Foglio rosa a 16 anni

Discussione in 'Codice della Strada - Fisco' iniziata da Tibe, 20 Giugno 2007.

  1. Guida a 16 anni al giro di boa. La Camera ha approvato in prima lettura il cosiddetto disegno di legge Bianchi di modifica del codice della strada. Il testo passa adesso all'esame del Senato dove si prevede che verrà approvato entro il mese di luglio.

    La novità più significativa del progetto di legge è, come detto, l'introduzione della possibilità di guidare auto a 16 anni.

    Il testo prevede, infatti, che "i minori che abbiamo compiuto anni sedici e che siano titolari di patente (A, ndr) possano esercitarsi alla guida di autoveicoli di massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 t (con esclusione del traino di qualunque tipo di rimorchio) purché accompagnati da un conducente titolare di patente di categoria B o superiore da almeno dieci anni".

    Inoltre, la legge pone altre limitazioni:
    - il veicolo dovrà avere un rapporto potenza/tara fino a 60 kW/t;
    - per esercitarsi occorrerà l'autorizzazione della motorizzazione civile, rilasciata su istanza di uno dei genitori;
    - ci si potrà esercitare alla guida solo dopo aver fatto dieci ore di corso pratico di guida presso un'autoscuola, di cui quattro ore in autostrada o su strade extraurbane e due in ore notturne;
    - sul veicolo non potrà prendere posto nessun altro, all'infuori, ovviamente, del conducente e dell'accompagnatore;
    - il veicolo dovrà essere munito di un nuovo contrassegno con le lettere "GA".

    Chi violerà le nuove norme verrà severamente punito. In particolare, se si commetteranno violazioni che normalmente prevedono la sospensione della patente, la patente di cui si è in possesso sarà soggetta a revisione (occorrerà cioè fare nuovamente l'esame) e l'autorizzazione a guidare sarà revocata. Nel caso in cui, invece, si guidasse senza accompagnatore, è prevista una multa di 370 euro e il fermo amministrativo del veicolo per tre mesi.

    - Violazione dei limiti di velocità

    Tra le altre novità del provvedimento approvato ieri alla Camera vi sono l'inasprimento delle sanzioni per chi viola i limiti di velocità e la reintroduzione della liberalizzazione della componentistica auto, inizialmente contenuta nel cosiddetto decreto Bersani ma poi stralciata da quel provvedimento.

    In particolare, per quanto riguarda la velocità, attualmente il superamento del limite di velocità di oltre 10 km/h e non oltre 40 km/h prevede la sanzione di 148 euro e la decurtazione di due punti. Nel ddl la sanzione resta invariata ma la decurtazione sale a cinque punti.

    Il superamento del limite di velocità di oltre 40 km/h attualmente viene sanzionato con la multa di 370 euro, la decurtazione di dieci punti dalla patente e la sospensione della patente da uno a tre mesi. Il ddl prevede che il superamento di oltre 40 km/h e non oltre 60 km/h i limiti massimi di velocità sia soggetto alla sanzione di 400 euro, alla decurtazione di dieci punti e alla sospensione della patente da tre a sei mesi. La seconda violazione in un biennio comporta la sospensione della patente da otto a 18 mesi.

    Il superamento di oltre 60 km/h dei limiti, infine, sarà invece soggetto alla sanzione di 500 euro, alla decurtazione di dieci punti e alla sospensione della patente da sei a 12 mesi. La seconda violazione in un biennio comporta la revoca della patente.

    - Modifiche ai veicoli

    Per quanto riguarda, infine, le modifiche ai veicoli, il testo approvato alla camera prevede che "con decreto del Ministro dei trasporti sono individuate le modifiche per i veicoli di massa complessiva fino a 3.500 kg, esclusi i motoveicoli ed i ciclomotori, che possono essere effettuate, in deroga alle disposizioni in materia, senza nulla osta della casa costruttrice e senza visita e prova, anche tramite la certificazione di enti o professionisti accreditati. Con lo stesso decreto sono stabiliti i requisiti per l'accreditamento, nonché le modalità e le condizioni di effettuazione delle modifiche".

    Via 4R
     
  2. Sto caricando...


  3. sono totalmente contrario al questa proposta..... : good . :
    L'esperienza non si crea con 2 anni di foglio rosa, pensate a quanti " bambini " prenderanno l'auto del padre con un coetaneo che abbia la patente, tutti pericolosi per le strade già molto affollate e pericolose...
    Sto bianchiu, mio ex rettore all'università della calabria, è un gran coglione con la C maiuscola : good . :
    Ps. di fatti fa parte di un governo assurdo
     
  4. il foglio rosa funziona come quello vecchio, quindi o hai accanto un guidatore con 10 anni di patente alle spalle o potrebbero bruciarti il foglio rosa così come la patente dell'accompagnatore...

    non puoi prendere auto eccessivamente potenti, quindi niente figli di papà 16enni su porsche 997 turbo in giro...

    non puoi portare nessuno oltre all'accompagnatore, quindi niente serate brave con gli amici o giri della domenica pomeriggio

    alla fine è meno peggio del previsto...


    ma se uno di questi mi viene addosso sul cid metto il suo foglio rosa o la patente dell'accompagnatore? e soprattutto, nel caso l'accompagnatore non sia il proprietario della vettura chi paga i danni?
     
  5. Quoto in pieno Devil!

    Un'altra legge vergogna all'italiana. annoyingBig
     
  6. bocciata...sono contrario. Ma di sicuro lo faranno...
     
  7. Bella :aktion082: .... a quale età il porto d'armi? ...
     
  8. Potrebbe significare un po di esperienza in + ...
    ma significherebbe anche maggiore inesperienza e maturità al volante, anche se c'è il patentato accanto...

    ci sono pro e contro...

    Non saprei...
     
  9. io non capisco bene che razza di vantaggio ci sia ad avere un foglio rosa di due anni, non se ne sentiva la mancanza. Tutti noi abbiamo fatto la nostra esperienza prima dell'esame di guida in un paio di mesi al massimo e sono stati più che sufficienti. Secondo me si stanno spendendo i soldi dello stato per una cagata, tanto per essere chiari...
     
  10. Sicuramente ci sono i pro e i contro, purtroppo i 16enni con la testa sulle spalle pagano le colpe di quelli che la testa la usano per metterci sopra il cappello. ... purtroppo visti i tempi che corrono e la perdita complessiva di valori, e non solo per la nuova generazione, non credo che un clima di liberalizzazione faciliti le cose.
    Ho sempre più l'impressione che liberalizzazione prima, ed anarchia poi, stia diventando un pensiero ricorrente ... e quello che mi preoccupa è che a pensarla in questo modo è il Governo. ... come diceva mio nonno: "più disciplina e rispetto ragazzo", ma questo è un'altro discorso ...
     
  11. sono pienamente d'accordo con te, ma come ripeto da un po' di tempo ormai, entro pochi anni ci saranno grossi cambiamenti, altrimenti si finirà tutti nella m...a