Scoperto l'idrogeno low cost

Discussione in 'Ecologia' iniziata da Deltaoscar, 31 Agosto 2008.

  1. Acqua e sole per alimentare auto a idrogeno come se fossero piante. L’energia pulita che oggi sembra fantascienza potrebbe arrivare sul mercato tra meno di dieci anni, ma gli inventori parlano già di cinque. Un salto tecnologico così rivoluzionario, reso possibile da una generazione di catalizzatori che oggi sta prendendo forma nei laboratori e in grado di abbattere i costi di produzione dell’idrogeno a partire dall’acqua, fino a oggi il maggiore scoglio nella diffusione su grande scala delle celle a combustibile. E’ ciò che sta succedendo nei laboratori dell’Mit di Boston, negli Usa, dove Daniel Nocera, insieme a Matthew W. Kanan, ha messo a punto un catalizzatore a base di cobalto e fosfati con un elettrodo a base di indio, capace di imitare quanto avviene nelle foglie dei vegetali durante la fotosintesi.

    Immergendo l’elettrodo in un semplice bicchiere d’acqua e sottoponendolo a una corrente elettrica, i ricercatori sono infatti riusciti a separare, a temperatura ambiente, l’idrogeno e l’ossigeno che formano le molecole del liquido. Sfruttando un pannello fotovoltaico è così possibile stoccare l’energia del sole nell’idrogeno da riutilizzare in celle a combustibile per alimentare auto elettriche e case anche la notte o nei giorni con scarsa illuminazione.

    “Il processo è altamente efficiente- spiega Nocera, che nel 2005 è stato insignito del premio Italgas per i suoi studi sulle rinnovabili ed è co-direttore dell’Eni Solar Frontiers Center aperto dall’azienda italiana presso il Mit.
    Se collegato a un pannello solare, tutta l’energia prodotta viene utilizzata per spezzare molecole d’acqua. Il catalizzatore, inoltre, ha dimostrato gli stessi rendimenti dei sistemi industriali senza però il bisogno di acqua ad alta temperatura e pressione o l’impiego di additivi”.

    I ricercatori avvertono che quello che hanno mostrato ieri sulle pagine della rivista specializzata “Science” è un prototipo il cui design completo deve essere ancora sviluppato, ma le premesse sono molto promettenti.
    “I costi dei materiali di base del catalizzatore sono bassi – spiega Nocera, che spera di vedere un prodotto nel mercato già tra cinque anni – e le fonti energetiche praticamente infinite. In un solo giorno i raggi solari riversano sulla Terra abbastanza energia da soddisfare i consumi di tutto il Pianeta per un anno”.

    Le ricerche di Nocera sono state finanziate dalla National Sciences Foundation e dai fondi della Fondazione Chesonis, ma il prodotto commerciale dovrebbe arrivare sul mercato grazie a una spin-off nella quale sta investendo la Polaris del venture capitalist Bob Metcalfe. Il catalizzatore ideato da Nocera promette di fornire idrogeno in abbondanza e senza emissioni di CO2, ma richiede ancora l’impiego di platino, costosissimo, nelle celle a combustibile. Una soluzione arriva però dalla Monash University, in Australia, dove l’equipe di Bjorn Winther-Jensen è riuscito a sostituire il platino con una pellicola dello stesso Goretex utilizzato per gli indumenti sportivi, ricoperta da un elettrodo plastico spesso appena 0,4 micron (100 volte più sottile di un capello).

    Una svolta che si annuncia rivoluzionaria per il settore dell’auto perché il costo del platino per le celle a combustibile di un motore elettrico da 100 Kw in gradi di spingere un utilitaria supera, da solo, quello di un intero motore a benzina da 100 Kw. Non solo, il novo elettrodo e plastica ha dimostrato di poter funzionare senza sosta per 1500 ore senza cali di efficienza causati da un accumulo di impurità come avviene per il platino. Quello australiano si annuncia perciò come eccellente candidato a basso costo per sostituire il platino delle celle a combustibile, trasformandole finalmente in dispositivi appetibili per un uso di massa. La macchina ad acqua e sole ancora non c’è, ma il suo sviluppo è certamente sulla buona strada.

    Fonte Il Sole 24Ore
     
  2. bella notizia. mah c è sempre un ma...... uscirà mai sul mercato???
     
  3. Vedremo...prematuro comunque ipotizzarne un utilizzo su larga scala.
     
  4. sono fermamente convinto che le alimentazioni alternative siano pronte da tempo
    purtroppo i giochi di potere ed interesse obbligano le case costruttrici a mantenere le tradizionali alimentazioni e quindi forse i figli dei nostri figli potranno usufruire delle alimentazioni alternative
     

  5. ...credo anche io che questo sia uno dei problemi principali...
     
  6. Ottime notizie per il pianeta Terra
    Non penso che le fonti alternative di energia siano nascoste in un cassetto ma penso invece che nei cassetti delle banche sono stati per troppo tempo i soldi necessari alla ricerca per arrivare a sfruttare le fonti rinnovabili quali il sole.
    Ora che il petrolio costa anche agli americani è diventato economico investire su queste ricerche e i frutti si vedono.
     
  7. anche questa è una considerazione superlativa
     
  8. Bravo Renny, quoto in pieno!!!
    Dove ci sono forti interessi economici, i giochi di potere sono micidiali che possono costare anche la vita.
    Che bestia che è l'essere umano... ora vedrete che a questo ricercatore gli sarà offerto dai petrolieri qualche miliardo di dollari per tacere e mettere in archivio questo interessantissimo progetto.....:mad::mad::mad:
     

  9. Speriamo che tu non abbia ragione.
    Conosco di fama questo ricercatore e non penso prorpio che lo si possa fermare.
    L'unico modo, fino ad oggi, è stato non investire sulle sue ricerche ma oggi penso sia cambiato il vento da un punto di vista politico.
    Investire nell'energia pulita ora ha anche un ritorno di immagine per molte aziende e quindi i soldi iniziano ad arrivare e chi aveva buone idee nel cassetto le può sperimentare e i frutti arrivano.Sperem
     
  10. Amen ;) in saecula saeculorem