Acquisto auto ASI: chiarimenti.

Discussione in 'ASI' iniziata da Umby156, 21 Ottobre 2012.

  1. Perche' il PRA cosa ti ha detto?
     
  2. Il PRA mi ha detto che NON e' importante il nome del proprietario della vettura sul cartellino plastificato (attestato di storicita'), ma la COSA FONDAMENTALE e' che la VETTURA sia iscritta ASI.

    In pratica il nr. di iscrizione sul cartellino rimane sempre lo stesso a dimostrazione che una vettura, una volta iscritta, quindi anche dal vecchio proprietario, TALE RIMANE.

    Se NON si aggiorna il nome sul cartellino NON decade nulla!

    Questo e' quello che mi e' stato detto dal responsabile relazioni col pubblico e dall'addetto ai bolli del P.R.A.


    Ripeto... se qualcuno sa del contrario e' pregato di postarlo insieme ALLA LEGGE CHE LO STABILISCE!
     
  3. Cambiare il nome del proprietario sull'attestato di storicità non è obbligatorio , anche se sul retro dello stesso da quelche tempo l'ASI scrive di comunicare tempestivamente il cambio di proprietà ; più che altro dovrebbe essere il venditore ( socio ASI ) a comunicare di non essere più il proprietario ed indicare il nome del socio ASI al quale ha venduto il mezzo , ehh si avete capito bene : anche il nuovo proprietario deve essere socio ASI , altrimenti "in teoria" non si dovrebbe consegnare nessun documento e rispedire tutto all' ASI , in particolar modo se si tratta del certificato di omologazione ( ora Certificato di identità ) con annessa targa di ottone ( cosiddetta targa oro ) .

    Tali documenti di fatti ( così dice l'ASI e richiendoli si firma l'accettazione di queste condizioni !!! ) rimangono di proprietà dell'ASI e sono solamente concessi in uso al socio ,

    Ora , è vero nessuno ( o quasi ) che lo fa , ma la realtà è questa ....io ad esempio ho venduto un'auto con omologazione e NON ho consegnato documento e targa finchè l'acquirente non mi ha mandato la sua tessera ASI , poi è stato lui stesso a far cambiare il nome .

    Il costo per fare il duplicato dell'Attestato di storicità è di 10,33 EUR e va richiesto al proprio club di appartenenza che provvederà ad inviare il tutto all'ASI , i tempi sono un po' lunghi : almeno 3 mesi per avere il nuovo attestato.

    Consiglio vivamente a tutti i possessori di auto con < di 30 anni di farlo , ma soprattutto consiglio sempre a costoro di PAGARE la tessera ASI perchè è già capitato ( Regione Marche ) che abbiano chiesto di dimostrare di aver pagato le tessere ASI per gli anni precedenti !!!

    Eh già ..... perchè non essendo soci dell'ASI non si ha diritto all'esenzione del bollo !! si ha un documento diun'associazione della quale NON si fa parte e quindi senza alcun valore .

    Questo è un caso limite per carità , ma conviene risparmiare 100,00 EUR all'anno e rischiare ??? se ne risparmiano già almeno il doppio sul bollo e tantissimo sull'assicurazione ......poi si riceve anche la rivista " La Manovella "

    Il discorso è diverso per chi ha un'auto con > 30 anni perchè già esentata automaticamente e quindi nesuno lo cercherà .
     
  4. Concordo pienamente con te Miclanci anch'io sono della prov. di AN e l'anno scorso ho certificato ASI la mia Alfa 33 e la trafila e' quella che hai detto tu', infatti dietro il certificato d'identita' storica c'e' scritto di comunicare tempestivamente il cambio di proprieta';ed e' quello che ho scritto nei post. sopra a umby 156.
     
  5. #15Umby156,5 Novembre 2012
    Ultima modifica: 5 Novembre 2012
    Miclanci, condivido in parte quanto mi hai detto e mi spiego meglio.

    Siccome mi piace stare in regola, ecco il motivo di queste mille domande... a questo punto mi vien da dire che entrambi i tipi del PRA non sanno quello che dicono?
    Quando alla mia ennesima domanda se era giusto comportarmi cosi' (ovvero non facendo il cambio) questi mi ha detto:
    "NON ti arriva nulla... se dovesse arrivarti qualcosa, vieni che l'annulliamo! (cosa accaduta ad un mio amico e che prontamente e' stato annullata la richiesta di pagmanto del bollo per intero!).

