Circolazione auto storiche ed eventuali limitazioni

Discussione in 'Codice della Strada - Fisco' iniziata da omega5, 31 Gennaio 2008.

  1. Riporto l'art.60 del cds preso dal sito dell'aci:

    TITOLO III - DEI VEICOLI

    Capo I - DEI VEICOLI IN GENERALE

    Art. 60. Motoveicoli e autoveicoli d'epoca e di interesse storico e collezionistico.

    1. Sono considerati appartenenti alla categoria di veicoli con caratteristiche atipiche i motoveicoli e gli autoveicoli d'epoca, nonché i motoveicoli e gli autoveicoli di interesse storico e collezionistico.

    2. Rientrano nella categoria dei veicoli d'epoca i motoveicoli e gli autoveicoli cancellati dal P.R.A. perché destinati alla loro conservazione in musei o locali pubblici e privati, ai fini della salvaguardia delle originarie caratteristiche tecniche specifiche della casa costruttrice, e che non siano adeguati nei requisiti, nei dispositivi e negli equipaggiamenti alle vigenti prescrizioni stabilite per l'ammissione alla circolazione. Tali veicoli sono iscritti in apposito elenco presso il Centro storico del Dipartimento per i trasporti terrestri.

    3. I veicoli d'epoca sono soggetti alle seguenti disposizioni:

    a) la loro circolazione può essere consentita soltanto in occasione di apposite manifestazioni o raduni autorizzati, limitatamente all'ambito della località e degli itinerari di svolgimento delle manifestazioni o raduni. All'uopo i veicoli, per poter circolare, devono essere provvisti di una particolare autorizzazione rilasciata dal competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri nella cui circoscrizione è compresa la località sede della manifestazione o del raduno ed al quale sia stato preventivamente presentato, da parte dell'ente organizzatore, l'elenco particolareggiato dei veicoli partecipanti. Nella autorizzazione sono indicati la validità della stessa, i percorsi stabiliti e la velocità massima consentita in relazione alla garanzia di sicurezza offerta dal tipo di veicolo;

    b) il trasferimento di proprietà degli stessi deve essere comunicato al Dipartimento per i trasporti terrestri, per l'aggiornamento dell'elenco di cui al comma 2.

    4. Rientrano nella categoria dei motoveicoli e autoveicoli di interesse storico e collezionistico tutti quelli di cui risulti l'iscrizione in uno dei seguenti registri: ASI, Storico Lancia, Italiano FIAT, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI. (1)

    5. I veicoli di interesse storico o collezionistico possono circolare sulle strade purché posseggano i requisiti previsti per questo tipo di veicoli, determinati dal regolamento.

    6. Chiunque circola con veicoli d'epoca senza l'autorizzazione prevista dal comma 3, ovvero con veicoli di cui al comma 5 sprovvisti dei requisiti previsti per questo tipo di veicoli dal regolamento, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 74 a euro 296 se si tratta di autoveicoli, o da euro 36 a euro 148 se si tratta di motoveicoli.


    Ho un dubbio riguardo la parte sottolineata, ovvero, io che ho un'auto iscritta (quasi :D) ASI, con assicurazione ridotta per auto storica, posso circolare solo in occasioni di raduni ?
    Cioè, conosco tanta gente che la usa tutti i giorni, o cmq la usa spesso.
    Se mi capita qualcosa :msmiley1: mentre la uso per fare la spesa ad esempio, l'assicurazione non paga ?

    La revisione ? Lo so che va fatta annualmente, ma se io la faccio ogni 2 anni, come se non fosse iscritta, le forze dell'ordine come se ne accorgerebbero se mi fermano dopo 13 mesi dallì'ultima revisione ?

    Michele, illuminaci :D :decoccio:
     
  2. Sto caricando...


  3. Roberto (omega5) ha fatto confusione come molti , purtroppo , tra veicoli d'epoca e veicoli di interesse storico e collezionistico !!!!!

    La risposta alla tua domanda è scritta sull'art.60 stesso : basta leggere con ATTENZIONE !!!!

    Le macchine iscritte nei registri ASI-Fiat-Lancia-ALfa Romeo e FMI (moto) rientrano nella categoria dei VEICOLI DI INTERESSE STORICO E COLLEZIONISTICO e quindi NON soggetti alle limitazioni che hai sottolineato.

    I veicoli d'epoca sono quelli cancellati dal Pra , senza targhe , quelli dei musei , ecc... iscritti in un apposito registro istituito anni fa presso la Motorizzazione.
    Questi per poter circolare devono richiedere una targa provvisoria di cartone alla Motorizzazione , che però la rilascia solo fornendo i dettagli (data, percorso,programma) della manifestazione alla quale si vuole partecipare.

    Sinceramente NON conosco nessuno che abbia iscritto il suo veicolo storico al sopra citato registro presso la Motorizzazione !!! non era una cosa obbligatoria.


    Per quanto riguarda la REVISIONE ribadisco che sia i veicoli d'epoca che i veicoli di interesse storico e collezionistico , all'atto dell'iscrizione negli appositi registri , diventano AUTOMATICAMENTE veicoli ATIPICI e come tali vanno revisionati annualmente.

    Se NON si espone l'eventuale targa ASI , oppure non si esibisce l'attestato di iscrizione ai Registri , MOLTO difficilmente le Forze di Polizia contesteranno il fatto che il veicolo sia revisionato ogni 2 anni anzichè annualmente .....

