Alfa Stelvio: risolti grossi problemi elettrici cambiando batteria

dado73

Alfista principiante
20 Settembre 2019
123
45
39
Regione
Piemonte
Alfa
Stelvio
Motore
2.2 210 CV
Sperando possa essere utile a qualcuno vi faccio un breve sunto di un problema che credo di aver risolto (quasi per caso) dopo ben due anni e mezzo di autentica disperazione.

A più riprese ho lamentato su questo ed altri forum una enorme seccatura che ha cominciato ad affliggere la mia 210CV MY19 (acquistata nuova) dopo soli 18 mesi di vita, ma nessuno mi ha mai confermato di aver rilevato i medesimi sintomi, e nessuno mi ha saputo dare un consiglio.

Tutto è cominciato quando all'improvviso la centralina del cambio decide di comportarsi in modo assurdo: alla partenza rilasciando il freno l'auto mi da uno strattone; quando vado a passo d'uomo se freno per arrestarmi la coppia motrice continua a spingere come a volersi opporre alla frenata; se poi freno a velocità un po' più sostenuta - per esempio appropinguandomi ad una precedenza - la scalata del cambio anche qui è tutta uno strattone, e alla successiva pressione dell'acceleratore per 1-2 secondi non fa niente per poi ripartire di brutto con un altro bello strattone. L'auto è inguidabile nel traffico cittadino e negli spazi stretti (non vi dico che fatica fare un parcheggio ad inserimento...). Invece ad andatura costante va tutto bene.

A tutto questo si aggiungono una lista di piccole sporadiche follie totalmente causali, come l'autoradio che si accende a tutto volume quando apro la portiera, il condizionatore che mi spara aria gelata quando chiedo il riscaldamento, la temperatura del motore che a 140 km/h non sale oltre le due tacche, etc... etc...

Da notare che mai una spia si è accesa. E nessuna anomalia mai rilevata tramite OBD (con AlfaDPF).

Chiedo alla concessionaria dove l'ho comprata e non sanno che cosa dirmi.

La porto ad un'officina Alfa e mi dicono che devo lasciargliela a tempo indeterminato per fare la diagnosi.

Vado da un'altra officina e mi rassicurano che è solo un problema di aggiornamento software. Ottimo, fanno questi aggiornamenti - che pago profumatamente - e ovviamente non cambia nulla (più tardi andrò a vedere che cosa mi hanno fatto e scoprirò che si tratta di aggiornamenti riguardanti cose che non c'entrano nulla col mio problema).

In tutto questo noto una cosa strana: ogni volta che qualcuno si collega col computerino (es. durante il tagliando) poi per un giorno l'auto va come una sposa.... per poi ricominciare a far casino il giorno dopo. Mmmmhhh....

In preda alla disperazione mi sparo 500 km e la porto presso l'officina ZF di Assago dove gentilissimamente fanno al volo un check al cambio, dal quale risulta che meccanicamente è tutto ok. Mi fanno però notare di aver rilevato degli errori CAN, che giustamente solo Alfa può indagare. E si limitano ad azzerarli, e naturalmente per un giorno va di nuovo come una sposa.

Dunque si tratta di un problema di dati sul CAN: tu li azzeri e va tutto bene finché non se ne accumulano un po' corrompendo i dati e da lì il casino. Ma è una diagnosi non risolutiva, perché bisogna capire chi è il responsabile di questi errori.

Tutto questo calvario si è (spero) concluso quindici giorni fa, quando ho deciso di far fare il tagliando al mio amico meccanico: lui nota subito che la batteria (quella di serie da 80Ah - 680A) è particolarmente bassa (11,6V). Che strano.... mai avuto un problema all'avviamento, o una luce accesa sul cruscotto !! E inoltre ho il dispositivo Eng-Custom che disabilita in automatico lo Start & Stop, quindi la mia batteria dovrebbe essere tutt'ora in buona forma. Però lui mi raccomanda di sostituirla subito in vista di un viaggio che avevo in programma, così me la rimpiazza con una da 90Ah - 850A). E..... magia !!!! Da quel giorno la mia Stelvio non ha più manifestato nessun problema !!!!!

