Biografia di Vittorio Jano

Discussione in 'Storia del Mito Alfa Romeo' iniziata da Tibe, 23 Giugno 2007.

  1. #1 Tibe, 23 Giugno 2007
    Ultima modifica di un moderatore: 2 Giugno 2016
    Dopo avere dimostrato al mondo le sue qualità di progettista con i successi della P2 da Grand Prix, Vittorio Jano si dedicò al compito di applicare la sua esclusiva ricetta anche alle vetture stradali.

    foto Biografia di Vittorio Jano - 1 Qui era presente un link corrotto ed è stato eliminato.

    Per opera sua nacque nel 1927 la prima 6C 1500 di serie,

    foto Biografia di Vittorio Jano - 2

    che rappresentò un distacco netto sia dalle tradizioni della Casa (la sua cilindrata era la metà di quella della precedente RL), sia dalla pratica corrente delle rivali, le quali ottenevano prestazioni elevate da vetture di cilindrata cospicua (2 litri a 6 cilindri) e consideravano le vetture di piccola cilindrata niente più che modeste utilitarie. In un’epoca in cui i telai erano pesanti longheroni d’acciaio e le carrozzerie venivano costruite a mano su massicci scheletri artigianali, la 6C 1500, che non superava 1100 Kg, costituiva un’assoluta eccezione.

    foto Biografia di Vittorio Jano - 3


    Nonostante la cilindrata contenuta in 1487 centimetri cubici (alesaggio e corsa 62 x 82 mm) e la distribuzione con un solo albero a camme in testa, il motore della 6C 1500 erogava nella sua prima versione 44 cavalli a 4200 giri al minuto, una potenza unitaria significativa per raggiungere la quale Jano aveva applicato soluzioni e tecnologie sperimentate nelle competizioni.
    L’impronta sportiva di questo telaio a passo lungo e il prestigio della Casa che aveva vinto il campionato mondiale del 1925, fecero della 6C 1500 un immediato successo .
    Il 6 cilindri in linea di Jano era un motore raffinato, fatto apposta per essere sviluppato in senso sportivo e già nella seconda serie fu montata una testata con doppio albero a camme il cui disegno derivava da quello delle vetture da competizione. La sua potenza saliva così a 54 cavalli e il motore Alfa Romeo acquisiva una caratteristica tecnica che sarebbe diventata un tratto distintivo della Casa.

    foto Biografia di Vittorio Jano - 4 foto Biografia di Vittorio Jano - 5

    Nel 1927 la 6C debuttò in campo sportivo e grazie alla leggerezza e alle qualità stradali della versione Sport, seconda serie a passo corto (1928), raggiunse subito traguardi importanti.
    In vista della seconda Mille Miglia, sempre nel 1928, fu realizzata una versione speciale della 6C 1500, la Super Sport, in sole 25 unità (con e senza compressore) che montavano il motore 6 cilindri ad alimentazione atmosferica in versione più spinta per una potenza di 60 cavalli anziché 54, mentre l’eventuale installazione di un compressore volumetrico tipo Roots innalzava la potenza a 76 cavalli. L’edizione del 1928 della corsa bresciana vide il trionfo della 6C 1500 Super Sport con compressore e carrozzeria Spider Zagato, guidata da Campari e Ramponi, alla quale seguì una serie di vittorie nelle maggiori competizioni della categoria Sport tra il 1928 ed il 1929.

    foto Biografia di Vittorio Jano - 6 foto Biografia di Vittorio Jano - 7 foto Biografia di Vittorio Jano - 8 foto Biografia di Vittorio Jano - 9

    Della Super Sport fu anche costruita una versione con motore a testata fissa, per esasperare ancora di più le prestazioni che arrivavano così a ben 84 cavalli a 5000 giri.


    Questa auto non fu solo il primo banco di prova della perizia progettuale di Jano applicata alle vetture stradali, ma fu anche l’auto con la quale l’Alfa Romeo, ancora in bilico tra i problemi politici del primo dopo-guerra e la tentazione di chiudere il settore automobilistico, assunse la dimensione del Costruttore di pregio.
    Ma la 6C, autentico capolavoro di meccanica compatta, affermò anche con autorità, il concetto che una vettura di cilindrata contenuta non doveva essere considerata più una semplice “vetturetta” di second’ordine.
    La creatura di Jano, che combinava sofisticazione progettuale, raffinatezza di ogni componente, leggerezza e compattezza, risultò vincente anche se, inevitabilmente piuttosto costosa, fattore che impedì alti numeri di vendite.
    Ma è con questo modello che l’Alfa iniziò a diventare una leggenda.
    Tra il 1927 ed il 1929 furono costruite 1064 6C 1500, nelle versioni Normale, Sport e Super Sport.

    E’ da notare che in anni successivi furono prodotte altre vetture denominate 6C 1500 , che erano in realtà una derivazione della 1750 e non una prosecuzione della 6C 1500 originale.

    Fonti: Alfa Romeo Sport Collection
    Foto: Fiatautopress
     
  2. Sto caricando...


  3. che belli i tempi che furono :eclipsee_steering:
     
  4. La storia italiana...
    Andrebbe ricordata a tutti gli aquirenti di auto straniere
     
  5. Biografia - Vittorio Jano

    Nato a Torino il 22 Aprile 1891, è alla Fiat nel 1911 (a soli 20 anni!!!) come disegnatore tecnico, per approdare infine alla progettazione di vetture da corsa. Forte dell'esperienza, nel 1923 - su sollecitazione di Enzo Ferrari - passa in Alfa per dirigere i gruppi di progetto della Grand Prix tipo P2.
    foto Biografia di Vittorio Jano - 10 http://www.sapere.it/tc/img/Sport/Motori/Alfa/1924p2.jpg
    Crea così un modello con una strutture molto robusta e con un innovazione radicale: l'abbassamento dell'assetto.
    La vettura esordisce trionfalmente al secondo Gran Premio d'Europa a Lione, il 3 Agosto 1924, e la concorrenza subito la imita. Rimarrà comunque imbattuta per 7 anni.
    Alle dimissioni di Merosi nel 1926, assume la direzione tecnica e la responsabilità della progettazione delle vetture da turismo, sino all'Ottobre del 1937, pur non cessando di seguire le auto da corsa dai tavoli da disegno ai tracciati di gara.
    Tutte le intuizioni di Jano fanno epoca: la 6C i 1.500 cc del 1927, la 6C 1750 che domina le MilleMiglia del '29 e del '30; dalla 8C 2300 alla prima monoposto dell'Alfa, la P3, una delle più grandi e rivoluzionarie auto da corsa di tutti i tempi. Nel 1935 esce la versione spider 2 posti super corsa della P3, la 8C 2900A, con motore da 220cv, e che alla MilleMiglia del '36 conquista i primi 3 posti. Fa seguito la 8C 2900B del '37. La sua ultima creazione, la sfortunata Gran Premio 12C, a detta di alcuni gli costa le dimissioni nel 1937.
    Dopo le collaborazioni con lancia (1938 - 1958) e in Ferrari, muore suicida a Torino il 13 Marzo del 1965, all'età di 74 anni.