Ritardo acceleratore 2.0 TS

Discussione in 'Twin spark' iniziata da Strom46, 14 Luglio 2017.

  1. Salve ragazzi, ho usato la funzione "Cerca" ma con scarsi risultati.
    La mia 147 2.0 TS 150cv del 2005 ha dei ritardi in accelerazione. Sia quando lo premo, sia quando lo rilascio, il motore reagisce pigramente al comando. Me ne accorgo quando faccio punta-tacco in scalata, me ne accorgo un sacco in città. Se premo la frizione e mollo il pedale, il motore ci mette un bel po' a tornare al minimo (motivo per cui a marcia innestata il freno motore si fa sentire poco), e lo fa " a scatti": prima va a 1500, poi a 1200, poi finalmente a 8-900, cioè il suo minimo.
    Quando premo l'acceleratore il motore ci mette un po' a capirlo, e quando lo fa succede "di scatto", e strappa. Prima della pulizia del corpo farfallato, effettuata 4000 KM fa, un paio di volte mi era addirittura rimasta accelerata tanto da andare fuorigiri, e mi sono abbastanza spaventato. La centralina non dà nessun errore.
    Il difetto è molto più percepibile a macchina calda, in temperatura, e si comporta invece molto meglio appena accesa.
    Sto diventando matto, qualcuno ha un'idea di cosa potrebbe essere?
    Grazie in anticipo
     
  2. Sto caricando...

    Potrebbe interessarti anche: Forum Data
    Irregolarità e vuoti in accelerazione ad alti giri Twin spark 4 Luglio 2019
    147 1.6 TS 105cv vuoti in accelerazione e spia avaria sistema controllo motore e vdc Twin spark 5 Marzo 2018
    Rumoraccio in accelerazione Twin spark 23 Aprile 2016

  3. Probabilmente sta partendo l'attuatore del corpo farfallato ...
     
  4. Potrebbe essere il debimetro... prima verifica bene l'integrità del manicotto in gomma corrugato che collega il debimetro al corpo farfallato....
     
  5. Innanzi tutto controlla il corpo farfallato per scongiurare che non vi siano rimasti residui strani (pelucchi di straccio ecc.) che impediscano la normale rotazione della valvola.
    Fatto ciò stacca il negativo della batteria per un pò di tempo (meglio se lo fai la sera per la mattina), e al riattacco, dopo aver atteso 10 minuti, gira la chiave del quadro (senza avviare il motore) e attendi circa 15 minui prima di avviare. Questo serve per permettere l'autoqpprendimento del corpo farfallato.
     
    A tigre bianca piace questo elemento.
  6. Visto che hai chiesto un parere/aiuto, potresti almeno fare un cenno con la testa per far cpire che hai letto il messaggio.
     
    A M@urizio piace questo elemento.
  7. Hai ragione, scusatemi. Ho rinviato l'indagine col meccanico sulla base dei vostri consigli a dopo le ferie, aspettavo di avere un riscontro dalla macchina prima di riprendere questo thread. In ogni caso grazie a tutti per le risposte, vi faccio sapere appena so qualcosa!
     
  8. Essendo un dispositivo DBW... o il corpo farfallato è incrostato o il pedale, ovvero il potenziometro dello stesso, si incanta. Con un poco di smontaggio ed una bella bomboletta di wd40 dovresti riuscire a rimediare!
     
    A tigre bianca piace questo elemento.
  9. Ok ragazzi, alla fine ho trovato solo ora il tempo di fare questo lavoro.
    La diagnostica non dà errori, e già questo non è un buon segnale. Non ho ancora fatto il riapprendimento del corpo farfallato, ma è la prossima cosa che provo a fare. Il problema è che l'anomalia si presenta solamente a motore caldo, dunque con il meccanico abbiamo ipotizzato che possa essere un errore di lettura da parte della centralina della temperatura dell'acqua del motore. Il DBW adotta quindi una mappatura dell'acceleratore adatta al motore freddo e quando questo si scalda continua a regolare l'apertura del corpo farfallato (che comunque abbiamo pulito e non era molto sporco) come se il motore fosse freddo. Dunque probabilmente proviamo a cambiare in sensore della temperatura dell'acqua, può darsi che quello non comunichi bene con la centralina. A motore freddo il motore è reattivo come vorrei, ma appena entra in temperatura gradualmente diventa sempre più esitante al momento dell'apertura del gas.
    Idee?
     
  10. Hai controllato il debimetro?
     
  11. Cosa bisognerebbe controllare del debimetro?