Giulietta usata tct o manuale

Discussione in 'Preventivi - Consigli Acquisti' iniziata da fede85, 17 Settembre 2019.

  1. Ciao a tutti, fine anno dovrei cambiare la mia mito 1.4 gpl (dovrebbe essere il momento ideale per il passaggio, i concessionari devono fatturare e forse si riesce a tirare un prezzo migliore), la mia idea era di prendere una giulietta jtd 120 cv, il mio dubbio è sulla tipologia di cambio, tct o manuale? temo sempre i difetti che possano spuntare sull'automatico.
    Percorro ogni anno sui 14k km, generalmente su provinciali, la macchina mi deve durare sui 10 anni.
    il mio budget è sui 14.000, nella mia zona ho trovato le seguenti offerte:

    1.6 jtd 120cv tct 7/2018 tct 15000€ e 18k km
    1.6 jtd 120cv 11/2017 13000€ e 17k km

    ps cambio la mia mito perché nel 2020 compie 10 anni, 170k km tutti gpl, quindi devo revisionare l'impianto 500€, in accensione c'è un problema, i giri salgono a 1200 poi scendono 700, risalgono così per 40-50 sec senza che io possa fare nulla, da quello che mi hanno detto "potrebbero" essere gli iniettori del gpl altri 400-500€ di spesa, temo che le spese per "rimetterla" in sesto comincino ad essere un pò troppo alte per il valore dell'auto.

    Grazie a tutti per i consigli.
     
  2. Sto caricando...

    Potrebbe interessarti anche: Forum Data
    Giulietta 2.0 Jtdm-2 150CV Exclusive 2014 [usato] Preventivi - Consigli Acquisti 12 Luglio 2019
    Acquisto giulietta TCT usata Preventivi - Consigli Acquisti 11 Ottobre 2017
    Consiglio acquisto Giulietta TCT 2.0 JTD in Inghilterra - usata Preventivi - Consigli Acquisti 9 Novembre 2012

  3. Ciao, bella domanda! :) ci sono i pro ed i contro in entrambi i casi: un cambio manuale è sicuramente più semplice, quindi in genere più affidabile da un punto di vista prettamente meccanico, è anche vero però che se l'auto in questione è stata guidata da un "incapace"...potrebbe avere "distrutto" la frizione o portato il motore spesso al limite dei giri, cosa che con il tct non accade perchè cambia automaticamente prima di arrivare al limite ed anche la frizione...la gestisce lui.

    Quindi se l'auto è stata guidata da uno capace, probabilmente avrai meno problemi con un manuale, ma non sapendo chi l'ha guidata, il tct da più garanzie...perche l'auto "si difende da sola dagli incapaci".

    Resta il fatto che il motivo principale per optare per un tipo di cambio o l'altro...dovrebbe essere la tua "simpatia" verso di loro, Qui c'è gente che non userebbe mai un automatico...e gente che non tornerebbe per nessun motivo ad un manuale. Quello dipende solo da te, tu lo hai provato il TCT? perché poi magari lo compri...e se scopri che non ti piace diventa complicato (te lo sta dicendo uno che ha sempre avuto cambi manuali, anche sulla precedente Giulietta, ma ormai tornerei indietro a fatica perché lo trovo sia comodo che divertente).
     
  4. Mai provato un cambio manuale se non per due minuti su una golf, cambio dsg, di un mio amico.
    Faccio una confessione, che su un forum alfa equivale ad essere schernito a vita, guidare a me non fa impazzire, non mi piacciano i viaggi lunghi e non mi piace la guida sportiva modello gt, anche la mia mito non l ho mai tirata se non qualche rarissimo caso.
    Diciamo che il motivo principale è questo, non mi piace né guidare né tantomeno cambiare in continuazione marce.

    Ora è da capire se può essere una scelta giusta il passaggio a giulietta jtd, o si rischia di andare incontro a limitazioni del traffico e quindi tenere la mito aspettando qualche innovazione nel campo dei motori
     
  5. Se non ti interessa più di tanto guidare e non fai troppa città il tct andrà benissimo se invece fai molta città e fila il tct continua a cambiare marce e si possono usurare prematura delle frizioni... per restrizioni sul diesel dipende dove vai e dove abiti se città piccole o in periferia non hai i blocchi che fanno esempio a Milano o Roma...
     
  6. Città poca e abito in provincia di Torino, code raramente.
    Devo solo capire se i 2k euro in più per un cambio automatico possa valerne la pena
     
  7. Dipende da quanto ti interessa la comodità del automatico... se tieni auto per molto avrebbe ancora più senso il tct se invece sarà un auto che sfrutterai meno risparmiare e meglio secondo me il manuale anche perché potrebbe essere ultimo manuale che hai tra qualche anno i cambi manuali spariranno con gli adas sempre più avanzati spariranno...
     
  8. Deve farmi almeno 10 anni come la mia attuale mito, temo solo l'affidabilità del tct, in caso di rottura di un automatico i costi salgono a dismisura.
     
  9. Il tct meccanica e è identico al manuale solo che ha aggiunta del motorino che innesta marce e preme frizione più la sua elettronica è un cambio abbastanza affidabile...
     
  10. Speriamo di beccare il modello che mi faccia 150k senza dare problemi
     
  11. Interessante la descrizione che ne fanno su Wikipedia che conferma quanto detto da @gigivicenza :

    Fiat Dual Clutch Transmission (DCT) è un cambio a doppia frizione automatico a controllo elettronico, utilizzabile in modalità automatica o semiautomatica, sviluppato dall'azienda italiana Fiat Powertrain Tecnologies insieme alla Magneti Marelli e alla BorgWarner. Il cambio è stato progettato per vetture a trazione anteriore e posteriore.
    Viene prodotto dal 2009 in due versioni: C635 a 6 rapporti per motori fino a 350 Nm[2] di coppia e C725 a 7 rapporti per motori fino a 250 Nm di coppia massima.

    DCT C635
    Progettato dalla divisione Fiat Powertrain Technologies (all'epoca guidata da Francesco Cimmino) insieme alla Magneti Marelli e al gruppo BorgWarner, il DCT è una trasmissione flessibile progettata con lo scopo di ottenere un cambio leggero e allo stesso tempo economico nella produzione. Infatti, la prima versione del cambio (codice DCT C635) condivide numerosi componenti con il cambio manuale di Fiat C635. Molto compatto, il DCT possiede tre alberi di trasmissione contenuti in una scatola di lega leggera, a sua volta divisa in due parti e con un supporto centrale a cuscinetti. Il differenziale è stato posto più vicino al motore, l'albero secondario superiore è più corto per favorire l'installazione sulle autovetture più piccole e compatte; inoltre, è presente un attuatore push-rod di tipo coassiale che aziona la frizione dedicata alle marce dispari; un sistema con cilindretto idraulico invece aziona le marce pari. Le due frizioni sono "a secco" e non in bagno d'olio.
     
    A fede85 piace questo elemento.