati se la spassava a piu di 200km/h in Germania ??
     
  7. Ultime news....

    Autodromo di Monza - APPROVATA LA LEGGE (12/04/2006)

    --------------------------------------------------------------------------------
    Il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato, con grande celerità, la cosiddetta legge "salva-Monza", ovvero il provvedimento che dovrebbe mettere al riparo l'autodromo dall'impossibilità di organizzare certe manifestazioni, Gran Premio d'Italia compreso, senza violare la normativa sull'inquinamento acustico. Il testo, che ha visto il voto contrario solo di Verdi e Rifondazione Comunista, mentre altre partiti si sono astenuti, prevede la possibilità di sfruttare 37 giorni di deroga l'anno al limite di emissioni sonore fissato in 70 decibel (ricordiamo che le Formula 1 arrivano a 130 decibel) e allarga a una fascia di 500 metri dalla pista quella che viene considerata l'area di gara.

    L'autodromo si è comunque impegnato a innalzare barriere antirumore lungo il perimetro del tracciato, non appena ottenute le autorizzazioni necessarie. La vicenda, in realtà, è ancora complessa e delicata, perché resta valida la sentenza del giudice milanese che aveva dichiarato l'attività dell'autodromo dannosa per la salute di un gruppo di cittadini e aveva bloccato l'effettuazione di gare aperte a vetture senza silenziatore (come appunto le Formula 1 o le Formula 3000), ma i fondamenti giuridici ora sono cambiati e c'è la concreta speranza che tutto, per gli appassionati, finisca una buona volta per il meglio.


    Molto bene !!! :Cool!!!:
     
  8. Non mi pronuncio sul fatto se sia giusto o meno il lamentarsi dei cittadini che abitano intorno alla pista e del fatto di vietare o meno l'effettuarsi delle gare. Constato soltanto quanto facciamo cagare noi italiani. :disapp_anim: Basta modificare la legge. C'e' un criterio che salvaguarda la salute dei cittadini? Ci sono lamentele in tal senso che intendono far valere quel diritto? Benissimo..... si cambia quel diritto in modo che non sia piu' tale Che razza di paese........ :Vomito: ...... meglio gli albanesi.
     
  9. Come logica dei fatti hai perfettamente ragione, certo che da appassionato frequentatore delle gare monzesi non posso che essere felice di questa legge "modificata"... so che è da egoista dirlo, ma bisogna anche sottolineare che i signori che hanno comprato casa ai bordi del parco sono altrettanto egoisti, visto che l'autodromo c'è dal 1922 e ci si corre spesso e volentieri da sempre; avranno avuto dei buonissimi sconti quando acquistarono le loro case, dunque... :WC:
    Una mano lava l'altra e tutte e due lavano la faccia... :ernaehrung004:
     
  10. Bhe, certamente anche il tuo punto di vista non fa assolutamente una grinza. Certo e' comunque, che ormai, siccome si costruisce dappertutto in Italia, e' bene apportare delle infrastrutture stabili che limitino il piu' possibile lo spargersi del frastuono nelle aree circostanti, perche' sicuramente l'abitato sara' destinato a salire ulteriormente, ed a questo punto la salute dei residenti divientera' certamente un fatto non piu' derogabile.
     
  11. Il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato, con grande celerità, la cosiddetta legge "salva-Monza", ovvero il provvedimento che dovrebbe mettere al riparo l'autodromo dall'impossibilità di organizzare certe manifestazioni, Gran Premio d'Italia compreso, senza violare la normativa sull'inquinamento acustico.
    Il testo, che ha visto il voto contrario solo di Verdi e Rifondazione Comunista, mentre altre partiti si sono astenuti, prevede la possibilità di sfruttare 37 giorni di deroga l'anno al limite di emissioni sonore fissato in 70 decibel (ricordiamo che le Formula 1 arrivano a 130 decibel) e allarga a una fascia di 500 metri dalla pista quella che viene considerata l'area di gara.
    L'autodromo si è comunque impegnato a innalzare barriere antirumore lungo il perimetro del tracciato, non appena ottenute le autorizzazioni necessarie. La vicenda, in realtà, è ancora complessa e delicata, perché resta valida la sentenza del giudice milanese che aveva dichiarato l'attività dell'autodromo dannosa per la salute di un gruppo di cittadini e aveva bloccato l'effettuazione di gare aperte a vetture senza silenziatore (come appunto le Formula 1 o le Formula 3000), ma i fondamenti giuridici ora sono cambiati e c'è la concreta speranza che tutto, per gli appassionati, finisca una buona volta per il meglio. :Cool!!!:
     
Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.