Iscrizione / Omologazione RIAR : differenze e precisazioni

Non credo, visto che alla seduta di Milano l'anno passato hanno 'bocciato' (giustamente) una 147GTA dotata di GPL e tenuta veramente da schifio...
La sua Spider non passerebbe cmq per la vernice...e cmq sia il regolamento PARLA chiaro : SOLO VETTURE ORIGINALI.
Altrimenti poi va a finire che omologheranno RIAR le Fiat Panda del 2001 e noi staremo quì a scervellarci per capire perchè le assicurazioni non vogliono più farci stipulare le polizze storiche per le vetture degli APPASSIONATI omologate nelle LISTE CHIUSE.

Emanuele io parlavo esclusivamente dell'iscrizione

E' logico che all'omologazione non deve neanche provare a presentarsi !

Poi cosa c'entra adesso la Panda ? non facciamo "minestroni " inutili per favore .
 
Scusate ragazzi, ho un "raro" GTV Spider 2.0 V6 turbo lusso del 98 sul quale però è stato sostituito il colore originale con un bianco perla stile 147 GTA. L'auto inoltre monta impianto GPL. Sono già iscritto riar con una 156 gta sw, pensate che ci siano speranze di iscrivere anche lo spider? Tento la procedura?
Grazie saluti
Jacopo

Lo scopo del RIAR è quello di conservare e preservare vetture del Marchio Alfa Romeo storicamente interessanti nella loro condizione originaria.

Noti nessuna differenza tra quanto scritto e la tua Spider? Non ti nego che secondo me potrebbe esser bellissima, ma non è originale.
Non è lo spirito del RIAR.

se dipendesse da me butterei subito nel cestino una domanda di iscrizione con una "modifica" così evidente specialmente con un colore non disponibile per quel modello , però finchè non ci provi nessuno può sapere cosa deciderà la commissione Tecnica del RIAR .

Il "brutto " ( sempre a mio parere) è che molto probabilmente non se ne accorgeranno e l'iscriveranno lo stesso .....non ti azzardare però a presentarti per l'omologazione ehh !!

Sante parole!
 
ciao raga! spero di essere nella sezione giusta :p
piccolo dubbio: a breve dovrei iniziare il restauro della mia 75 e la sede delle ruota di scorta è marcia (allego foto) e il tetto non tornerà più in perfetta forma poichè è letteralmente massacrato dalla grandine e non è possibile (a detta del carrozziere) prendere una linea di riferimento.
vorrei, un domani, tentare di iscriverla al riar: è quasi sicuramente certo che avrò problemi??? il carrozziere è intenzionato a mettere un "fazzoletto" di lamiera per sistemare il marcio della ruota di scorta e mi ha pre-annunciato che il tetto non sarà perfetto.

qualcuno sa darmi delle dritte? (avevo già pensato di girare qualche demolitore e tagliare l'intera sede della ruota di scorta e poi saldarla sulla mia...)
 

Allegati

  • DSCN3938internet.jpg
    DSCN3938internet.jpg
    183.1 KB · Visualizzazioni: 292
ciao raga! spero di essere nella sezione giusta :p
piccolo dubbio: a breve dovrei iniziare il restauro della mia 75 e la sede delle ruota di scorta è marcia (allego foto) e il tetto non tornerà più in perfetta forma poichè è letteralmente massacrato dalla grandine e non è possibile (a detta del carrozziere) prendere una linea di riferimento.
vorrei, un domani, tentare di iscriverla al riar: è quasi sicuramente certo che avrò problemi??? il carrozziere è intenzionato a mettere un "fazzoletto" di lamiera per sistemare il marcio della ruota di scorta e mi ha pre-annunciato che il tetto non sarà perfetto.

qualcuno sa darmi delle dritte? (avevo già pensato di girare qualche demolitore e tagliare l'intera sede della ruota di scorta e poi saldarla sulla mia...)

Per il tetto cercati un carrozziere più capace... quelli che ancora sanno battere la lamiera. Poi per lisciare un filo di stucco potrai anche metterglielo, ma se costui già parte dicendo di non riuscire a farlo tornare pari (dunque presumo lavori di stucco) io cercherei un altro. Ho fatto risistemare una macchina PESANTEMENTE grandinata (tetto e cofano), sono servite molte ore di lavoro a battere ma il lavoro è venuto perfetto da ambo i lati del tetto. C'era una polizza che copriva, altrimenti sarebbe stato assolutamente anti-economico.