    Il problema è un altro !!!!! e cioè l'ASSICURAZIONE !!!!!

    Loro si che lo sanno che hai un'auto iscritta !!!! per poter fare la polizza agevolata devi consegnare la copia del documento !!

    Se provochi un incidente e hai la sfortuna :mad: di fare un danno elevato , oppure se ci sono dei feriti , se non peggio , quando l'assicurazione si vede obbligata a sborsare tantissimi $$$$ e Tu paghi solo 100,00 EUR all'anno di polizza , è molto probabile che vanno a controllare TUTTO , e se si accorgono dell'omessa revisione applicano il diritto di rivalsa : cioè rivogliono indietro i soldi che hanno dovuto sborsare !!!!!!!

    Proprio ieri mi sono accorto che per esempio la REALE MUTUA in caso di revisione scaduta applica una FRANCHIGIA di 5.000 EUR in caso di incidente , alcune polizze pagando un sovraprezzo rinunciano a fare rivalsa , ma solo per guida in stato di ebbrezza, patente scaduta , ecc....sinceramente non ho mai visto una rinuncia alla rivalsa in caso di mancata revisione.


    Solo l'Augusta assicurazione nel prodotto "BeneAutostoriche", che avevo oltre 10 di anni fa , mi ricordo che specificava chiaramente " data la particolarità dei veicoli assicurati , l'assicurazione è operante anche in caso di revisione scaduta". Purtroppo sulle condizioni attuali che ho trovato online datate 2002 questa condizione è sparita.

    Vi consiglio dunque quando fate una polizza per auto storiche, di chiedere se è possibile inserire la rinuncia alla rivalsa in caso di revisione scaduta.

    Io sinceramente dopo la polizza di molti anni fa di cui ho scritto sopra non l'ho più visto scritto da nessuna parte......

    Assolutamente NON voglio creare allarmismi !!!! NON è poi detto che accada veramente , ma prevenire ed essere informati è meglio che piangere in seguito perchè si era all'oscuro di questa sgradevole possibilità.

    Ciao:decoccio::decoccio::decoccio: a tutti
     
  4. Ahhhh ecco, adesso ho capito!! :D
    Infatti leggevo cose discordanti, non ci avevo fatto caso alla distinzione tra auto storiche e auto d'interesse storico e collezionistico.

    Il discorso revisione invece era solo una semplice curiosità, non è che voglio girare con la revisione scaduta, ci macherebbe !
    Però volevo ugualmente capire se effettivamente le forze dell'ordine erano in qualche modo in grado di fare una verifica al volo su questo fatto (forse lo possono vedere dal compuer che hanno nelle loro auto :confused:).
    Cmq questa cosa delle revisione annuale è un pò un controsenso...
    Cioè, io che iscrivo la mia auto tra i 20 e i 30 anni devo farla ogni anno perchè diventa un veicolo atipico, mentre chi non la iscirve la fa normalmente ogni 2 anni.
    Secondo voi quale delle 2 auto sarà più a puntino e ben tenuta, quella dell'appassionato o quella dell'anziano muratore che gira con una vecchia auto piena zeppa di attrezzi ?
    Bah.... l'Italia... :eek:

    :decoccio::decoccio::decoccio:
     
  5. Purtroppo è così !!! Beh però tu rispetto al muratore paghi poco di assicurazione e meno di 30,00 EUR di bollo , diciamo che la revisione annuale ci può anche stare in cambio , no ??

    L'ASI per il fatto delle revisioni è da molto che si sta battendo e vorrebbe farla portare ogni 4 anni , ma purtroppo i vari decreti sono da anni fermi tra Parlamento e Senato , e poi adesso con la crisi di Governo mi sa che si dovrà ricominciare tutto l'iter , chissà quando vedrà la luce una nuova regolamentazione sulle storiche !?!?!?!?!?!
     
  6. Stessa franchigia applicata dalla SARA sulle polizze FreeKm e FreeDay, tenere gli occhi aperti gente, altrimenti poi il deretano incomincia a bruciare...:WC:
    Grazie a Michele per le preziose info.:decoccio:
     
  7. Scusa Tenerone , io ho una Sarafree DAY , ma la franchigia di 5.000 EUR c'è solo nel caso in cui non attivi l'assicurazione con il telefonino ed hai un incidente . In quella a Km invece se non installi il localizzatore entro 10 gg, ecc....
    Per la revisione mi sono riletto le condizioni e non c'è scritto nulla....

    Te le allego così puoi controllare anche tu.

    Ciao
     

    Files Allegati:


  8. Si si, per carità, ci sta pure la revisione annuale, è la forma che non è molto corretta. L'ASI non fa iscrivere tutte le auto, ma solo quelle in ordine e in ottimo stato di conservazione, tu sei proprio una delle persone che deve giudicare questo. Sarebbe più corretto come forma che tutte le auto dopo i 20 anni avessero l'obbligo della revisione annuale, e quelle ASI (ovvero quelle che i comm.tecnici giudicano in ottimo stato) magari ogni 4.

    Riguardo alla circolazione nelle zone bollino blu, sai se nelle Marche serve il bollino ?
    Ora provo a cercare qualcosa sul sito dei comuni.... :D
     
  9. In Ancona non c'è proprio il bollino blu !!!
    So che c'è a FANO e Pesaro di sicuro , ma mi sembra che se hai la macchina iscritta ASI non sia obbligatorio farlo .

    Dovrei sentire alcuni soci del Club....