spider 2000 - taglio alimentazione a caldo

Discussione in 'Twin Spark' iniziata da carlospider, 31 Marzo 2007.

  1. Buongiorno a tutti,

    magari qualcuno sa darmi una dritta per non costringermi a sostituire uno ad uno tutti i sensori e attuatori... (scusate se mi dilungo, ma il difetto è curioso)

    ho una spider 2000 del 2000 (114 kW) con 45'000 km circa. Lo scorso anno ho sostituito il debimetro (a 40'000 km!) con ricambio orginale presso rete ufficiale (la sonda lambda non è stata sostituita come si fa a volte causa imbrattamento dopo aver utilizzato l'auto con debimetro difettoso).

    Tutto sembrava essere ok, ma poi ha iniziato a manifestarsi un fastidioso (e a volte pericoloso) difetto.

    Dopo qualche centinaio (150-180) di km di guida 'allegra' collinare il motore inizia a talgiare completamente alimentazione (come se si rilasciasse l'acceleratore) in uscita di curva ed in generale in accelerazione dopo un rilascio di qualche secondo. Il difetto peggiora progressivamente e addirittura diventa difficile raggiungere i 130 kmh dopo i rallentamenti ai portali telepass (sono costretto ad accelerare molto poco e progressivamente, per nono provocare i misteriosi tagli).

    Il taglio ha durate variabili da 1 a 3-4 secondi, poi il motore si riprende. A volte però si innescano delle 'oscillazioni' di 1-2 secondi con aperture e rilasci consecutivi... e dire che io non bevo mai prima di mettermi al volante...

    Serve a poco fermarsi a far raffreddare il motore, anche aspettando 10-15 min il difetto si ripresenta in breve tempo.

    Il difetto sembra peggiorare dopo lunghi tratti autostradali: all'uscita su strada normale si richia di farsi tamponare ad ogni semaforo e si raggiungono i 30-40 kmh al massimo.

    La cosa strana e che succede solo sopo 150 km circa quando il motore è già caldo da un bel po'.

    Non ci sono errori in diagnostica, ne presenti ne storici e nessuna spia che si accenda. Sono già stati sostituiti i cavi delle cendele secondarie (secondo me non c'entravano niente... vabbè) senza risultato (se non per il portafoglio).

    Il meccanico non sa che dire, ipotizza un possbile difetto al termostato acqua che provochi abbassamenti temperatura e quindi arricchimento non dovuto della miscela. Propone un'analisi con pc quando il difetto sia presente per controllare i valori letti in quel momento (cosa non semplice evidentemente, visto che tutti e due lavoriamo...)

    Non so se sia il caso di provare a sostituire la lambda, non vorrei buttare altri soldi per niente. Quancuno ipotizza anche difetti alla valvola farfalla motorizzata.

    bbbbooohhhh...

    Lancio l'appello via web, visto mai.

    Saluti e grazie a tutti quelli che vorranno contribuire.

    Carlo
     
  2. Sto caricando...


  3. Ciao Carlo e ri-benvenuto tra noi Spideristi Gtvisti. Direi che sei stato molto preciso nell'esporre il difetto : good . :

    Dunque, prima domanda di rito, senza offesa che meccanico è? Generico? Generico ma bravo? Consiglio : portarla presso un conce ufficiale preparato adeguatamente.
    Questo perchè la teoria legata al termostato non è da buon meccanico direi, che la temperatura acqua stia bassa causa rottura termostato è vero ma non impatta minimamente sul rapporto stechiometrico della miscela gassosa (leggi rapporto aria-benzina).

    Per me il difetto è (in ordine di classifica) :

    1) Valvola corpo farfallato sporca
    2) Iniettori sporchi
    3) Sonda lambda
    4) Pompa benzina

    :decoccio:
     
  4. ciao decoccio,

    il meccanico è un autorizzato Alfa da anni 'sulla piazza' (tra l'altro la piazza sotto casa...). Di solito ci azzecca, anche se in questo caso effettivamente la soluzione tarda un po'... per fortuna è la seconda auto e quindi posso permettermi tempi più lunghi, ma mi sa che se non ne esco proverò con un altro.

