Guerra al DIESEL

Discussione in 'Ecologia' iniziata da ack, 20 Ottobre 2017.

  1. I motori delle navi sono i veri DIESEL, ovvero motori 2 tempi.... E funzionano praticamente con TUTTO quelli che inserisci nelle camere di combustione.
    Qui si parla di motori Fairbanks Morse, Duvant. Ecc... Ecc...

    Il problema è il costo del carburante, qui si parla di milioni e milioni di dollari... E questa è gente ricca sfondata che ha nel ruolo paga migliaia e migliaia di dipendenti, spesso hanno un controllo totale della politica fino a livelli atissimi... Anzi ti dirò.... I politici cambiano..... Gli armatori no. .
     
  2. Secondo me prima ci faranno passare all'ibrido, poi all'elettrico totale, poi quando noi saremo sommersi dalle batterie esauste e loro con le tasche piene, ci diranno che l'elettrico è troppo inquinante se visto nel suo complesso e torneranno a vendere diesel (magari ibridi o con GPL/metano). Il problema è che nessuno o quasi cerca davvero di combattere l'inquinamento in modo reale....
     
    A flavr, Morga190, rogopao e 1 altro utente piace questo messaggio.
  3. Il vero inquinamento non sono le auto, ma le maxi fabbriche, le caldaie. Non credo che 1000 alfa 75 inquinano come una metalmeccanica. Al posto di fare guerra alle auto dovrebbero fare guerra alle fabbriche, Emilia Romagna e Lombardia ne sono piene. Mi sembra strana una cosa: oggi esistono i deumidificatori, esistono le macchine sparaneve, perché non investono i soldi per creare un macchinario magari da mettere su grandi città o su posti inquinanti, che ripulisce l'aria o attira a se i fumi tossici ripulendoli e rimanda aria pulita da una seconda uscita. Oggi come oggi le tecnologie per ripulire l'aria non mancano, non vogliono svilupparle, questo è il problema. L' unico pensiero è farci spendere soldi a noi per auto nuove. Tutto questo inquinamento non c'è o avrebbero già creato qualcosa per eliminarlo del tutto. Io non sono uno scienziato o un esperto, ma se penso che oggi una persona può vivere con un cuore artificiale, può cambiare sesso e tutte queste cose, mi chiedo se realmente lo sviluppo di nuove tecnologie è limitato o lo vogliono limitare. Per me oggi come oggi si potrebbe creare anche un auto che va a rifiuti, che ripulisce l'ambiente o in altri modi, ma vogliono solo vendere elettrico e benzina, il diesel lo stanno bloccando perché oggi le auto con motore diesel arrivano tranquillamente a 500.000 km e la gente non ha motivo di venderle
     
    A micals, CristianZio77, ziopalm e ad altre 3 persone piace questo elemento.
  4. Assolutamente d'accordo...il problema delle case costruttrici e dei politici è far cambiare auto alla gente e tassarle il più possibile...per l'inquinamento le soluzioni sono altrove.
     
    A CristianZio77, ziopalm, gigivicenza e 1 altro utente piace questo messaggio.


  5. Certo chiudiamo le acciaierie... . Poi le auto le facciamo di carta... Facciamo anche la guerra alle fabbriche cosi poi gli operai hanno più tempo libero per girare con la Giulietta.

    A no spe..... Con la guerra alle fabbriche l'alfa chiude.

    Vabbe usiamo la 75.... A no spetta..... Ho chiuso la raffineria perché inquinava....


    Cerchiamo per favore di tenere il discorso su un livello adeguato
     
    A flavr piace questo elemento.
  6. Ho mai detto di chiudere le acciaierie? Io ho detto di limitare l'inquinamento non di chiudere le fabbriche. Hai proprio capito male. Alle auto hanno messo le valvole egr, ma alle fabbriche che hanno fatto? Nulla. Eppure ci sarebbero i modi per limitare le emissioni dei gas
     
    A rogopao piace questo elemento.
  7. Le fabbriche limitano da anni le emissioni con i filtri ad acqua, apparte pochissime eccezioni.
    Andrebbe poi vista la collocazione delle stesse nel territorio, ma il discorso è parecchio complesso e non privo di argomentazioni trasversali.

    Per mio parere, le auto in città da qui a 20 anni nell'anello cittadino possono circolare solo con alimentazione elettrica.
    Fuori dall'anello cittadino va benissimo il combustible diesel/benzina.
     
    A Morga190 piace questo elemento.
  8. Io credo che sia più politica di far cambiare auto che di inquinamento. Adesso mi vogliono far credere che tengono all'ambiente con città sporche di immondizia? È ipocrisia. Per non parlare delle fabbriche che versano liquidi dannosi nei fiumi. Se si volessero veramente muove per l'ambiente si impegnerebbero a cercare soluzioni concrete e non regole pagliacciate. Ripeto, se vogliono potrebbero trovare soluzioni, ma invece lasciano a piedi chi non ha soldi
     
    A CristianZio77, ziopalm e rogopao piace questo elemento.
  9. #139AsdasdGiulia,24 Maggio 2019
    Ultima modifica: 24 Maggio 2019
    Le fabbriche inquinano meno di un tempo, eccetto qualche caso famoso, oltre al fatto che tante hanno già chiuso.:(
    La cosa più semplice sarebbe quella di limitare l’inquinamento da riscaldamento, non per niente il picco è proprio d’inverno, parlo anche di obbligare a migliorare l’isolamento termico delle abitazioni che fa miracoli sotto questo aspetto, facendo in discorso completo si darebbe lavoro e si migliorerebbe anche l’aspetto delle città, dando lavoro all’edilizia senza continuare a costruire sul nuovo.
     
    A ziopalm, flavr, Morga190 e 1 altro utente piace questo messaggio.
  10. ...ma perché, l'elettrico non inquina?
    Le batterie come le producono?i minerali per farle dove li estraggono, come li lavorano e come li trasportano?
    Forse che le producono con le foglie d'albero a cui fanno fare la fotosintesi e le trasportano in bicicletta?
    No.Le producono le stesse identiche aziende di oggi, estraendo i minerali nello stesso modo di oggi negli stessi paesi di oggi, lavorandoli come oggi e trasportando da un capo all'altro del mondo su navi container che udite udite...vanno con motori Diesel giganteschi dalle emissioni spaventose che consumano l'impossibile.
    Solo che il numero di batterie da produrre rispetto ad oggi aumenterebbe in modo esponenziale.
    E come si smaltiscono quelle batterie, gli acidi e i loro materiali?mica sono biodegradabili!
    Solo che i PIL dei paesi si alzano,noi cambieremo auto ogni5 anni, per poi scoprire che è un ciclo insostenibile...nel frattempo governi,Lobby e industrie si sono arricchite...sempre a spese dei contribuenti e dell'ambiente.
    Riflettiamo tutti su sta c@zzata dell'elettrico...guardando il processo nell'insieme,perché se pure il salumiere sotto casa (non me ne vogliano i salumieri),oggi è diventato esperto di macchine a combustione endotermica e sa tutto su ciclo diesel e NOx...allora il suddetto salumiere studiasse l'intero processo industriale e si facesse due domande semplici semplici.
    L'ibrido poi...lasciamo stare!
     
    A ziopalm, flavr e Shujiaa piace questo elemento.
Sto caricando...
Potrebbe interessarti anche: Forum Data
Motori Diesel a GTL Ecologia 30 Gennaio 2008