Le Alfa di papà : la Giulia 1600 TI , anno : 1966

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

anviott

Nuovo Alfista
24 Febbraio 2015
15
4
4
SV
Regione
Liguria
Alfa
GTV
Motore
2.0 6V Turbo
Altre Auto
Fiat Spider 1.4
Fiat Coupé 2.0 5valvole Turbo
Fiat Coupé 2.0 5 valvole
Matra Bagheera 1.3
Lancia Beta coupé 1600
Delta 1600 Lancia
Lancia Fulvia
Qualche anno dopo papà sostituì la Giulietta con la più moderna Giulia, dallo stile più corsaiolo, caratterizzata dal muso corto e grintoso, dal cofano discendente verso lo scudetto triangolare il simbolo Alfa Romeo. Dietro la caratteristica coda tronca, mozzafiato, derivata dalle esperienze sportive della gestione corse della casa, divenuta poi l’Autodelta dell’Ing. Carlo Chiti.
Tale soluzione permise di ottenere un coefficiente di penetrazione migliore con effetti positivi sulla ripresa e sulla velocità di crociera.
Le novità ? Il cambio era a cinque marce con leva a cloche sul pavimento e i freni a disco, davanti e dietro. Ecco in sintesi le caratteristiche: motore bialbero a 4 cilindri in linea, 1570 cmc. valvole a V, potenza : 90 cavalli. Sospensioni anteriori a ruote indipendenti, bracci traversali e biella obliqua; posteriore ad assale rigido, bracci longitudinali .Trazione posteriore, cambio a 5 marce. Velocità max : Kmh. 168 . Ma “Quattroruote” nella prova su strada rilevò invece 175 Kmh effettivi.
E l’anno dopo, il 1966, ancora a Montecatini Terme. Il viaggio con la Giulia 1600 ti verde, anch’essa docile ma più scattante e con poco rollio stavolta, rispetto alla Giulietta. In più il rombo particolare e intramontabile del bialbero Alfa Romeo, che il gran motore emetteva ! Indimenticabile l’atmosfera dell’alfista anni ’60.
Ricordi poi il viaggio nell’entroterra genovese ?
La sosta imprevista a Crocefieschi, dove si festeggiava il patrono locale con la processione dei crocifissi portati a braccio che si stava avvicinando.
Se quel crocifisso cadesse su di noi, pensavo!
In quel preciso momento, ….bang, ecco il primo crocifisso scivolare dalle braccia del portatore e piombare sul parafango della povera Giulia.
Ti feci male ? Fortunatamente solo un graffio e riuscimmo poi a proseguire il viaggio.
Ricordo ancora il guardiano del garage sul lungomare Colombo a Varazze, quando di nascosto mi consegnava la Giulia e poi via sull’Aurelia, verso il mare. Tragitto : Albissola mare e ritorno, per un salto da Renza, la mia sorella più grande, procedendo comunque lentamente, piano piano.
Sui viali del lungomare ad ammirare le bellezze circostanti, ma anche a farmi ammirare, orgoglioso alla guida della ambita Giulia.
Sempre emozionatissimo, ma desideroso di provarla, ma con grande cura e attenzione, come fosse una reliquia religiosa.
Cara Giulia …..! Ritornerai ??
Sei proprio la vettura per la famiglia che vince le corse, …….come recitava l’allora rinomato slogan Alfa Romeo .
 

Allegati

  • EmailGiulia1.jpg
    EmailGiulia1.jpg
    32.5 KB · Visualizzazioni: 387
  • giuliati1198797_6.jpg
    giuliati1198797_6.jpg
    56.4 KB · Visualizzazioni: 357
  • giulia68-1w.jpg
    giulia68-1w.jpg
    58.3 KB · Visualizzazioni: 356
  • 2Giuliati00.jpg
    2Giuliati00.jpg
    20.1 KB · Visualizzazioni: 344
  • 5.Giuliati00.jpg
    5.Giuliati00.jpg
    18.2 KB · Visualizzazioni: 350
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.