Alfa 33 elaborazione motore 1.3 o1.7

Discussione in 'Boxer Iniezione' iniziata da sauro benni, 20 Febbraio 2012.

  1. CIAO a tutti vi pongo un problema! ho acquistato da poco una 33 imola catalitica del gennaio 95 nera perfetta ,premetto che sono contentissimo anche se i freni non sono granchè forse perchè il precedente proprietario di 89 anni la usava solo per la spesa.Ho comprato questo gioiello perchè la considero l'ultima vera alfa oltretutto con un motore che solo la "stupidità" della fiat ha eliminato_Ora però amici con la passione della meccanica mi hanno consigliato di fare andare veramente forte quest'auto montando l'impianto frenante del delta integrale e cambiando il motore con un boxer 1.7 ,frizione in rame pistoni stampati assetto,distanziali ecc. ecc.NON vi dico la spesa! anzi ve lo dico circa 3000euro.Vi chiedevo se è meglio lasciare perdere o limitarsi a migliorare il 1.3 con una spesa di circa 1000 euro.Premetto che non cerco cavalli ma tanta coppia da basso grazie ciao.
     
  2. Sto caricando...

    Potrebbe interessarti anche: Forum Data
    Alfa 33 Privilege IE Boxer Iniezione 18 Luglio 2019
    Iniettori Alfa 33 Boxer Iniezione 8 Novembre 2013
    alfa 33 - tipi di guarnizioni testate e serraggio testate Boxer Iniezione 25 Agosto 2013

  3. Dipende da cosa vuoi farci: se la vuoi usare per la pista, allora le modifiche sopra riportate (compresa la sostituzione del motore) ci possono stare, anzi sono necessarie (a parte i pistoni stampati).

    Se è per uso stradale, meglio tenerla più originale possibile e fare piuttosto tanta manutenzione, soprattutto se la macchina è in ottime condizioni considera che hai la possibilità di iscriverla al Riar se la mantieni originale.
     
  4. #3bobkelso,21 Febbraio 2012
    Ultima modifica: 21 Febbraio 2012
    Ciao Sauro,
    visto tuo messaggio, molto gentile, e complimenti gran bell'aquisto:rolleyes:,
    le 33 dell'ultimissima serie (produzione 93-94, immatricolate fino al 95)
    mi piacciono tanto, hanno tante piccole migliorie (motori, cambi, sospensioni,
    qualità plastiche abitacolo che non sbiadiscono, precisione assemblaggi portiere)
    e di solito sono anche molto affidabili (al limite se ti capita procurati di scorta
    dal demolitore una pompa benzina elettrica, quando iniziano a rompersi poi
    cedono anche in pochi giorni e magari il ricambio non è sottomano).

    Se cambi o elabori il motore considerà che questi motori avendo un albero corto
    avrebbero la potenzialità di girare ad alti giri ma non nello stato in cui escono di fabbrica,
    (16v a parte) con tanti assemblaggi e lavorazioni un pò imprecisi previsti per uso 'normale';

    La soluzione più semplice (va da sè per uso non stradale) è come dici tu
    aumentare la coppia ai bassi con il motore di cilindrata maggiore;
    Se invece vuoi elaborare uno di questi motori (magari un motore di ricambio,
    il tuo del 94 lo terrei com'è se al momento non necessita di revisione) per girare alto
    (es di intervento leggero, senza cambiare alberi a camme, valvole e igniettori:
    catalizzatore metallico 200 celle + silenziatore finale più aperto del modello '89
    + rimappatura centralina sennò magari l'auto va meno invece che di più dopo
    che hai 'aperto' lo scarico, + volano alleggerito) per stare tranquilli anche sopra i 6000
    con più affidabilità, meno ruvidezza e vibrazioni e un paio di cv in più,
    meriterebbe rifinire un po' delle imprecisioni di assemblaggio:
    - fare l'equilibratura di albero, bielle, pistoni (anche gli originali), volano, ecc.
    - far ripianare appena le teste (ma son già quasi piatte, forse meglio il blocco motore)
    in modo tale che i rapporti di compressione siano davvero uguali nelle due bancate
    - pulire dalle lavorazioni e smussare negli angoli i vari condotti di lubrificazione dell'olio

