(Sondaggio) Motore elettrico come locomozione

Funzionerà il motore elettrico come scomessa per ridurre il CO²?


  • Votatori totali
    103

Walterx09

Super Alfista
13 Dicembre 2021
857
1,025
144
47
Sepino (Campobasso)
Regione
Molise
Alfa
Giulia
Motore
2.0 Turbo 200cv
Il cerchio si chiude... adesso tutto sta cominciando ad avere un senso.
Il perché nessun costruttore europeo si preoccupi di produrre elettriche low cost, il perché i nostri "amati" politici stanno spingendo a morte per la transizione entro e non oltre il 2035 anche se non siamo e non saremo pronti, e tante altre menate....
Stanno facendo il letto ai cinesi, così possono prendere ancora meglio il controllo!!!
 

Tony_x

Super Alfista
21 Gennaio 2017
1,670
1,388
164
Regione
Trentino-Alto Adige
Alfa
Motore
//
Abbiamo pure aziende statali che gli danno una mano, d’altronde anche loro si fanno i loro conti come qualsiasi famiglia:
minchia che scorfano...

15 mila euro per un quadriciclo cinese da 80km/h ?
pensare che fino ad un paio di anni fa con 15 mila euri ti portavi a casa una fiat tipo


a mio modestissimo parere sarebbe più indicata l'emoticon con lo strapon
eh no, quello c'è a chi piace...
 

Tony_x

Super Alfista
21 Gennaio 2017
1,670
1,388
164
Regione
Trentino-Alto Adige
Alfa
Motore
//
Vi invito a leggere l' ultimo numero di alvolante in cui c'è un interessante articolo sul vero impatto ambientale delle auto elettriche e delle loro autonomie reali in rapporto a quelle dichiarate.

Ovviamente la più ottimistica è un modello cinese, dichiara 420 ma fa 250 rilevati.

Pure consumi dichiarati vs consumi reali di auto endotermiche, nel caso della classe A 200cdi i consumi rilevati nel ciclo combinato da alvolante risultano migliori di quelli del test di omologazione...
 
  • Haha
Reactions: AlfaAddicted

bobkelso

Super Alfista
20 Marzo 2008
1,990
407
136
Mi
Regione
Lombardia
Alfa
33
Motore
1.3 v.l. GPL
Ciao, da amante delle auto d'epoca, però riconosco i meriti del nuovo, mi piacciono molto anche le elettriche

..interessanti anche le ibride vere (non quelle con batterie minuscole buone giusto per passare le omologazioni antiinquinamento come le nuove panda/ypsilon "ibride") con abbastanza range da fare 100km prima di accendere il motore termico,

ho visto per caso questo test di una audi A1 ibrida.. acc.. scusate la parolaccia.. ("audi", non "ibrida").. a parte che a guidarla dice che si annoia perchè troppo facile, è una veicolo tecnicamente con dell'intelligenza:

Per chi ancora non è convinto dalla densità energetica delle batterie attuali ( per me già abbondante in uso urbano, furgoni per consegne, scooter, vetturette, vetture medie e grandi ), l'evoluzione nel settore è rapida, da un anno all'altro ci sono incrementi delle autonomie delle vetture del 20%

Qui un articolo su un prototipo mercedes di auto di grande taglia, si parla di batterie già esistenti (per ora troppo care) con densità energetica doppia rispetto a quelle attuali in largo uso ( Tesla e simili ):


hanno mostrato la fattibilità tecnica/chimica di una densità energetica 400Wh/litro;
le auto elettriche ora su strada hanno 180-250Wh/litro

per l'auto grossa dell'articolo è stata usata una batteria abbastanza grande, di capacità di 100 Kwh,
peso 500kg (a parità di capacità pesa 30% in meno delle attuali) e con volume 200 x 126 x 11 cm ( 50% volume in meno)