Il vano ruota è da sistemare con un fazzoletto, ma visto il carrozziere non so quanto fidarmi di come lavora... devi valutare tu, è un punto non in vista ma dal momento che la tua intenzione è quella di avere un'auto da collezione ti consiglio di far fare il lavoro da uno a modo. Magari è bravissimo a saldare e far questi lavori, ma non sa battere la lastra: sono due attività diverse battere e saldare. Valuta se far fare le cose un po' ad uno ed un po' all'altro.
 
ti ringrazio, terrò a mente qst tuo consiglio...in definitiva, a macchina fatta a regola d'arte, ho possibilità di iscriverla al registro?
 
ti ringrazio, terrò a mente qst tuo consiglio...in definitiva, a macchina fatta a regola d'arte, ho possibilità di iscriverla al registro?

Per la sola iscrizione, anche se non è fatta a regola d'arte probabilmente sì. Per l'omologazione, invece, ti serve che sia fatta a regola d'arte.

Nel restauro fare un lavoro maccheronico/fatto a metà ha ben poco senso. I lavori o li fai bene, oppure sono mezzi lavori che dovrai disfare e rifare...
 
si si, infatti...anche io sono per il "top" del restauro, non avrebbe senso fare una cosa a metà o "giusto per"...
 
I bravi battilastra di una volta sono oramai una rarità: per lo più cambiano pezzi stuccano e verniciano (neanche stando molto attenti a fondi antiruggine, etc): io avrei dei lavoretti da fare sulla 75 (non fatti nella riverniciatura del '98) per rimetterla al meglio e non so a chi affidarmi.
 
I bravi battilastra di una volta sono oramai una rarità: per lo più cambiano pezzi stuccano e verniciano (neanche stando molto attenti a fondi antiruggine, etc): io avrei dei lavoretti da fare sulla 75 (non fatti nella riverniciatura del '98) per rimetterla al meglio e non so a chi affidarmi.

Io ne ho ancora uno vecchio stile, appena andato in pensione (è subentrato il figlio) ed ora fa solo il battilastra. Prima di andare in pensione ha avuto il buon cuore di cedere 1/2 attività ad un "ragazzo" che come verniciatore ha le mani d'oro e salva il figlio che, purtroppo, oltre allo stucco non sa usare altro. Adesso spero nel nipote (ora 16enne) che sta venendo su bene...

Purtroppo tutte le auto di casa hanno avuto bisogno di interventi sulla lamiera: la 147 per una grandinata prima, per un pick-up che ci aveva fatto manovra sopra poi, il GTV per uno che mi entrò nella portiera.
Tutti i lavori sono stati fatti in maniera eccezionale: lo stucco di lisciatura è si misura in decimi e centesimi di millimetro. Guardando la lamiera dalla parte interna si stenta a riconoscere il lavoro.
Certo che sono lavori anti-economici visto il carico di ore che ci vanno, che nelle economie odierne non riescono a sopravvivere.
 
Pubblicità - Continua a leggere sotto
Sulle T.S. 16V ( non Jts ) è nel monoblocco alla destra del collettore di scarico .

Metto una foto esemplificativa .

Armati di pazienza e carta vetrata !!! quasi sicuramente lo troverai arrugginito ed illeggibile .

-Passa prima una carta vetrata media e poi una fine
- quando scatti la foto elimina dalla macchina il flash ed illumina il numero con una lampada esterna ; questo perchè altrimenti la parte metallica che è stata appena pulita e lucidata con il flash abaglierebbe e non verrebbe nulla.

E' formato da una serie di puntini ed una volta pulito si potrebbero evidenziare con un gessetto in modo da riempire i forellini e rendere più leggibile il numero.


- Dopo aver fatto le foto consiglio di verniciare la parte con una vernice spray , meglio se trasparente e resistente alle alte temperature per evitare che si riformi della ruggine .
B
Buonasera.Mi riallaccio alla discussione,almeno spero. Io ho lo stesso problema con la GTV del 2003 jts. Non sono riuscito a trovare il numero del motore da nessuna parte,forse guardo nel posto sbagliato .Mi dà una mano per capire dove lo trovo? Grazie in anticipo.