Sondaggio per piccolo progetto

M@urizio

Massimo esperto in meccanica.
1 Gennaio 2008
13,611
3,225
171
VR
Regione
Veneto
Alfa
Duetto
Motore
2,0
Altre Auto
BMW X5; Toyota Auris Hybride; Skoda Octavia SW
nella maggior parte il segnale che esce dall'abs comunica con il contachilometri in modo digitale entrando direttamente nella sezione digitale dello strumento questo segnale :decoccio:
Chiedo scusa fin da subito in quanto probabilmente non ho letto con la necessaria attenzione i post precedenti... :aktion073:

Premetto anche che dai tempi della 33-164 non ho più aperto un quadro strumenti. :grinser002:

Tutto ciò premesso vorrei capire perchè, con le dovute cautele, non posso misurare la corrente/tensione presenti ai capi del galvanometro che aziona la lancetta?

Oppure il moto della lancetta è ottenuto con altri metodi?

Qui mi troverei gratuitamente una tensione variabile già decodificata a monte dalla centralina dell'ABS o dal convertitore.

Capisco che inserire un circuito in parallelo allo strumento indicatore può provocare errori nell'indicazione della velocità ma se il circuito aggiuntivo avesse impedenza molto elevata rispetto a quella del galvanometro, si potrebbe fare?


I reofori sul circuito stampato non sono forse accessibili?

O magari è un'ipotesi da scartare per evitare azioni "invasive"?

Insomma mentre mi è chiaro come intervenire sulla parte di attuazione, qui ho le idee un pò confuse... :confused:

Grazie.;)


:decoccio:

:decoccio:
 

Arkimede

Alfista principiante
9 Febbraio 2009
490
0
16
38
Sa
Regione
Campania
Alfa
147
Motore
1.9 jtd - Ti
Salve popolo alfista, chiedo scusa, ma fra tutte queste sigle, leggi e calcoli, mi sono perso, purtroppo non sono un elettronico e mi risulta difficile comprendere il tutto quindi penso di non intervenire, ma leggerò con interesse i vostri post.:p
Appena si raggiungerà un punto di incontro con schemi ed elenco materiale, sarò ben felice di finanziare il progetto e tastarlo sulla mia nasona.:decoccio:

Rigrazio Dr Alpha che mi tiene in considreazione .:stretta:.
 

tuononero

Alfista principiante
24 Gennaio 2009
226
4
19
NA
Regione
Campania
Alfa
156
Motore
2.0ts 16V
In effetti mi sono perso anch'io. Purtroppo non sono perito elettrotecnico...
Cmq concordo che l'idea migliore sarebbe prendere il segnale su una singola ruota dal momento che non c'interessa misurare con esattezza la velocità ma avere una chiusura in un range tra tot e tot km/h.

Mauri purtroppo è il discorso che facevo io qualche pagina fa.
Non so per quale motivo ma il segnale è diverso dalle lancette analogiche.
L'impressione che ho avuto è che abbiano un'alimentazione tutta loro (non i 12V) senza nessun polo in comune (una volta era il negativo-massa).
L'unico segnale che sono riuscito a prelevare è un voltaggio che aumenta con l'aumentare della velocità (vedi foto nei post precedenti) ma se non usa un qualsivoglia polo in comune non ho possibilità di usare quel voltaggio come interruttore e cmq ho paura di pregiudicare il funzionamento dell'indicatore.
Ad ogni modo è una questione da approfondire cmq.
 

Dr Alpha

Responsabile Sardegna
29 Agosto 2008
872
29
29
CA
Regione
Sardegna
Alfa
147 GTA
Motore
3.200 V6
Altre Auto
Fiat scudo, porsche boxster,
rispondo a tutti contemporaneamente: si il segnale che pilota il "galvanometro" è "diverso" da quello che si può più semplicemente immaginare , infatti non ci troviamo davanti ad un galvanometro come accade per le 75, 33 ecc basta vedere che gli avvolgimenti sono più di uno per rendersene conto, in realtà neanche sulle 75 e 33 è presente un galvanometro o meglio lo è solo quello del contagiri mentre nel contakilometri c'è un motorino elettrico pilotato da un circuito controreazionato il quale ne controlla la velocità a prescindere dagli attriti meccanici per cui la tensione è proporzionale sia al segnale di velocità che al carico meccanico del motorino (usura ingranaggi ecc) questo accade anche nel sistema più recente in cui la tensione anche se agisce in modo differente è controllata in base al controllo dello spostamento dell'ago e quindi variabile a parità di frqeuenza per correggere gli scarti dovuti alla "vecchiaia" dello strumento, infatto questi strumenti sono molto più precisi lungo tutto il range e nel tempo rispetto a quelli meno recenti con differenti tecnologie. La tensione presente in questo punto, potrebbe essere utilizzabile ma se trattata in modo adeguato perchè ogni minimo più piccolo carico farà funzionar male lo strumento, in questo caso bisogna "circuitalmente" "ragionare" in tensione e mai in corrente ( mosfet al posto di transistors ecc ) . Credo che in questa direzione le cose si complichino anche se potenzialmente è possibile agganciarsi anche in quel punto.
 

Chi Siamo

  • L’obiettivo primario di Club Alfa è quello di riunire, in spirito di amicizia tutti i possessori di autovetture “Alfa Romeo”, ed i simpatizzanti, dotati di autovetture anche di altra casa automobilistica.
    Nata come community ispirata ai grandi forum d’oltreoceano, Club Alfa diventa rapidamente il luogo principale di aggregazione ed informazione del mondo Alfa Romeo e FCA.
    Maggiori Informazioni.

Funzioni Utente