Per un'auto media non troppo alta e non troppo grande, stile peugeot 308 da 4 metri,
ci si potrebbe accontentare già anche di 300-400km di autonomia con batteria da 50Kwh,
con le batterie di cui sopra significa che la batteria scende dai 370kg attuali a 250kg,
e il gruppo motore-cambio in una elettrica pesa 100kg in meno dell'equivalente termica con scappamento e accessori vari, l'aggravio di peso sarebbe di 150kg, cioè si sta riducendo;
anche il volume della batteria diventa interessante, 50kwh in 100 x 126 x 11 cm, starebbe già solo sotto ai sedili posteriori,

E già la 308 elettrica attuale, con batterie meno dense da 40-50-60 Kwh, ha la batteria con ingombro che arriva sino sotto al sedile guidatore ma non si estende nella zona dei piedi, infatti ha un altezza da auto normale, poco più di 1,4m, non è più alta come le auto della generazione appena precedente, con vantaggio di autonomia nella guida in autostrada

Auto elettriche orientali premium in uscita mi pare sono già sui 280-300Kwh/litro e ricariche rapide a 15 minuti (!)

----------

..sarà inevitabile.. un po' alla volta l'elettrico diventerà una fetta, se non la maggior percentuale, dei veicoli del parco circolante, IMHO per meriti, ecologici e anche di convenienza economica, che a breve sarà su tutti gli aspetti, prima ancora che per i vincoli che risulteranno più simbolici (2035, 2040, 2045 etc) imposti ai costruttori per aiutare l'aggiornamento della gamma, e abbiamo molti anni a disposizione per "abituarci" e aspettare che i prezzi diventino inferiori quando la catena produttiva sarà meno recente

sulla resa ecologica, compresa fase di produzione, consumi,manutenzione, smaltimento, la loro validità per me è già stata provata da tanti studi autorevoli, non mi chiedete di fare la lista, chi vuole se li legge, qui mi piace cazzeggiare un po in relax.. non mi importa di "dimostrare" ..la tecnologia e il mercato evolvono lo stesso..

idem il vantaggio dell'assenza di produzione di polveri sottili (assoluta per il motore e un vantaggio cospicuo anche sulle polveri dei freni), polveri pm10 - pm2 che sono una piaga per la salute nelle città; fuori città non importa, li chi vuole per me può girare anche con un'auto a carbone, i fumi si diluiscono e il terreno con il verde li cattura; è strettamente in città che personalmente invece permetterei già oggi solo elettriche e GPL-metano ( hanno poche o nessune polveri fini), al limite una breve transizione di pochi anni per esaurire le benzina euro 3-4 o superiori non messe a gas, il diesel mi spiace ma in città è un problema per le polveri fini ( ci sono anche se con il fap non si vedono più ad occhio ) ;
lo dico da possessore di auto euro 0-1-2, che dovrei buttare, tranne una già a gpl, cioè contro i miei interessi economici e di affezione ai mie mezzi, ma per i miei e altrui interessi di salute per l'aria respirata in città (più che altro è un problema sentito in pianura padana, dove non c'è ventilazione e ricambio di aria, lo smog è tanto, cercatevi qualche mappa satellite su google dell'europa o del mondo, la pianura padana è un punto mondiale di massimo smog), per un domani invecchiare un po più in salute
----------
1664240053335.png

Da bambino giocavo con le macchine radiocomandate in kit scala 1:10 ( Tamyha, khyosyo o come caspita si scrivono :) , etc ) forse questo mi ha reso le auto elettriche più simpatiche; chi ci giocava, le smontava e rimontava, intuiva già 30 anni fa che le elettriche erano mostruosamente avvantaggiate in tanti aspetti rispetto alle auto a scoppio, nel RC ( Radio Controlled (micro) cars) le affiancarono e superarono (nonostante in RC si usi praticamente un carburante da corsa per i motori a scoppio) in pochi anni, la battaglia era impari, robustezza, semplicità, più facilità ad avere prestazioni assurde che sbriciolano i pneumatici e le sospensioni, sarebbe stato solo questione di tempo ( costi e autonomia ) prima che arrivassero anche sulle auto scala 1:1;
avevano anche meno fascino delle RC a scoppio? forse, non sono sicuro, ma anche non ti affumicavano e andavano sempre