Alla luce di quanto sopra la mia ipotesi è che durante l'avviamento vi fosse un forte calo di tensione a causa del quale si verificava una corruzione di qualche dato immagazzinato nelle centraline, e da lì tutto ciò che ne consegue.

Ma se è davvero così ......a voi sembra plausibile che un'auto di questo genere per colpa di una batteria ciucca cominci a fare follie senza segnalare nulla, né sul cruscotto né sul computer dell'officina Alfa ?!?!

Inoltre come diavolo è possibile che il problema tensione bassa sia comparso 2 anni e mezzo fa e oggi dopo migliaia di avviamenti la batteria fosse ancora in grado di mettere in moto senza la minima incertezza ?

Infine.... 80Ah 680A.... penso che fare i barboni sulla batteria per qualche decina di euro sia davvero vergognoso....

Scusate se mi sono dilungato, ma sarei felice di avere una vostra opinione su tutta la vicenda, nonché mi auguro di poter essere stato di aiuto a qualcuno.
 
Ultima modifica:
Ottima info, grazie 👍
La batteria 80ah non è sottodimensionata il problema sono i cali di tensione che avvengono proprio nel momento in cui si avvia il motore. I cali di tensione creano problemi a tutte le auto moderne di tutti i marchi.
Anche una batteria nuova, se stoccata male è già vecchia.
Ti consiglio di comprarti un caricabatterie e di ricaricarla periodicamente. Allunghi la vita della batteria ed eviti problemi.
Ti consiglio questo:

 
  • Like
Reactions: Snoopy
Le auto moderne hanno moltissima elettronica luci ovunque ecc e di conseguenza la batteria subisce parecchio stress.. se fai percorsi brevi sarebbe il caso ogni tanto di staccare il sensore ibs in modo che la batteria viene caricata molto meglio..
 
Pubblicità - Continua a leggere sotto
Sperando possa essere utile a qualcuno vi faccio un breve sunto di un problema che credo di aver risolto (quasi per caso) dopo ben due anni e mezzo di autentica disperazione.

A più riprese ho lamentato su questo ed altri forum una enorme seccatura che ha cominciato ad affliggere la mia 210CV MY19 (acquistata nuova) dopo soli 18 mesi di vita, ma nessuno mi ha mai confermato di aver rilevato i medesimi sintomi, e nessuno mi ha saputo dare un consiglio.

Tutto è cominciato quando all'improvviso la centralina del cambio decide di comportarsi in modo assurdo: alla partenza rilasciando il freno l'auto mi da uno strattone; quando vado a passo d'uomo se freno per arrestarmi la coppia motrice continua a spingere come a volersi opporre alla frenata; se poi freno a velocità un po' più sostenuta - per esempio appropinguandomi ad una precedenza - la scalata del cambio anche qui è tutta uno strattone, e alla successiva pressione dell'acceleratore per 1-2 secondi non fa niente per poi ripartire di brutto con un altro bello strattone. L'auto è inguidabile nel traffico cittadino e negli spazi stretti (non vi dico che fatica fare un parcheggio ad inserimento...). Invece ad andatura costante va tutto bene.

A tutto questo si aggiungono una lista di piccole sporadiche follie totalmente causali, come l'autoradio che si accende a tutto volume quando apro la portiera, il condizionatore che mi spara aria gelata quando chiedo il riscaldamento, la temperatura del motore che a 140 km/h non sale oltre le due tacche, etc... etc...

Da notare che mai una spia si è accesa. E nessuna anomalia mai rilevata tramite OBD (con AlfaDPF).

Inoltre come diavolo è possibile che il problema tensione bassa sia comparso 2 anni e mezzo fa e oggi dopo migliaia di avviamenti la batteria fosse ancora in grado di mettere in moto senza la minima incertezza ?

Infine.... 80Ah 680A.... penso che fare i barboni sulla batteria per qualche decina di euro sia davvero vergognoso....