    Un motore dell'auto che usavo tutti i giorni scannandolo ad alti giri, a 110.000km
    ha incrinato e poi spaccato l'albero, probabilmente era sbilanciato di fabbrica e le
    vibrazioni che si creano ad alti giri per sbilanciatura alla lunga lo hanno steso,
    mi pare di aver letto esperienze simili tra quelli che usavano le 33 in pista nel 'trofeo 33',
    e magari i sovraccarichi dovuti a vibrazioni ad alti giri potrebbero anche
    essere un pericolo per l'integrità del velo d'olio di lubrificazione delle bronzine?

    Ps.: sui freni avrei da dibattere ma ora stacco dal pc :D !
     
  5. #4Alfista162B4A,22 Febbraio 2012
    Ultima modifica: 22 Febbraio 2012
    Son daccordo con Roby 90. Anche se vale poco commercialmente non sono molte le auto che possono diventare storiche con meno di 20 anni, tanto meno in questa categoria (berlina 5 posti 5 porte di 4 m lunghezza e 1.35 l. di cilindrata).
    Per le modifiche il gioco non vale la candela. Poi non so quanti al di là di quello che promettono sappiano metter bene le mani sulle Alfa di una ventina di anni fa.
    Le modifiche proproste dai tuoi amici rendono ciascuna l'auto non in regola con l'omologazione. Quindi ammesso e non concesso di passare la revisione, nel malaugurato caso di un incidente l'assicurazione potrebbe pagare, ma poi rivalersi sul patrimonio personale dell'assicurato (e se non basta i parenti ed eredi).
    Io non andrei a far pasticci su un'auto che se originale può esser iscritta al RIAR (la mia 33 lo è).
    La mia 33 1.3 i.e. L ha la stessa meccanica. Il motore è nato per girare in alto (come i motori nati poco prima della crisi petrolifera del 1973), ha la corsa corta e la coppia massima è a ben 4500 giri/min, ma allunga bene fino a limitatore. Sono pochi i motori 1.35 l a 2 sole valvole per cilindro con ben 90 CV. E l'uncio modo per avere più coppia in basso con un 1.3 è... perderla in alto montando assi a camme meno spinti, ma non è legale. Oppure vendi la 1.3 e compri una 1.5 o 1.7 (che sono pur sempre motori a corsa corta, fatti per girare in alto, ma non hanno l'inieizione Weber-Marelli, ma la Bosch, forse meno sportiva).
    Nei primi anni non eravamo molto contenti del motore. Poi quando divenni io il guidatore abituale, facendo controlli di routine, mi accorsi che per un problema sul cavo acceleratore non apriva tutta la farfalla. Regolatolo bene (come da manuale officina della 75, quello della 33 non lo avevo) e messo un filtro aria in cotone imbevuto d'olio (K&N, ma forse li fa anche la BMC) va molto meglio a tutti i regimi (se si preme a tavoletta), ma non con la benzina a 95 ottani, perché batte in testa parecchio, va un po' meglio con la 98 ottani e meglio ancora con la 100 ottani (Agip blu Super, p.es. o la più cara Shell V-Power).
    I freni frenano molto bene per l'età dell'auto, se tenuti bene. Il liquido DOT4 va cambiato ogni 2 anni comunque (e di solito nessuno lo fa). COi freni anteriori mi sono trovato male solo quando in un'officina Alfa-Fiat invece del ricambio originale misero delle pasticche che vanno in Fiat con simli pinze: frenava male. Rimesse le pastiglie originali Alfa è tornata a frenare bene. Dietro il problema semmai è nei cagionevoli cilindretti dei tamburi (cambiati 2 volte in 80.000 Km perchè perdevano, ma va considerata comunque l'età). Occhio anche alle condizioni dei cavi delle candele ed alle candele: data la loro posizione ci può ristagnare l'umidità specie nei cilindri anteriori .
     
