Non serve più la certificazione ASi per avere l'esenzione ??i

Discussione in 'ASI' iniziata da mauretto, 8 Dicembre 2011.

  1. Io direi pessima... tutti i catorci che (teoricamente) l'ASI avrebbe dovuto bandire dall'essere iscritti ed agevolati così vengono agevolati. Vedremo spopolare sempre più auto over-20 con impianti o magari senza, visto che se il veicolo storico è quello iscrivibile allora non serve neanche l'impianto per girare nei centri o zone con blocchi del traffico.
    "Darsi la zappa sui piedi"

    A rimetterci saranno i soliti "veri" amanti e cultori dei veicoli di interesse storico.
     
  2. ragazzi.....non diciamo "fesserie" prima di averla almeno letta la risoluzione dell'Agenzia delle Entrate !!

    Ve la riassumo in un solo punto :

    - Vale SOLO per le Regioni a Statuto Speciale e SOLO per le Moto : leggere per credere .

    Come scritto chiaramente , l'Agenzia delle Entrate NON può decidere per tutte le Regioni , ma appunto solamente per quelle a Statuto Speciale , infatti la risoluzione è scaturita da un quesito fatto da un proprietario di MOTO della Sardegna .

    Vale solo per le moto perchè solo la FMI ha fatto dal 2000 in avanti ( annualmente ) una lista per marca e modello delle moto esentabili .

    L 'ASI NON ha mai fatto nessuna lista e MAI la farà , perchè ha scelto di certificare ogni singolo esemplare e siccome la legge ha demandato esclusivamente l'ASI per le Auto e la FMI per le moto , nessun'altro Ente può fare la lista e/o certificare la storicità di un auto con meno di 30 anni ai fini fiscali ( esenzione tassa di proprietà) .


    Insomma per le AUTO NON cambia nulla !! anzi qualcosa è cambiato : l'ASI ha complicato pure la procedura per richiedere l'Attestato di storicità per fini fiscali , dal 1°dicembre 2011 bisogna compilare lo stesso modulo del C.R.S. con 14 foto anzichè 4 e con 2 pagine di dati tecnici anzichè solo numero di telaio , targa .
     
  3. A mio avviso è un'ottima cosa....le auto che possono essere agevolate sono pur sempre quelle stilate in una lista di interesse storico, e non tutte....Non penso che i cultori delle auto d'epoca possano lamentarsi,....se non sbaglio gli iscritti ASI possono usare l'auto solo per i raduni....
     
  4. ma allora forse non mi sono spiegato bene :

    - La lista per le auto è prevista nella legge n.342/2000 ( dell'anno 2000 , 11 anni fa !!!) e l'ASI NON l'ha mai fatta nè mai la farà !

    La FMI invece per le moto l'ha sempre fatta ed annualmente vengono inseriti i modelli che che compiono 20 anni .
     
  5. concordo con miclanci l'inasprimento della procedura per l'iscrizione all'asi:smiley_001: ... sul bollo testimonianza diretta ve la posso dare io circa un mese fa sono stato in regione campania e chiesi per il bollo sulla 75 credendo fosse già esentata(29 euro circa annui) visti i 23 anni suonati ma l'impiegata mi ha detto che occorre portare la documentazione asi(attestato storico) per ottenere le agevolazione (che già possedevo) altrimenti partono gli avvisi di accertamento per bollo non pagato... non so nelle altre regioni come funzioni ma penso in maniera simile...


    :decoccio:
     
  6. Avevo letto la RISOLUZIONE N. 112/E.
    Da qualche anno in Toscana auto e moto tra 20 e 29 anni pagano tassa di possesso ridotta (e uguale per tutti) e dai 30 in sù solo una ridottissima tassa di circolazione (se la lasci in garage non paghi, se decidi p.es. a maggio di usarla paghi la tassa a maggio per tutto quell'anno solare, senza problemi), indipendentemente dall'esser iscritti o no a un registro storico.
    Quindi in Toscana non dovrebbe cambiare nulla?
    In Toscana però i veicoli iscritti ai registri storici (anche il RIAR mi pare sia espressamente citato) sono esenti dai blocchi al traffico, per norma regionale, poi recepita nelle varie ordinanze comunali. Non serve metterli a gas per poter circolare in caso di blocchi, come pare si debba fare da altre parti.

    Ma non sarebbe più semplice se tutte le regioni avessero le stesse norme, quelle più "citizen friendly" invece di far ognuna a modo proprio?