75 1.8 QV - Fumo bianco allo scarico, crepa turbina???

Discussione in 'Turbo' iniziata da nicolapretto, 19 Luglio 2011.

  1. Le crepe sulla turbina sono quanto di più normale possa capitare (e questo da informazioni reperite proprio qui nel forum dal grande Mauretto). Posso solo dirti di non preoccuparti: la mia ha 146.000 km una crepa sulla turbina ed una sul collettore di scarico...è vero, a freddo, appena avviata, è un po' imbarazzante assistere al fumo sotto il cofano, ma con un'auto così ci puoi fare migliaia di chilometri senza mettere mano alcuna (ovviamente se l'entità delle cricche non è eccessiva, ma non mi pare). Piuttosto, quello che non dovresti fare è avviarla e farla scaldare da ferma per qualche minuto: purtroppo l'abbiam fatto tutti quando non potevamo usare le nostre 75 per un motivo o per l'altro, ma è la pratica più sbagliata. La 75 turbo va usata adeguatamente, e più la si usa, meglio si comporta!
     
  2. #12mauretto,23 Luglio 2011
    Ultima modifica: 23 Luglio 2011
    :p Grazie...........
    Col tempo,diciamo in venti anni,anche con motore con poche ore di lavoro guarnizioni,gommini e sistemi di tenuta tendono a cedere all'effetto degli idrocarburi e dei lubrificanti,seccandosi o ammorbidendosi a seconda dei casi.
    Nel caso di presenza di olio nello scarico,i responsabili possono essere i cortechi di tenuta dei guidavalvole,lasciando il motore acceso al minimo si generano depressioni sia in aspirazione con la farfalla chiusa che in scarico,in questo modo viene risucchiato olio in camera di combustione e nel condotto di scarico,accelerando questo olio viene bruciato in camera e lungo lo scarico generando la copiosa fumata che descrivi,i cortechi costano una sciocchezza,ma si deve trovare un meccanico che abbia voglia di sostituirli senza smontare la testata,l'operazione è fattibile e comporta lo smontaggio degli assi a camme,dei bicchierini e del sistema di bloccaggio sullo stelo delle valvole,sostanzialmente il costo dell'intervento è puramente nella mano d'opera.
    Il corpo della turbina ha un sistema di tenuta a rondelle e microsegmento sull'alberino dalla parte della chiocciola di scarico e da un corteco sulla parte 'fredda' del compressore,anche da questi due punti in caso di forte depressione si possono avere dei trafilamenti di olio.
    Ora un primo controllo visivo lo puoi fare da solo,sfilando i manicotti e la curva sopra alla turbina, se trovi tutto imbrattato di olio quasi sicuramente è causato dalla rottura del corteco sull'alberino di cui sopra ,se questa parte risulta pulita o appena inumidita puoi ancora vedere le candele,se sono fortemente incrostate quasi sicuramente sono i cortechi dei guidavalvole di aspirazione,verifica anche sul coplessivo collettore di scarico ,turbina e curva dello scarico in ghisa ,quella della turbina,se trovi olio tra collettore tra testa e flangia della turbina,sono anche i cortechi delle guida valvole di scarico,mentre de lo trovi solo tra turbina e curva in ghisa,e dall'alberino della wastegate è il sistema di tenuta del corpo lato scarico,anche quà il costo è quasi totalmente a carico della mano d'opera.
     
  3. si ha 40 mila km, pero qualche difetto cè la
     
  4. Grazie ancora ragazzi, mi son reso conto che scaldarla da fermo è stata una scemenza. Spero di riuscire a recuperare la situazione, e che i danni siano limitati. Metterò sicuramente in pratica i vostri consigli e farò i controlli che mi avete elencato (a parte quelli di Mauretto, che mi serve l'enciclopedia diagnostica del meccanico alfista, per decifrarli :lachen001:)
    A presto, scappo per le ferie! :):decoccio:
     
  5. lasciandola ferma il collettore in ghisa si beve l'olio e alla prima accensione lo evapora se la si tiene ferma per un po', per lo meno la mia anche se son un caso eccezzionale (2kg di olio ogni 150 km)
     
  6. Se oltre alla fumata il motore parte a tre cilindri di sicuro i paraoli delle valvole sono andati. Volendo, prima di mettere in moto si possono smontare le candele e verificare la presenza di unto.

    Inoltre se parte a tre, dopo qualche giro spegnendo il motore e toccando le candele si puo capire in quale/i cilindro trafila l'olio.

    Certo, farlo per farlo il lavoro dei paraoli si fa a tutti ma a volte la curiosità di capire......