  6. La "ricetta" telaistica che ti hanno consigliato è quella che danno per ogni auto, ma per la 33 mi convince per niente. Qui si parla di motore e non mi dilungherò. La 33 è già molto bassa da terra, ha il baricentro bassissimo (grazie al motore boxer ed ad una scoca alta 1.30, meno di molte coupé di oggi). Le carreggiate sono relativamente larghe rispetto alla larghezza dell'auto, ed i cerchi hanno un ET più basso di molte altre auto. COn pneumatici buoni tiene bene. Se la abbassi il muso tocca a ogni rampa. I distanziali e le viti delle FIAt non ci vanno, perché ilmozzo ha un diametro più grandi (come le altre Alfa) e le viti ahnno una filettature con passo più fitto.
    Il limite delle 1.3 (non so se le Imola sono un'eccezione) è che di fabbrica è stata tolta la barra antirollio anteriore, con cui erano nate la Alfasud. QUi non entro nei dettagi, ci sono in altra discussione, ma la barra antirollio anteriore non solo limita il rollio, ma per come è fissata ai bracci anteriori della sospensione limita i movimenti indesiderati dei bracci longitudinali anteriori dovuti alla deformazione dei silent-blocks, rendendo la guida più precisa e la risposta la volante più pronta. Io la misi, quando i ricambi erano ancora forniti, ma va cambiata anche la traversa anteriore, perché mancano gli attacchi, anni fa spesi qualche centinaia di euro.
    La 33 1.3 tiene bene anche coi pneumatici 165/70r13, se sono buoni e nuovi.
    Nella 33 1.3 si possono far segnare a libretto le misure di pneuamtici di 1.5 e 1.7 (c'è una discussione apposita coi dettagli). Il vantaggio nel 185/60-14 82H sul 165/70-13 79T è che quella di serie è una misura in cui si trovano soprattuto pneumatici turistici o votati al risparmio energetico, mentre in quella più grande si trovano anche ottimi pneunmatici sportivi (ed i cerchi originali da 14" erano ancora forniti nuovi a ricambio, fino a poco tempo fa, almeno in alcuni disegni, e costavano non più di 200 euro l'uno). Se dovessi ricomprare oggi cerchi e pneumatici ci vorrebbero più di 1000 euro (più del valore commerciale dell'auto).
    Per cui se la 33 ti piace ma devi pasticcare molto nella Imola (e non è detto che trovi tutti i pezzi che tipossono servire e chi sia in grado di far ben il lavoro), forse è meglio se cerchi una 1.7 (tra 1.3 e 1.7 cambia anche tutto il sistema di gestione del motore, da Weber-Marelli IAW a Bosch Motronic), con già la barra di rollio anteriore ed i cerchi da 14, oltre al motore con più coppia ai bassi, ti costa meno e impazzisci meno (se la trovi buona).
     