    Quando chiesi "il perche'" di alcuni che richiedono affiliazione ad un club federato, quest mi disse che prima era necessario ma adesso non piu', sempre perche' si fa riferimento all'auto e non alla persona per le agevolazioni.

    Di fatto, ho visto io con i miei occhi, che caricava (nel terminale ACI) la mia vettura nella mia regione (automaticamente c'avrebbe messo un po' di piu') specificando "autovettura di interesse storico" abbinato al nr. di registro presente sulla tessera plastificata.

    E' li' che chiesi delucidazioni dicendo che il nominativo che figurava non ero io ma il vecchio proprietario e questi mi ha rassicurato dicendomi che e' la vettura di "interesse storico" NON il proprietario specificando che anche se avessi fatto fare il cambio del nominativo, il numero di registrazione presso l'ASI rimane sempre lo stesso... anche se il nuovo proprietario non e' iscritto.

    Quando chiesi il perche' certi insistono nell'iscrizione obbligatoria, mi e' stato risposto che... e' normale che i clubs cerchino di "fare cassa"...
    RIPETO... hai ragione quando dici che per 100 euro l'anno stai PIU' TRANQUILLO e in piu' ricevi "la manovella", fin qui non ci piove ed infatti e' mia intenzione fare il tutto ad anno nuovo, ma un conto e' una cosa FACOLTATIVA un'altra e' L'OBBLIGATORIETA'...

    E poi... mi hanno chiesto 250 euro per l'iscrizione il primo anno (100 annuali + 150 una tantum) e 20 euro il rinnovo del nome sul libretto!
     
  6. Cosa c'entra il PRA ???? a loro serve l'attestato di storicità solo per farti pagare il passaggio di proprietà ridotto ; è logico che non essendo di competenza del PRA il bollo auto NON ne sappiano una mazza e ti diano delle risposte a casaccio !

    Vieni che Ti annulliamo cosa ???? una multa che NON possono aver fatto loro ?
    la competenza per i bolli è della REGIONE di residenza e quindi nel Tuo caso Regione Abruzzo .

    Già c'è un sacco di confusione in questa materia , se poi ci si mettono pure gli impiegati di Enti che non c'entrano nulla a dare indicazioni sbagliate siamo proprio a cavallo .

    Ti ripeto che il cambio non è indispensabile , l'importante però per stare in regola al 100% è che Tu sia socio ASI e continui a pagare almeno finchè la macchina non compie 30 anni .
    La tessera ASI poi la vogliono praticamente tutte le assicurazioni , proprio per dimostrare che essendo un appassionato non usi la macchina tutti i giorni e quindi ti fanno una polizza agevolata .....poi qui stendiamo un velo pietoso su certe carrette che girano quotidianamente .



    Assolutamente errato , ancora una volta : cosa ne sanno loro del PRA dei Regolamenti della Regione Abruzzo ? La multa a chi arriva alla macchina o al proprietario ?


    ma cosa c'entra questo ??? loro lo hanno inserito per farti pagare il passaggio agevolato ! Ripeto che il Bollo è competenza ESCLUSIVA della REGIONE .

    ecco adesso siamo apposto : vogliono sapere pure quello che dice l'ASI ...ma che facciano il loro lavoro bene e velocemente invece di dare indicazioni sbagliate !

    Ancora una volta ti dico che il Regolamento ASI prevede in caso di vendita del veicolo ad una persona NON socia la restituzione di TUTTI i documenti rilasciati per il veicolo stesso , non solo : è facoltà dell'ASI comunicare alle Regioni competenti tutte le targhe dei veicoli esentati ( con meno di 30 anni) di soci che NON hanno rinnovato la quota annuale .
    Fino ad ora non l'hanno mai fatto , ma in qualsiasi momento potrebbero farlo .


    Nessuno Ti viene a casa con il fucile e Ti obbliga ! se però sei un vero appassionato dovresti essere contento di appartenere al mondo dei veicoli storici attraverso l'associazione più importante d'Italia , se invece non te ne frga una "mazza" ed hai comprato la macchina solo per girare tutti i giorni e pagare poco di bollo e assicurazione allora lasciamo perdere e non vale la pena nemmeno di scrivere una parola di più .