Scusate se mi sono dilungato, ma sarei felice di avere una vostra opinione su tutta la vicenda, nonché mi auguro di poter essere stato di aiuto a qualcuno.
Se ho bene capito, dal 2020 la tua macchina aveva questi grossi problemi. Ma questi malfunzionamenti al cambio (anzi alle frizioni mi viene da dire, significa che non staccavano bene se avevi degli strattoni in frenata e partenza) c'erano sempre? Io non sarei riuscito ad usare una macchina così tutti i giorni... Se erano sporadici invece doveva essere un ulteriori campanello d'allarme di problema elettrico. Se non ci sono segnalazioni di errore memorizzate in centralina significa che non è un problema dovuto ai vari sensori che si attivano ma di corrente elettrica che c'è e non c'è, di contatti spesso, che non danno errori alla sensoristica ma che causano malfunzionamenti.
La batteria è uno dei primi imputati, poi gli altri sono i contatti elettrici, che nelle auto odierne è come cercare un ago in un pagliaio, viste le centinaia di morsettiere sparse ovunque.
Cambiare la batteria è cosa sana e giusta, sempre, e altra cosa sana è tenere collegato un mantenitore di carica se si lascia l'auto ferma più di una settimana. Certo see non si ha un box e si lascia l'auto in strada è un bel problema....
 
Certo see non si ha un box e si lascia l'auto in strada è un bel problema....

Una considerazione.... ma nel contratto di acquisto o nel LUM è scritto che l'auto deve essere ricoverata in un box con il mantenitore attaccato?

Quello che è strano è che vedo diverse Stelvio parcheggiate all'addiaccio ma non mi è mai capitato di vederne con il cofano aperto e meccanico appresso. Non sarà che il problema afflige solo i partecipanti del forum? 🤣
 
Una considerazione.... ma nel contratto di acquisto o nel LUM è scritto che l'auto deve essere ricoverata in un box con il mantenitore attaccato?

Quello che è strano è che vedo diverse Stelvio parcheggiate all'addiaccio ma non mi è mai capitato di vederne con il cofano aperto e meccanico appresso. Non sarà che il problema afflige solo i partecipanti del forum? 🤣
Non so, magari non stai due settimane appostato davanti alla stessa auto a vedere se quando arriva il proprietario va in moto oppure no 🤣
Comunque a me è successo, e non solo con la Stelvio, che nel periodo covid ho lasciato l'auto ferma per un mese e all'avvio ho dovuto usare un booster. Con la Stelvio mi è successo anche in montagna, ho lasciato la macchina ferma per 2-3 giorni (nel box, temperatura interna comunque prossima allo 0°) e ho dovuto chiamare il carro attrezzi, non avevo il booster con me. Da allora se sta ferma più di una settimana metto il mantenitore. Mai più successo, ovviamente.
Notare che nel periodo covid l'auto aveva 1 anno e mezzo, quindi seminuova... Avevo fatto anche controllare la batteria in concessionaria e il test era ok. All'epoca mi sostituirono in garanzia il potenziometro dell'impianto audio sul tunnel, mi dissero che quello poteva avere dispersioni e scaricava la batteria.
 
Sperando possa essere utile a qualcuno vi faccio un breve sunto di un problema che credo di aver risolto (quasi per caso) dopo ben due anni e mezzo di autentica disperazione.

A più riprese ho lamentato su questo ed altri forum una enorme seccatura che ha cominciato ad affliggere la mia 210CV MY19 (acquistata nuova) dopo soli 18 mesi di vita, ma nessuno mi ha mai confermato di aver rilevato i medesimi sintomi, e nessuno mi ha saputo dare un consiglio.

Tutto è cominciato quando all'improvviso la centralina del cambio decide di comportarsi in modo assurdo: alla partenza rilasciando il freno l'auto mi da uno strattone; quando vado a passo d'uomo se freno per arrestarmi la coppia motrice continua a spingere come a volersi opporre alla frenata; se poi freno a velocità un po' più sostenuta - per esempio appropinguandomi ad una precedenza - la scalata del cambio anche qui è tutta uno strattone, e alla successiva pressione dell'acceleratore per 1-2 secondi non fa niente per poi ripartire di brutto con un altro bello strattone. L'auto è inguidabile nel traffico cittadino e negli spazi stretti (non vi dico che fatica fare un parcheggio ad inserimento...). Invece ad andatura costante va tutto bene.

