funzionamento valvola pierburg

Discussione in 'Guide Fai da te' iniziata da nicola_qv, 30 Novembre 2012.

  1. spero di non creare un topic già esistente :D

    come si può verificare il corretto funzionamento della valvola pierburg?
    ci sono delle misurazioni e/o test che si possono fare senza avere un'intera officina a disposizione?

    grazie :decoccio:
     
  2. Con un semplice tester o multimetro come lo chiamano i più tecnici posizionato su volt in corrente continua puoi vedere se la centrale di accensione invia una sequenza di on -off con valore di tensione a 12 volt,la sequenza o la durata della fase on o off non te la saprei indicare e nemmeno sui vari manuali in mio possesso ci sono riferimenti per comprendere la correttezza dei tempi di lavoro,quale problema si genera che ti porta fare questa verifica?
    ad ogni modo aspettiamo le risposte di altri esperti in materia :hail:
     
  3. #3Tenerone,30 Novembre 2012
    Ultima modifica di un moderatore: 30 Novembre 2012
    Ciao Mauretto :) sempre in forma eh?
    Secondo me la risposta te la può dare solo il fornitore della valvola, richiedendogli la documentazione di validazione **(anche perchè, a naso, la suddetta valvola è stata sicuramente progettata e costruita a suo tempo su specifiche Alfa Romeo).

    ** La documentazione di validazione è quella che il fornitore utilizza durante i tests di funzionamento prodotto ad assemblaggio terminato, di sicuro troverai ciò che cerchi e cioè il corretto ciclo di lavoro con valvola funzionante.
    Così confrontando i valori corretti con quelli che trovi testando la tua valvola puoi capire eventuali 'deviation' rispetto alla configurazione originale.
     
  4. :D


    Credo di interpretare la richiesta di nicola_qv, non si tratta di verificare se la sua valvola è conforme agli standard del costruttore ma conoscere se bene o male stà funzionando. Anche perchè la sola documentazione di validazione non è sufficiente a stabilire se è rispondente ma occorre anche il banco test, capacità ed esperienza...

    Mauretto credo abbia centrato la richiesta di nicola suggerendo di misurare la tensione di comando della valvola.
    Il problema è un altro, trovare il momento preciso per misurare la tensione di comando.

    Per analogia devo andare un pochino OT... mi si passi il paragone tra la nostra valvola e il variatore di fase dei TS. Il comando del solenoide del variatore di fase non è ben definito da certi regimi di giri ma dipende dal carico motore, posizione acceleratore temperatura motore etc. così anche per la Pierburg, il segnale che la comanda non è "sicuro" ma dipende dalle condizioni motore e dalle azioni del conducente.... per questa ragione non è semplicissimo misurare la tensione di comando...

    Io proporrei un'alternativa, alimentare (per prova) la valvola direttamente con i 12 Volt provenienti dalla batteria e verificare se si "muove"...

    Altro metodo potrebbe essere di verificare la pressione della turbina, monitorando se in certe condizioni và in "overboost", segno inequivocabile che la valvola funziona...

    .:stretta:.
     
  5. #5nicola_qv,1 Dicembre 2012
    Ultima modifica di un moderatore: 8 Gennaio 2013

    grazie mille! siete stati molto esaustivi, farò questo test! ;)
    purtroppo, nonostante abbia affidato il restauro del motore ad un'officina autorizzata, non sono pienamente soddisfatto del risultato....pagato profumatamente. credo ci siano altre cose che dovrò verificare: in accelerazione a pieno carico, a volte il manometro segna 2,5 e poi scende per attestarsi al di sotto dei 2 (ecco perchè i dubbi sul funzionamento della pierburg), altri no; sempre saltuariamente si accende la spia della detonazione...perdonate la digressione...ma non ho più molta fiducia in questa officina e dalle mie parti non saprei proprio a chi rivolgermi....magari capendo qualcosina in più potrei dare migliori informazioni a chi è addentrato nella meccanica.

    grazie ancora

    a volte va in ovreboost, altre no....
    ....si accende la spia della detonazione....e ad un successivo "affondo" no....:confused:
     