inizialmente erano un po' limitate, c'erano le batterie nichel-cadmio, 350 grammi con capacità 1300 mAh ( se rapportati ad auto scala 1:1 avrebbero pesato 350kg ), potevi far correre l'auto con prestazioni equivalenti a una Formula 1 ( le più vecchiotte RC con velocità di punta tra i 30 e i 40km/h, ma in scala 1:10, cioè 300Km/h) per 10-12 minuti prima di scaricarle, oppure un uso più tranquillo per 30-45 minuti con un motore più piccolo; le ricariche si potevano fare lente di 8 ore, o rapide di 15 minuti, un po' come le auto grandi di ora;
chi non era danaroso per comprare i motori elettrici più racing poteva fare "tuning" aggiungendo un elemento in più alla batteria, il voltaggio saliva da 7,2 volt a 8,4 volt e già il radiomodello diventava una scheggia impazzita

erano batterie comunque già molto più dense ( 3x ? ) delle batterie al piombo delle prime Fiat Panda elettriche, che con batterie al piombo che occupavano tutto lo spazio dei sedili posteriori faticavano a fare 80 km di autonomia

poi sono arrivare le batterie Metal idruro, stesso peso, 300gr circa, 2100 mAh, la carica durava quasi il doppio;
anche le vecchie panda elettriche e le prime 600 elettriche furono riconverite con queste batterie iniziando a diventare più usabili, mentre in america erano già disponibili kit per elettrificare le auto d'epoca tipo i maggiolioni (e in italia per il vecchio cinquino, ma con molte più problemi di omologazione in italia)

poi le prime batterie al litio, per el auto 1:10 RC con capacitacrescenti, 3200, 3600, 4500, 5200, 6200 mAh, con un motore non tiratissimo e batterie non risicate l'auto giocattolo può andare per ore, se si rapporta a un'auto 1:1 la situazione è la stessa, autonomia di varie ore di utilizzo

il parallelismo tra scala 1:10 e scala 1:1 come pesi e prestazioni lo ho in testa da sempre, sarà per questo che mi sembra naturale vedere oggi diffondersi le auto elettriche

ora per le auto elettriche in realtà non ci sono solo le batterie al litio, in base all'uso ci sono una rosa di possibilità, volendo se ci fosse bidsogno alcune sono fatte di materiali economici e semplici (es. le batterie mi pare a sali di sodio qualche anno fa c'erano auto francesi con queste batterie), usabili in uso cittadino perchè con meno capacità di quelle al litio, comunque ad ora queste sono le più prestanti e vengono richieste dai consumatori anche se ancora costose perchè a parte magari mezzi aziendali per le consegne non ci si accontenta ad es. di 200-250km effettivi di automia di una modesta batteria al sodio, ci siamo fatti la gola (un po da viziati) a cercare di arrivare a 400km effettivi e mille migliaia di CV di potenza motore :)

-------------

Aereo biposto elettrico, previsto in commercio entro un anno ( a spanne ), con le batterie ad alta densità, 90minuti di volo:


E per quanto sembri non intuitivo ( le batterie pesano ), pare sia previsto che arriveranno anche per piccole tratte aerei passeggeri 4-8-16 posti elettrici perchè progressivamente più convenienti di quelli a motore convenzionale

Miracoli della chimica, man mano che aumenta la densità energetica dlle batterie la bilancia della convenienza/usabilità si sposta.. leggevo si parla anche di camion e navi elettrici, inizialmente per tratte non lunghe o ibridi con motore generatore efficente e piccole dimensioni..
 
Ultima modifica:

Tony_x

Super Alfista
21 Gennaio 2017
1,670
1,388
164
Regione
Trentino-Alto Adige
Alfa
Motore
//
aspettare che i prezzi diventino inferiori quando la catena produttiva sarà meno recente
Si... E gli asini volano

Ti devo forse ricordare gli aumenti di prezzi dal 2019 ad oggi? Ti devo forse ricordare le quotazioni del litio in continua w rapida ascesa? Ti devo forse ricordare tante altre cose che evidenziano come NON è affatto sostenibile su larga scala?
 