    Per il duplicato ( cambio nome sull'attestato ) all'ASI bisogna pagare 10,33€ : ci sta che con le spese di spedizione Ti abbiano chiesto 20€ , anche perchè poi il duplicato arriverà al Club che dovrà rispedirlo ancora a Te .

    Per la quota invece devo concordare che è cara !
    L'ASI ha messo un tetto minimo di 100,00 € , però non un massimo e l'unica cosa che puoi fare è contattare un altro Club , nel mio ad esempio si paga 110,00 € e non c'è nessuna quota una tantum o di ingresso .

    guarda qui , clicca sulla provincia ( anche una diversa dalla tua ) e fai qualche telefonata :

    3M Car Care Kit Ripristino Fari
     
  7. Caro Miclanci... per la foga di risponderti, mi sono anche incasinato con i vari "rispondi citando"...:rolleyes:

    Andiamo con ordine e ti spiego il tutto, con modi piu' pacati, senza utilizzare toni da "lavata di capo" come hai fatto tu!

    Allora, iniziamo dal PRA.
    Forse c'e bisogno di un chiarimento: l'edificio ACI/PRA e' lo stesso... ora non vorrei che l'ufficio che ho citato faccia parte dell'ACI e non del PRA... ma poco cambia!

    Mi chiedi cosa c'entri l'ACI col bollo.
    Se vai sul sito della Regione Abruzzo vedi che sono loro delegati alla riscossione del bollo.

    Perche' mi sono recato da loro?
    Un un mio amico che e' un appassionato di storiche (ne ha una decina!) nonche' "commissario tecnico" di un club federato ASI, dopo aver pagato il bollo tramite bollettino (anche con l'apposita dicitura!), dopo qualche tempo, si e' visto arrivare delle richieste di pagamento di bolli (interi) arretrati.
    Recatosi all'ACI, questi lo hanno indirizzato all'"ufficio relazioni con pubblico - bolli" sito al 2' piano dell'edificio (dove si trova il PRA), un bravo impiegato gli ha sistemato la situazione con i bolli ed ha inserito la sua vettura nella liste della auto storiche.
    E siccome ho preso la 75 da una regione diversa dalla mia, per evitare disguidi (mancate o lente comunicazioni di cambio regione e/o status), mi sono recato presso questo ufficio dove hanno inserito la mia auto nella liste delle auto storiche e alla stessa persona ho chiesto chiarimenti circa l'oobligatorieta' dell'iscrizione all'ASI...ecc...ecc... il resto gia' l'ho scritto...
    COSA CI TROVI DI STRANO IN TUTTO QUESTO?

    E poi... mi sono informato il lungo e in largo e NESSUNO mi ha parlato di comunicazioni da parte dell'ASI alle regioni (o ACI) di targhe appartenenti a NUOVI PROPRIETARI (di AUTO GIA' STORICHE) non iscritti ASI... semplicemente perche' NON LO POSSONO FARE... in quanto RIPETO una vettura di interesse storico rimane tale anche se cambia il proprietario: e' chiaro?

    POI... sono pienamente d'accordo con te che E' GIUSTO che chi abbia una vettura di interesse storico, sia iscritto all'ASI, come sarebbe giusto che queste vetture sarebbero poste a visita e prova da parte di tecnici ASI periodicamente e NON UNA VOLTA SOLA, appunto per evitare i tanti catorci che vedo in giro che di storico anno solo l'anno di immatricolazione...

    Figurati che la mia 75 e' completamente originale, anzi, devo cambiarle i cerchi, (attualmente ho quelli della ASN) e rimetterci gli originali, e fra poco faro' la trafila per ottenere la targa ORO!
    Logicamente dopo che mi saro' iscritto ad un club federato e pagato le dovute somme per "l'omologazione"...

    Come vedi parliamo la stessa lingua! E sono sicuro che questa discussione, se l'avessimo intrapresa davanti un bel boccale di birra, ci saremmo capiti di piu'!

     
  8. Guarda che Ti stai sbagliando alla grande !! il mio tono NON è affatto da lavata di capo , semmai lo è il Tuo con i testi in maiuscolo e neretto !