  6. #6mauretto,1 Dicembre 2012
    Ultima modifica: 1 Dicembre 2012
    Ehila Inge,ogni tanto ci si incrocia :D.
    @ Nicola,detta così sembra che la valvola Pierburg lavori perfettamente,è un problema comune a molte 75 turbo,Ihmo verificherei lo stato dei componenti alta tensione e anche i giochi assiale e laterale dell'alberino del distributore,se tutto a posto procedi ad eseguire il test e tradurre la sequenza dei lampeggi sulla tabella di riferimento,in genere la spia lampeggia per indicare che si è raggiunto il massimo valore di ritardo di accensione,ad innescare il ciclo sono le detonazioni anomale che rileva il sensore piezometrico di battito in testa che si trova sotto al collettore di aspirazione,alle volte si ossida internamente e trasmente in modo inappropriato,purtroppo non si può bypassare poichè deve inviare alla centralina anche gli impulsi delle accensioni corrette e senza il sistema entra nella funzione 'Recovery'.
    Con i combustibili odierni si deve comunque ricercare una fasatura ottimale,diversa da quella di origine destinata alla Super con piombo,sia che si usi la verde,sia che si usi la V-Power o similari,sono prove che devi comunque eseguire Tu per una serie di variabili intrinseche al tuo motore legate principalmente al grado termico delle candele,ad eventuali trafilamenti di olio dalle guide valvola di aspirazione e/o dagli elementi di tenuta del turbocompressore,pulizia dei filtri benzina e aria,fasatura meccanica di assi a camme/distributore/albero motore,tensione delle catene di distribuzione,gioco valvole.
    Considera che il problema che lamenti viene anche generato dal momentaneo imbrattamento delle candele ( Che di solito sulla turbo sono alquanto 'Fredde') dovuto a un lungo tratto di guida tranquilla o a una serie di lunghi rilasci con repentine richiamate o anche a una messa in moto difficoltosa,tale stato è sufficente a far inviare il segnale di detonazione anomala,e questo spiegherebbe in parte l'effetto 'Fantasma',un'altra cosa da verificare è la corretta posizione del potenzionetro sulla farfalla e la funzionalità del micro del cut-off sul comando della farfalla,si esegue sempre col tester.
    in questa sezione trovi sia la descrizione del test di anomalia che il manuale di officina dedicato al motore turbo.
    Inoltre le serie Qv e Asn hanno un ulteriore sensore di temperatura sullo scambiatore di calore che alle volte contribuisce ad inviare segnali interpretati come anomali alla centrale di accensione.
    Insomma è una macchina molto intrigante con un sistema di accensione e iniezione semplice ma allo stesso tempo molto sensibile alle minime variazioni dei parametri.
     
  7. mauretto, ogni complimento è riduttivo :D
    proverò, nei limiti del possibile, questi test!
    al momento sulla mia ho sostituito le candele e ho messo le 25 hl, cavi nuovi della brecav e sono stati sostituiti i guida valvola, filtro benzina sostituito...il gioco dell'alberino turbina è ok...
    potrei risolvere qualcosa cambiando il sensore di detonazione?
     
  8. #8Tenerone,1 Dicembre 2012
    Ultima modifica di un moderatore: 1 Dicembre 2012
    Concordo in pieno, grande Mauretto :)
    Toglimi una curiosità ma il sensore piezo lo costruiva solo un fornitore o più di uno?
     
  9. #9mauretto,1 Dicembre 2012
    Ultima modifica: 1 Dicembre 2012
    Grazie! Per quanto ho potuto vedere sulla mia e su un paio di altre il sensore era Bosch,identico a quelli montati sulla Uno turbo e sulle Punto Gt con impianto Bosch,personalmente partirei dalle candele,è vero che le 25 hl sono quelle consigliate,ma ultimamente le Lodge che si trovano ancora in commercio lasciano un po a desiderare,ho avuto modo di utilizzare sia le NGK B9EVX che le Champion Racing C 56 e mi sono trovato molto bene.
     
  10. Quindi monopolio Bosch, allora come oggi..quindi nessuna speranza magari di utilizzare un sensore di un altro fornitore.