    A proposito di iniettori e corpo farfallato sporchi: secondo te la pulizia è fattibile a costi ragionevoli e con qualche speranza di risultato o si è mediamente costretti all'usa (poco) e getta (spesso) come coi debimetri-truffa delle auto moderne?

    Grazie

    saluti

    Carlo
     
  5. Se non ti imbatti in un pezzo rotto durante lo smontaggio, generalmente una buona pulizia è più che sufficiente. Diverso è il caso dei debimetri, i meccanici seri sanno benissimo che pulire o peggio cercare di sistemare un debimetro è inutile e dispendioso, si cambia e stop. Sono pieni i forum di gente che cerca di aggiustarli...va bene solo se uno si vuol divertire un pò con la meccanica, ma per risolvere il problema definitivamente è necessaria la sostituzione.
    :decoccio:
     
  6. Un aggiornamento:

    valvola farfalla controllata, era ok.

    il difetto continua. Ho notato che comincia a manifestarsi soprattutto in uscita da curve lente e poi anche su asfalto sconnesso. Inoltre premendo la frizione durante il 'taglio' il motore si spegne.

    Mi farebbe pensare effettivamente ad un problema sulla pompa benzina tipo usura spazzole collettore motorino (o qualcosa di simile, tipo blocco molle recupero gioco usura spazzole), che si manifesta quando la pompa comincia a scaldare (forse dopo 1-2 h di uso la temperatura nel serbatoio sale un po' e la pompa lavora a temperatura un po' maggiore, boh).

    E' come se in presenza di una accelerazione (longitudinale o trasversale) venisse a mancare il contatto e la pompa si fermasse per un attimo, fino a 2-4 sec per poi ripartire di colpo al primo scossone più o meno 'random'.

    Mi pare più probabile che il problema sia sul collettore motorino che su un connettore lungo la linea di alimentazione motirino, visti i tempi necessari alla comparsa del problema. Se fosse un connettore difettoso forse scalderebbe subito e il difetto comparirebbe dopo pochi km, invecie magari la pompa impiega più tempo a scaldarsi perchè raffreddata dalla benzina.

    Purtoppo il ricambio ha un costo assurdo (sui 400 euro), quindi proverò ancora a fare qualche misura di corrente prima di sostuirla, per vedere se manca alimentazione o se si interrompe il circuito.

    vedremo.

    Qualcuno ha notizie di difetti ricorrenti alle pompe?
    Sapete se ci sono ricambi non originali aprezzi decenti?

    Grazie

    Saluti a tutti.
     
  7. Uhmmm...non ne sarei così sicuro, dipende da connettore a connettore, quando ci si mettono sono veramente basta@di i connettori.... :angryraz:
    Richiami o difetti sulle pompe non ne ho mai visti nè sentiti, tutto secondo la normale usura, perlomeno sul Gtv.
    Hai mica provato a vedere se è l'interruttore inerziale di sicurezza che taglia l'afflusso benzina in caso di incidente? E' posto sulla sx in basso lato guidatore, è un interruttore che scatta in presenza di un certo tipo di urto proprio per bloccare l'alta pressione benzina agl iniettori scongiorando il pericolo di incendio in caso di incidente.Magari è difettoso e ti provoca quell'anomalia. Leggi il libretto su come disattivarlo/attivarlo. :allesmoegliche009:
     
  8. Ho fatto qualche altra prova su strada (per ora non sono riuscito a trovare un punto di misura sicuro per la tensione alimentazione pompa bz. Il relè in vano motore sembra ok, ha solo i terminali un po' 'cotti', lo cambierò ma non credo sia il colpevole).

    La cosa iteressante è la seguente: dopo i soliti 120-130 km il difetto comincia a comparire. Stavolta ho cercato una stradina sperduta e ho potuto fare ulteriori prove.