  7. #6Alfista162B4A,25 Febbraio 2012
    Ultima modifica: 25 Febbraio 2012
    Ho scritto male il passo delle viti ruote Fiat è più fitto di quello Alfa, le Alfa hanno un filetto più grande, anche se sempre M12.
    RIguardo a più coppia ai bassi, la 33 1.3 ha un valore di coppia massima di 113 Nm a 4500 giri/min, che è un ottimo valore per un motore a 2 valvole per cilindro Euro 1 del '92÷'95. La coppia di un motore è come la coperta sempre troppo corta, o si sposta in alto (e così si arriva a 90 CV a 6000 giri/min e , valore molto elevato e che assieme ai 178 Km/h di velocità massima serviva a vendere), o la si sposta in basso, dove si usa più spesso, ma allora si hanno 1.3 aspirati da 70÷80 CV.
    L'alesaggio 84 mm, è lo stesso delle classiche Alfa Nord 2.0 a corsa lunga: il boxer è nato per girare in alto, l'unico modo per trovare più potenza in un aspirato, quando è già stato fatto il possibile sul fronte dei rendimenti. Nei 4 cilindri in linea AlfaNord per conciliare potenza elevata in alto e buona coppia almeno ai medi senza più l'alimentazione singola a carburatori ricorsero al variatore di fase all'apirazione. Ma quello è un motore bialbero, con un asse a camme per lo scarico ed uno per l'aspirazione, nel boxer in ogni bancata c'è un solo asse a camme sia per le valvole di scarico che di aspirazione. LA ricetta per avere più coppia in basso è di perder potenza in alto ... facendo il contrario di molte elaborazioni.
    Poi mi pare che se uno dice vuole l'auto che vada forte (= più potenza, e più tenuta) non può chieder anche più coppia ai bassi, se vuoi più coppia ai bassi devi perder potenza in alto e quindi anche velocità, perchè non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.
    Che il boxer 1.3 è un motore sportivo lo si sente anche al minimo, ha quel lieve altalenare del regime tipico dei motori sportivi nati per girare in alto, che neppure l'inieizione riesce del tutto a eliminare e che non si sente mai nei tranquilli motori da 50 CV/litro.
    Secondo me è più semplice e meno costoso su un 1.3 fare una bella messa a punto e quando serve coppia scalare 1 o 2 marce e far girare il motore in alto: quello è il suo carattere, così sono i motori sportivi.
    Ti sei informato sulla disponibilità dei ricambi? Da qualche anno non si trovano più tante cose e c'è sempre il rischio di rimanere fermi per qualche pezzo rotto introvabile. Più si mettono le mani in un'auto vecchia e più c'è il rischio di rompere qualche cosa di indispensabile e non reperibile.
    Vuoi più tenuta? Oltre alla barra antirollio (a ricambio non trovo più nemmeno i suoi silentblocks) prova a metter tutti i silent-blocks nuovi in tutti i bracci delle sospensioni ant. e post., ci sono i Powerflex più rigidi (v. discussioni apposite) e chi li ha messi in altre auto è molto contento, ma ce ne vanno tanti e solo di pezzi sono diverse centinaia di euro. Ma la 33 non è mica la classica utilitaria con un MacPherson anteriore in versione economica e dietro sì il ponte è rigido (ma nei primi anni '70 quando nacque l'Alfasud era l'unico modo per non avere le ruote post che "sterzavano involontariamente, i multilinks sono venuti 15 anni dopo, con lo sviluppo dei CAD, etc), l'assale è guidato da 2 bracci per parte, che formano una parallelogramma (nelle ALfasud in cui un braccio era anteriore e uno posteriore all'asse veniva fuori un parallelogramma di Watt simile a quello che tiene trasversalemnte il DeDion dell'Alfetta), danno una guida verticale precisa, un po' più semplice la barra Panhard trasversale.
    Pensi che dopo 20 anni di avere tutti i silentblocks delle sospensioni buoni? Ti consigliano di "far l'assetto" e non ti dicono che dopo quasi 20 anni prima si cambiano i silent-blocks in cui magari stanno "ciotolando" gli attacchi?
     
  8. Dimenticavo: la 1.7 nasce coi cerchi da 14 pollici e dischi anteriori di maggior diametro: quindi o ti limiti a una messa a punto della tua e semmai migliori la tenuta con silentblocks nuovi, barra antirollio anteriore (se non presente e se t4rovi tutti i pezzi) e se hai soldi anche cerchi da 14" (originali perchè come diametro del mozzo ed ET non credo si trovi altro di adattabile), oppure costa molto meno vendere la tua Imola e comprare una 1.7, che oltre ad un motore non molto più potente (+17 CV), ma che ha più coppia anche in basso (la massima è +32 Nm) già la barra antirollio di serie, dischi anteriori più grandi e cerchi da 14 con misura 185/60-14 a libretto.
    La 1.5 ha la barra antirollio di serie, dischi credo come la 1.3, cerchi da 14 optional, e rispetto alla 1.3 +7 CV ma ben 12Nm in più e la coppia spostat più in basso, ma meno della 1.7 (nelle brochure Alfa riportava le curve complete di coppia e potenza).
     
