Quali attenzioni occorrono nei primi N km alla guida di una Giulia, Stelvio, etc ?

Discussione in 'Schede Tecniche e Manuali' iniziata da paolocorpo, 11 Agosto 2017.

  1. Per quello che so io li testano bene in cella motore, qualche anno fa ho lavorato a Maranello e il mio ufficio era confinante con la sala test celle motori, non vi dico che goduria sentir cantare i v8 e i v12 tutto il giorno, e direi che li tiravano anche a 7/8000 giri. Poi non so se li provavano proprio tutti, ma credo sia così.

    Il primo periodo però sono anch'io dell'idea di non tirare troppo, ma anche per far assestare tutta la componentistica, non solo il motore, e poi cosa principale per imparare a conoscere il mezzo
     
  2. ...chissà che spettacolo deve essere passare tutto il giorno sentendo rantolare a 4500 giri i nostri 2.2 diesel... :D:D:D

    Scherzi a parte, nessuno sa che tipo di verifica viene fatta come standard a fine linea?
     
    A centoos piace questo elemento.
  3. Pensa che adesso lavoro in una fabbrica di trattori
     
  4. Pratola Serra?...

    :lolmemes:
     
  5. No, Landini in provincia di Reggio Emilia
     
  6. i pratola serra fanno 7200 giri al limitatore... non come i furgoni dell'sda
     
  7. Ecco...a proposito...mi si dirà che sono motori profondamente diversi, anche se al giorno d'oggi le tecnologie utilizzate sono le stesse, ma i motori dei veicoli industriali e dei trattori devono fare il rodaggio? Chi acquista un camion i primi 5000 Km li fa a mezzo carico per non spremere la meccanica? Un trattore nuovo va rodato prima di iniziare ad arare? Non credo...e sono motori che devono durare!!!;)
     
    A centoos e horiroger piace questo messaggio.
  8. Se mi capita nei prossimi giorni chiedo a qualche ingegnere, anche se da noi i motori arrivano già pronti da montare, sono curioso
     
    A rickrd piace questo elemento.
  9. si ma non dimenticare che i motori di cui parli più che a 2000 giri non girano...
     
    A spastru e AsdasdGiulia piace questo messaggio.
  10. A parte che i moderni motori "industriali i 2000 rpm li superano tranquillamente, non bisogna dimenticare nemmeno che sono motori con corsa del pistone nettamente più lunga rispetto a quella dei motori automobilistici e, alla fine, la velocità media del pistone (uno dei principali indici di sollecitazione dei motori) si attesta su valori paragonabili.