    In pratica accelerando al massimo in prima si hanno 1-2 sec di accelerazione, poi il taglio di 2-3 secondi, poi la ripresa. All'inizio succede una volta, poi verso i 200 km è un dondolìo continuo.

    Il comportamento è simile con le marce più alte, ma meno accentuato. Non saprei se per via della maggiore accelerazione veicolo e della maggiore accelerazione angolare motore che magari mette più in evidenza un problema di afflusso carburante.

    Premendo la frizione durante il taglio (mantenendo acceleratore premuto) il motore cala di giri fino intorno ai 1000-1500 (partendo dai 4000 circa) per poi ripartire di colpo. Questo mi farebbe pensare più a un problema di elettronica che di flusso benzina, ma non conosco bene il circuito alimentazione e la disposizione dei regolatori di pressione.

    Se durante la fase di calo si fa un po' di 'slalom', tipo riscaldamento gomme, la ripresa non avviene e il calo giri continua fino allo spegnimento del motore. E questo è pò in contrasto con l'ipotesi 'elettronica'...

    Una volta comparso il difetto in autostrada non si riescono a superare i 90-100 kmh (pena andatura a singhiozzo) e comunque ci si può arrivare solo accelerando molto dolcemente. Se ci si ferma 10 minuti a motore spento si può ripartire e il difetto sparisce, ma rientrando su strada normale ricompare quasi subito.

    Se fosse davvero la pompa che taglia mi pare stano il fatto che il motore si riprenda sempre intorno ai 1000-1500 giri e si spenga zigzagando.

    In pratica: sono a un punto morto... :)

    Darò un'occhiata all'int inerziale, ma mi pare che sia un contatto irreversibile con riarmo manuale quindi (salvo difetti connessioni) una volta aperto dovrebbe restarlo.

    Mi resta poi l'antifuto. E' originale ma pare montato in concessionaria (in modo piuttosto osceno: con fasci cavi non protetti, fusibili volanti e porcherie del genere). Non so se quel tipo di antifurto (M...m, tanto per non citare il contruttore) preveda il taglio alimentazione pompa però.

    Se fossi proprio obbligato a sostituire la pompa in compenso ho trovato delle non originali a partire da 160 euro...

    alla prossima

    saluti
     
  9. Mi spiace, sono quei problemi (magari stupidi) difficili da individuare se non andando per esclusione o per tentativi cambiando i pezzi ma, ahimè, questa non è la miglior soluzione sia dal punto di vista tecnico e tantomeno da quello del portafoglio... :fragend013:
    Cmq ora dalla mia tabella hai eliminato la prima voce, continua con la seconda 'iniettori sporchi', poi con la terza 'sonda lambda' ecc.
    Good luck .:stretta:.
     
  10. Un aggiornamento.

    ho provato a cambiare officina (sempre ufficiale). Questa volta in dignostica c'erano due errori ricorrenti: corto circuito a massa sonda lambda (a 3100 giri) e paramero FRA sopra limite superiore (a 3200 giri).

    La cosa sembrava ricondurre ad un difetto della sonda, quindi è stata sostituita.

    Risultato: un bel niente. Difetto identico. Tornerò in officina per una nuova lettura.

    In compenso adesso la spesa è salita a 400 euro per cambiare pezzi che funzionavano anche prima.

    dopo penso che non mi resterà che il demolitore... mantenere la Ricambi non è certo lo scopo della mia vita... :)
     
  11. Beh...abbi pazienza...ma a questo punto qualche dubbio sulle officine di Torino e dintorni incomincio a nutrirlo .: sgrat :. anche se dappertutto si trovano i bravi e meno bravi ecc.ecc.

    Se tu fossi di Milano ti consiglierei tre posti ove SICURAMENTE ti risolverebbero il problema una volta per tutte :

    1) Il nostro affiliato SRV racing (Officina Danimarca) vedi convenzioni per indirizzo

    2) Il Balduzzi di Lodi (Mi)

    3) Il Ferraris di Opera (Mi)

    :fragend013: