JTDm vs GPL... consumo.....

Aggiungo una banalità, da appassionato profano di motori e mezzi a motore (endotermico) in generale: economia a parte, specie restando in Alfa Romeo, non esiste un GPL performante quanto un JTDm 16V. E questo personalmente basterebbe ad escluderlo al netto di tutto il resto.
P.S.: non fatemi l'esempio di chi ha gasato i Busso perché.. è meglio che mi taccia! :D
 
Quelli che montano il gas sul Busso sono impresentabili.. al livello di zalone che fa 7 euri di gas con la porsche.
 
Il Gpl consente (sui motori che lo supportano bene) di conseguire un significativo risparmio (Costo di circa 6-7 per 100km) e di andare a benzina quando se ne ha voglia.
Se prendi già un 1.8 euro 2 144cv credimi le prestazioni non sono niente male anche a gpl. La manutenzione è la stessa del benzina con costi ben più bassi del diesel. (Vedasi candelette, filtri diesel e frizione bimassa). Ovviamente dal benzina non si può pretendere di arrivare a 700-800 Mila km (sui diesel si riesce) ma la metà sì.
Il Busso a GPL è sacrilegio!
 
  • Like
Reactions: roberto56
Non dubito sulle buonissime prestazioni del 1.8 ts da 144 cv, ormai quasi introvabile.. non sono tuttavia altrettanto sicuro che di manutenzione costi meno di un jtd, anzi, se includiamo anche manutenzione straordinaria, sono convinto che il motore a gasolio sia ancora più parco..
 
Pubblicità - Continua a leggere sotto
Chi parla di sacrilegi a gasare motori potenti v. Giulietta 1750, Brera 3.2, 159 e perchè no anche il Busso e financo Giulia e Stelvio 200 e 280, mi dà l'idea che non abbia molta dimestichezza col gpl di ultima generazione.
Certo che chi tenta la via del risparmio già a cominciare dal prezzo dell'impianto pensando di installare i soliti brc, landi, ecc. è proprio fuori strada! I motori suddetti sono tutti gioielli della tecnica con il turbo e l'iniezione diretta, per cui si possono tranquillamente far funzionare a gpl, ma "gasare" non è il termine corretto.
Diciamo che si cambia alimentazione, perchè il gpl viene messo liquido nella bombola e tal quale (cioè liquido) entra nel cilindro), cioè non diventa mai gassoso! E non solo si può fare, ma i risultati sono strabilianti! E tutto ciò che poteva derivare da problemi relativi a usura di iniettori, valvole, testate, ecc. è solo un brutto ricordo.
La macchina potrebbe non andare mai più a benzina, nemmeno gli serve per partire, tant'è che alcuni il serbatoio della benzina l'hanno persino tolto o ridotto (cosa che consente in alcune regioni di non pagare il bollo o di ridurlo del 75%). Chiaramente il costo di tali impianti è praticamente il doppio di un impianto per motori tradizionali ma poi alla fine non c'è nessuna manutenzione! (non ci sono polmoni, riduttori, iniettori per il gas, ecc.). L'auto non si accorge che stai buttando dentro un liquido piuttosto che un altro e il tutto viene gestito dalla centralina originale (quella della benzina) e dagli iniettori originali. Serve solo un'ulteriore piccola centralina deputata a gestire il cambio benzina/gpl e viceversa.
Prezzo del GPL: 1/3 della benzina, resa: 95% della benzina (c.ca 1 km in meno con lt), prestazioni: praticamente invariate! (ha un tiro in basso da non credere!)
Fino a poco tempo fa c'erano 2 costruttori olandesi e 1 italiano per questa tipologia di impianti; adesso gli olandesi si sono lanciati a capofitto sull'elettrico e c'è rimasto solo l'italiano, che comunque per me era il migliore di tutti anche prima. Buchi di carburazione, strappi, perdita di potenza e difficoltà nelle partenze, non esistono più!.
L'unico problema (se così si può chiamare) è che una Giulietta 1750 da 235 cv. si dovrà accontentare di "appena" 225!
 
Pubblicità - Continua a leggere sotto