A tutto questo si aggiungono una lista di piccole sporadiche follie totalmente causali, come l'autoradio che si accende a tutto volume quando apro la portiera, il condizionatore che mi spara aria gelata quando chiedo il riscaldamento, la temperatura del motore che a 140 km/h non sale oltre le due tacche, etc... etc...

Da notare che mai una spia si è accesa. E nessuna anomalia mai rilevata tramite OBD (con AlfaDPF).

Chiedo alla concessionaria dove l'ho comprata e non sanno che cosa dirmi.

La porto ad un'officina Alfa e mi dicono che devo lasciargliela a tempo indeterminato per fare la diagnosi.

Vado da un'altra officina e mi rassicurano che è solo un problema di aggiornamento software. Ottimo, fanno questi aggiornamenti - che pago profumatamente - e ovviamente non cambia nulla (più tardi andrò a vedere che cosa mi hanno fatto e scoprirò che si tratta di aggiornamenti riguardanti cose che non c'entrano nulla col mio problema).

In tutto questo noto una cosa strana: ogni volta che qualcuno si collega col computerino (es. durante il tagliando) poi per un giorno l'auto va come una sposa.... per poi ricominciare a far casino il giorno dopo. Mmmmhhh....

In preda alla disperazione mi sparo 500 km e la porto presso l'officina ZF di Assago dove gentilissimamente fanno al volo un check al cambio, dal quale risulta che meccanicamente è tutto ok. Mi fanno però notare di aver rilevato degli errori CAN, che giustamente solo Alfa può indagare. E si limitano ad azzerarli, e naturalmente per un giorno va di nuovo come una sposa.

Dunque si tratta di un problema di dati sul CAN: tu li azzeri e va tutto bene finché non se ne accumulano un po' corrompendo i dati e da lì il casino. Ma è una diagnosi non risolutiva, perché bisogna capire chi è il responsabile di questi errori.

Tutto questo calvario si è (spero) concluso quindici giorni fa, quando ho deciso di far fare il tagliando al mio amico meccanico: lui nota subito che la batteria (quella di serie da 80Ah - 680A) è particolarmente bassa (11,6V). Che strano.... mai avuto un problema all'avviamento, o una luce accesa sul cruscotto !! E inoltre ho il dispositivo Eng-Custom che disabilita in automatico lo Start & Stop, quindi la mia batteria dovrebbe essere tutt'ora in buona forma. Però lui mi raccomanda di sostituirla subito in vista di un viaggio che avevo in programma, così me la rimpiazza con una da 90Ah - 850A). E..... magia !!!! Da quel giorno la mia Stelvio non ha più manifestato nessun problema !!!!!

Alla luce di quanto sopra la mia ipotesi è che durante l'avviamento vi fosse un forte calo di tensione a causa del quale si verificava una corruzione di qualche dato immagazzinato nelle centraline, e da lì tutto ciò che ne consegue.

Ma se è davvero così ......a voi sembra plausibile che un'auto di questo genere per colpa di una batteria ciucca cominci a fare follie senza segnalare nulla, né sul cruscotto né sul computer dell'officina Alfa ?!?!

Inoltre come diavolo è possibile che il problema tensione bassa sia comparso 2 anni e mezzo fa e oggi dopo migliaia di avviamenti la batteria fosse ancora in grado di mettere in moto senza la minima incertezza ?

Infine.... 80Ah 680A.... penso che fare i barboni sulla batteria per qualche decina di euro sia davvero vergognoso....

Scusate se mi sono dilungato, ma sarei felice di avere una vostra opinione su tutta la vicenda, nonché mi auguro di poter essere stato di aiuto a qualcuno.
Strano.... avrei giurato che la batteria di serie avesse un CCA maggiore, non solo 680A. Sul sito Varta (che fornisce le batterie ad Alfa) per Stelvio viene indicata una batteria 80Ah 800A
 
Pubblicità - Continua a leggere sotto
Sara' una batteria base , per auto senza SS . Io ne monto una così , 95amp 800a