AsdasdGiulia

Super Alfista
7 Marzo 2017
5,553
6,684
164
Regione
Piemonte
Alfa
Giulia
Motore
2.2 150cv mt6
Ciao, da amante delle auto d'epoca, però riconosco i meriti del nuovo, mi piacciono molto anche le elettriche

..interessanti anche le ibride vere (non quelle con batterie minuscole buone giusto per passare le omologazioni antiinquinamento come le nuove panda/ypsilon "ibride") con abbastanza range da fare 100km prima di accendere il motore termico,

ho visto per caso questo test di una audi A1 ibrida.. acc.. scusate la parolaccia.. ("audi", non "ibrida").. a parte che a guidarla dice che si annoia perchè troppo facile, è una veicolo tecnicamente con dell'intelligenza:

Per chi ancora non è convinto dalla densità energetica delle batterie attuali ( per me già abbondante in uso urbano, furgoni per consegne, scooter, vetturette, vetture medie e grandi ), l'evoluzione nel settore è rapida, da un anno all'altro ci sono incrementi delle autonomie delle vetture del 20%

Qui un articolo su un prototipo mercedes di auto di grande taglia, si parla di batterie già esistenti (per ora troppo care) con densità energetica doppia rispetto a quelle attuali in largo uso ( Tesla e simili ):


hanno mostrato la fattibilità tecnica/chimica di una densità energetica 400Wh/litro;
le auto elettriche ora su strada hanno 180-250Wh/litro

per l'auto grossa dell'articolo è stata usata una batteria abbastanza grande, di capacità di 100 Kwh,
peso 500kg (a parità di capacità pesa 30% in meno delle attuali) e con volume 200 x 126 x 11 cm ( 50% volume in meno)

Per un'auto media non troppo alta e non troppo grande, stile peugeot 308 da 4 metri,
ci si potrebbe accontentare già anche di 300-400km di autonomia con batteria da 50Kwh,
con le batterie di cui sopra significa che la batteria scende dai 370kg attuali a 250kg,
e il gruppo motore-cambio in una elettrica pesa 100kg in meno dell'equivalente termica con scappamento e accessori vari, l'aggravio di peso sarebbe di 150kg, cioè si sta riducendo;
anche il volume della batteria diventa interessante, 50kwh in 100 x 126 x 11 cm, starebbe già solo sotto ai sedili posteriori,

E già la 308 elettrica attuale, con batterie meno dense da 40-50-60 Kwh, ha la batteria con ingombro che arriva sino sotto al sedile guidatore ma non si estende nella zona dei piedi, infatti ha un altezza da auto normale, poco più di 1,4m, non è più alta come le auto della generazione appena precedente, con vantaggio di autonomia nella guida in autostrada

Auto elettriche orientali premium in uscita mi pare sono già sui 280-300Kwh/litro e ricariche rapide a 15 minuti (!)

----------

..sarà inevitabile.. un po' alla volta l'elettrico diventerà una fetta, se non la maggior percentuale, dei veicoli del parco circolante, IMHO per meriti, ecologici e anche di convenienza economica, che a breve sarà su tutti gli aspetti, prima ancora che per i vincoli che risulteranno più simbolici (2035, 2040, 2045 etc) imposti ai costruttori per aiutare l'aggiornamento della gamma, e abbiamo molti anni a disposizione per "abituarci" e aspettare che i prezzi diventino inferiori quando la catena produttiva sarà meno recente

sulla resa ecologica, compresa fase di produzione, consumi,manutenzione, smaltimento, la loro validità per me è già stata provata da tanti studi autorevoli, non mi chiedete di fare la lista, chi vuole se li legge, qui mi piace cazzeggiare un po in relax.. non mi importa di "dimostrare" ..la tecnologia e il mercato evolvono lo stesso..