    Se avessi letto bene avresti capito che le mie critiche non erano rivolte a Te mì, ma bensì a tutte le persone che Ti hanno dato informazioni non corrette .

    Continui a far confusione tra PRA , ACI , bollo e veicoli con oltre 30 anni che diventano automaticamente tali al compimento appunto del 30° anno e quelli che invece lo diventano al 20° subordinatamente all'iscrizione ASI .

    In qualsiasi Regione gli uffici ACI sono delegati alla riscossione del bollo , esattamente come i Tabaccai e gli Uffici Postali ! Se hai una noia sul bollo cosa fai vai dal tabaccaio che tra un pacchetto di sigarette ed una marca da bollo Ti fornisce chiarimenti ? delegati alla riscossione e basta sono .
    Le multe , le esenzioni ecc... sono di competenza delle Regioni che hanno appositi uffici .

    Il Tuo amico si sarebbe dovuto recare alla Regione per far inserire la sua 75 nelle liste delle auto in esenzione , in questo modo non avrebbe ricevuto nessuna multa ; con la multa ormai in mano qualsiasi Agenzia di pratiche auto / uffici ACI , ecc...sono abilitati dalle Regioni a raccogliere la documentazione atta a contestare le multe , l'alternativa è spedire tutto con Raccomandata alla Regione ( nella Regione Marche assieme alla multa forniscono anche la busta già affrancata ) oppure recarsi di persona negli uffici della Regione .
    L'impiegato dell'ACI ha fatto una " forzatura " e Ti ha fatto solo un favore inserendo la tua macchina anche se non avevi una multa in mano .
    Ribadisco che per veicoli tra 20 e 30 anni è facoltà dell'ASI comunicare se il proprietario non rinnova la quota sociale , proprio perchè solo i veicoli con oltre 30 anni sono automaticamente per legge veicoli di interesse storico ( art. 65 Legge 342 del 2000 ) , poi l'ASI non è che non lo può fare , semplicemente fino ad ora non l'ha fatto .
     
  9. Lungi da me da fare cicchetti a chi che sia... :fragend013:
    Alla fine del messaggio credo che era palese il mio "clima distensivo"... si vede che non sono riuscito a "corromperti" con una birra!:D

    Giusto per chiarire...

    Allora... circa le esenzioni del bollo ci sono "arrivato" da solo... non credo sia confuso...
    Per quanto riguarda le modalita' di pagamento, ho "capito" che ci si puo' recare sia in posta o all'ACI...

    Il "dilemma" e' in caso di problemi.
    Se vado a pagarlo in posta, e' normale che debba recarmi in un ufficio specifico che se ne occupi che, tra l'altro mi sono informato stamattina, in regione (almeno qui in Abruzzo) NON esiste...

    Indovina un po' dove bisogna andare?
    Presso L'ACI c'e' un ufficio dedicato (sul sito ACI e' presente) che regolarizza le posizioni degli utenti circa il pagamento del bollo!!!
    Ed e' l'ufficio che ti ho mensionato al quale si e' rivolto quel mio amico che, per chiarire, NON ha ricevuto una multa ma un avviso di pagamento... (la multa fa parte dello step successivo).


    Quindi, grazie a questo favore, dovrei stare tranquillo? Ossia la mia auto ora e' "ufficialmente esentata"? Se non ho capito male dovrebbe essere cosi'...

    Ti ringrazio per la risposta che mi manderai e mi auguro di non averti irritato...:)
     
  10. #20alfamiki,28 Gennaio 2013
    Ultima modifica: 28 Gennaio 2013
    richiesta certificato

    Salve.Sono in possesso di un alfa 33 del 1990,gia iscritta ASI e' classificata d'interesse storico,fino a qui tutto ok. Al momento della richiesta per l'assicurazione,la compagnia mi ha chiesto oltre alla tessera plastificata ASI il certificato di rilevanza storica.A chi mi posso rivolgere? o se qualcuno di voi gia' c'e' capitato. GRAZIE
     
Sto caricando...
Potrebbe interessarti anche: Forum Data
Aci e la sua lista d' auto storiche ASI 23 Luglio 2014
Alfa 75 (1989): info acquisto e iscrizione ASI/RIAR ASI 7 Giugno 2010