Common rail: tra passato e futuro....

Deltaoscar

Alfista principiante
14 Gennaio 2008
213
4
19
SA
Regione
Campania
Alfa
159
Motore
1.9 JTDM - 150cv
Non lo sanno in molti, ma la rivoluzione del Diesel è avvenuta in sinergia tra il Centro ricerche Fiat di Orbassano (To) e Modugno, alle porte di Bari.
Qui dal 1988 la Elasis sviluppò i componenti più critici e qualificanti del sistema common rail, la pompa di alta pressione e l'elettroiniettore.
Mario Ricco - gavetta all'Università di Bari come ricercatore e poi alla Nuovo Pignone, alla Weber Altecna e alla Magneti Marelli - all'epoca dirigeva la Elasis: "Nella seconda metà dell'88 feci le prime prove su una vecchia Croma". Oggi, a 66 anni, lavora ancora sul Common Rail: fa il consulente del centro ricerche Fiat Powertrain Technologies di Valenzano (Bari).
"Stiamo sviluppando - dice Ricco - elettroiniettori con prestazioni ancora più avanzate, per adeguare gli impianti di iniezione Diesel alle future norme antinquinamento Euro 5 ed Euro 6, molto severe sulle polveri sottili, che oggi sono la "spina" dei motori a gasolio".
Quando arriverà la produzione a regime? "Nel 2011, per la parte più sofisticata del progetto, quella per l'Euro 6. E Bari ci sarà: la Bosch ha appena definito l'aggiunta di due linee produttive di pompe di alta pressione e l'ampliamento del proprio centro di ricerca barese. Un investimento da 120 milioni".
L'avventura di Fiat e Bosch nel diesel dura dai primi esperimenti dell'88, ma fu formalizzata solo nel marzo '94 con un accordo di collaborazione che portò nell'autunno '97 alla produzione industriale per l'Alfa 156 e nel settembre '99 all'apertura a Modugno di un grande stabilimento Bosch da 130 miliardi di lire che ancora oggi dà lavoro a 2mila persone. "All'inizio - ricorda Ricco - i tedeschi erano molto prudenti, anche dopo la firma del '94. Ma poi fu superata ogni perplessità: rispetto ai motori convenzionali, avevamo introdotto l'elettronica nell'iniezione in modo estremamente efficace. Così nel 2001 si arrivò alla seconda generazione del Common Rail, il Multijet. E ora, alla vigilia dell'arrivo della terza, la Bosch ha qui un centro ricerche con quasi 150 neolaureati".
 

Chi Siamo

  • L’obiettivo primario di Club Alfa è quello di riunire, in spirito di amicizia tutti i possessori di autovetture “Alfa Romeo”, ed i simpatizzanti, dotati di autovetture anche di altra casa automobilistica.
    Nata come community ispirata ai grandi forum d’oltreoceano, Club Alfa diventa rapidamente il luogo principale di aggregazione ed informazione del mondo Alfa Romeo e FCA.
    Maggiori Informazioni.

Funzioni Utente