idem il vantaggio dell'assenza di produzione di polveri sottili (assoluta per il motore e un vantaggio cospicuo anche sulle polveri dei freni), polveri pm10 - pm2 che sono una piaga per la salute nelle città; fuori città non importa, li chi vuole per me può girare anche con un'auto a carbone, i fumi si diluiscono e il terreno con il verde li cattura; è strettamente in città che personalmente invece permetterei già oggi solo elettriche e GPL-metano ( hanno poche o nessune polveri fini), al limite una breve transizione di pochi anni per esaurire le benzina euro 3-4 o superiori non messe a gas, il diesel mi spiace ma in città è un problema per le polveri fini ( ci sono anche se con il fap non si vedono più ad occhio ) ;
lo dico da possessore di auto euro 0-1-2, che dovrei buttare, tranne una già a gpl, cioè contro i miei interessi economici e di affezione ai mie mezzi, ma per i miei e altrui interessi di salute per l'aria respirata in città (più che altro è un problema sentito in pianura padana, dove non c'è ventilazione e ricambio di aria, lo smog è tanto, cercatevi qualche mappa satellite su google dell'europa o del mondo, la pianura padana è un punto mondiale di massimo smog), per un domani invecchiare un po più in salute
----------
Visualizza allegato 240789
Da bambino giocavo con le macchine radiocomandate in kit scala 1:10 ( Tamyha, khyosyo o come caspita si scrivono :) , etc ) forse questo mi ha reso le auto elettriche più simpatiche; chi ci giocava, le smontava e rimontava, intuiva già 30 anni fa che le elettriche erano mostruosamente avvantaggiate in tanti aspetti rispetto alle auto a scoppio, nel RC ( Radio Controlled (micro) cars) le affiancarono e superarono (nonostante in RC si usi praticamente un carburante da corsa per i motori a scoppio) in pochi anni, la battaglia era impari, robustezza, semplicità, più facilità ad avere prestazioni assurde che sbriciolano i pneumatici e le sospensioni, sarebbe stato solo questione di tempo ( costi e autonomia ) prima che arrivassero anche sulle auto scala 1:1;
avevano anche meno fascino delle RC a scoppio? forse, non sono sicuro, ma anche non ti affumicavano e andavano sempre

inizialmente erano un po' limitate, c'erano le batterie nichel-cadmio, 350 grammi con capacità 1300 mAh ( se rapportati ad auto scala 1:1 avrebbero pesato 350kg ), potevi far correre l'auto con prestazioni equivalenti a una Formula 1 ( le più vecchiotte RC con velocità di punta tra i 30 e i 40km/h, ma in scala 1:10, cioè 300Km/h) per 10-12 minuti prima di scaricarle, oppure un uso più tranquillo per 30-45 minuti con un motore più piccolo; le ricariche si potevano fare lente di 8 ore, o rapide di 15 minuti, un po' come le auto grandi di ora;
chi non era danaroso per comprare i motori elettrici più racing poteva fare "tuning" aggiungendo un elemento in più alla batteria, il voltaggio saliva da 7,2 volt a 8,4 volt e già il radiomodello diventava una scheggia impazzita

erano batterie comunque già molto più dense ( 3x ? ) delle batterie al piombo delle prime Fiat Panda elettriche, che con batterie al piombo che occupavano tutto lo spazio dei sedili posteriori faticavano a fare 80 km di autonomia

poi sono arrivare le batterie Metal idruro, stesso peso, 300gr circa, 2100 mAh, la carica durava quasi il doppio;
anche le vecchie panda elettriche e le prime 600 elettriche furono riconverite con queste batterie iniziando a diventare più usabili, mentre in america erano già disponibili kit per elettrificare le auto d'epoca tipo i maggiolioni (e in italia per il vecchio cinquino, ma con molte più problemi di omologazione in italia)

poi le prime batterie al litio, per el auto 1:10 RC con capacitacrescenti, 3200, 3600, 4500, 5200, 6200 mAh, con un motore non tiratissimo e batterie non risicate l'auto giocattolo può andare per ore, se si rapporta a un'auto 1:1 la situazione è la stessa, autonomia di varie ore di utilizzo