  9. ERRATA CORRIGE: la 33 1.7 ha dischi più larghi perché autoventilati, ma secondo il catalogo ricambi Brembo Brembo | Aftermarket Catalogue sono sempre dello stesso diametro: 239 mm, mentre cambia lo spessore 22 mm per l 1.7 e 12,6 mm per le altre.
    Invece le Delta Integrale Brembo | Aftermarket Catalogue
    montano dischi da 281 o 286 mm di diametro, a seconda delle versioni, ma mi pare che avesse cerchi da 15 pollici (un utente del forum ha raccontato che provò ad andare all revisione colle sole pinze Lancia della Delta Integrale su un'Alfa ma non ha passò la revisione): cerchi da 15 pollici per la 33 sono difficilmente reperibili (con giusto diametro del mozzo ed ET), e poi è tutto diverso e le staffe di adattamento per le pinze fatte in casa sono quasi sempre un pericolo: possono rompersi facilmente. A volte si pensa alle "grandi opere" su un'auto vecchia e poi non si considerao la necessità di manutenzione ordinaria e straordinaria. Io e molti altri utenti, ci siamo ritrovati col motore che non rendeva bene solo perché il termostato apriva a temperature troppo basse (o addirittura restava sempre aperto) e il motore non andava mai alla corretta temperatura di regime. O problemi di ventola raffreddamento accesa troppo a lungo nelle torride giornate estive a 40°C e poi è solo il radiaatore sporco, coi passaggi aria intasati dagli insetti e dalla polvere, che ha bisogno di una grossa pulitura). Oppure altri problemi di calcare nell'impianto di raffreddamento (che magari poi "tappa" il rubinetto del riscaldamento abitacolo) perchè il precednete proprietario rabboccava il liquido raffreddamento con acqua di rubinetto molto calcarea (ma anche i meccanici e carrozzieri spesso comprano l'antigelo concentrato e poi lo diluiscono con acqua di rubinetto invece che acqua distillata), etc, etc..
     
  10. #9sauro benni,27 Febbraio 2012
    Ultima modifica: 27 Febbraio 2012
    GRAZIE tante amici siete stati molto preziosi,come dice il proverbio chi lascia la strada vecchia per la nuova sa cosa perde ecc.ecc.Io sono da poco alfista e i miei amici che tra l'altro non hanno mai comprato un alfa non credo che capiscano come sia divertente GUIDARE LA 33.Ritengo di essere stato fortunato ad iscrivermi a questo forum,adesso penso di iscriverla al RIAR "accetto consigli a riguardo" e cercherò la barra stabilizzatrice per migliorare l'assetto,inoltre se qualcuno mi sa consigliare dove trovare i cerchi originali di 14 della 33 anche usati lo ringrazio molto.Per quanto riguarda i silent block avrei voglia di cambiarli,ne parlerò con il mio meccanico e se c'è un raduno di 33 fatemelo sapere cosi posso parteciparvi.Sui freni ho gia visto dei miglioramenti e penso di non cambiarli,probabilmente erano usati poco! Ora che ho deciso di non cambiare il motore vorrei fare un bel tagliando cambiando tutti i liquidi dall'olio dei freni al liquido del radiatore ,a proposito per togliere le incrostazioni dall'impianto di raffreddamento mi consigliate qualche prodotto? GRAZIE ANCORA.
     
  11. per pulire tutto il circuito vi è un prodotto che basta metterlo nel liquido vecchio del radiatore e andare in giro un po, dopo svuoti tutto il circuito, cosi si toglie tutto lo sporco, e infine metti quello nuovo