il parallelismo tra scala 1:10 e scala 1:1 come pesi e prestazioni lo ho in testa da sempre, sarà per questo che mi sembra naturale vedere oggi diffondersi le auto elettriche

ora per le auto elettriche in realtà non ci sono solo le batterie al litio, in base all'uso ci sono una rosa di possibilità, volendo se ci fosse bidsogno alcune sono fatte di materiali economici e semplici (es. le batterie mi pare a sali di sodio qualche anno fa c'erano auto francesi con queste batterie), usabili in uso cittadino perchè con meno capacità di quelle al litio, comunque ad ora queste sono le più prestanti e vengono richieste dai consumatori anche se ancora costose perchè a parte magari mezzi aziendali per le consegne non ci si accontenta ad es. di 200-250km effettivi di automia di una modesta batteria al sodio, ci siamo fatti la gola (un po da viziati) a cercare di arrivare a 400km effettivi e mille migliaia di CV di potenza motore :)

-------------

Aereo biposto elettrico, previsto in commercio entro un anno ( a spanne ), con le batterie ad alta densità, 90minuti di volo:


E per quanto sembri non intuitivo ( le batterie pesano ), pare sia previsto che arriveranno anche per piccole tratte aerei passeggeri 4-8-16 posti elettrici perchè progressivamente più convenienti di quelli a motore convenzionale

Miracoli della chimica, man mano che aumenta la densità energetica dlle batterie la bilancia della convenienza/usabilità si sposta.. leggevo si parla anche di camion e navi elettrici, inizialmente per tratte non lunghe o ibridi con motore generatore efficente e piccole dimensioni..
Inziate tutti così:
“Ciao, da amante delle auto d'epoca….”😁

L’A1 sarà tecnologica quanto ti pare, ma è una noia mortale, mi terrò ben lontano da aborti del genere: dentro quella o una bara al cimitero è la stessa cosa.
Le auto elettriche sono il perfetto esempio di economia usa e getta, un mezzo di questo tipo diventerà obsoleto rapidamente come tutte le tecnologie molto avanzate, uno Startac negli anni 90 era figo ma dopo due anni era da buttare nel WC: le elettriche sono la stessa identica cosa. Ci sono in giro ancora parecchie Panda coeve del VHS: tu usi ancora il VHS?
Si parla di riciclo delle batterie, a quello forse si sta per arrivare anche se costa altra energia ed altra CO2 emessa, già elevatissima per produrle; altro problema sono gli inverter ed elettronica di controllo, le schede elettroniche non si possono riciclare in un processo virtuoso, finiscono direttamente in Africa, abbandonate o bruciate all’aria aperta per recuperare un po’ di oro.

Se nelle città vogliono ridurre l’inquinamento, spendano due soldi per rimettere in sesto gli impianti di riscaldamento, aderiscano al teleriscaldamento: le polveri sottili schizzano alle stelle appena si scaldano gli immobili, vi siete già dimenticati che con il Covid e traffico a zero l’inquinamento non è sceso?
Se poi il problema sono le città, perché insistere con auto elettriche da 700cv, con grandi batterie enormemente inquinanti da produrre, quando basterebbero tanti piccoli mezzi per questo uso?
Immaginate se vi succedesse mai questo dentro la vostra futura Abarth elettrica, aumentiamola ancora questa densità energetica nelle batterie dai, che poi…

Nota finale: Salici tu su un aereo a pile, portati insieme qualche amico di qualche associazione ambientalista grazie alla quale in Italia cementificheremo di pannelli ettari di terreno coltivabile
 

Chi Siamo

  • L’obiettivo primario di Club Alfa è quello di riunire, in spirito di amicizia tutti i possessori di autovetture “Alfa Romeo”, ed i simpatizzanti, dotati di autovetture anche di altra casa automobilistica.
    Nata come community ispirata ai grandi forum d’oltreoceano, Club Alfa diventa rapidamente il luogo principale di aggregazione ed informazione del mondo Alfa Romeo e FCA.
    Maggiori Informazioni.

Funzioni Utente