Olio motore alfetta Gvt

Discussione in 'GT / Gtv' iniziata da ubite, 7 Giugno 2019.

  1. Si per il 2000 è tassativo il 10w60, per il 1800 credo di no
     
  2. Credo che quello che ho scritto era molto chiaro comunque "traduco" dicendo che le confezioni
    originali sono quela da 2 litri in confezione metallica.
     
    A Rayman piace questo elemento.
  3. Non è mia volontà, il sito e il forum sono in inglese, popolato da tecnici di grandi case automobilistiche, tecnici API, ricercatori ASTM, SAE, ACEA, Jaso oltre che personale di laboratorio analisi..

    Le domande per regolamento vanno poste in inglese e chi partecipa risponde comunque in inglese, essendo interlocutori internazionali...

    Io posto le risposte in originale, poi a tradurre si fa presto..

    Lo seguo da anni, è un punto di riferimento indiscutibile.
     
    A Rayman e kormrider piace questo messaggio.
  4. E' quello che dico anche io quando qualcuno scrive che un 10W40 protegge di più
    di uno 0W40 o di un 5W50 (mantenendo la stessa marca e tipologia di olio) ,
    un'affermazione del genere va contro ogni base matematica ma forse la matematica
    è solo un'opinione ;)
     
    A Flagello piace questo elemento.
  5. Sinceramente è da 20 anni che ho motori Twin Spark e di queste circolari che dici non ne ho mai viste ne sentite...
    Semmai era il jts...
     
    A kormrider piace questo elemento.
  6. Ovviamente sei liberissimo di fare tutti i tuoi esperimenti sull'olio ma credimi, non so quanto sia il caso visto che qua non si tratta di risposte preconfezionate ma di prove, ricerche, ed esperienze fatte nel tempo per trovare il giusto olio.
    A livello tecnico è difficile da spiegare , ci vorrebbe un ingegnere, ad ogni modo generalmente bisogna fare alcune distinzioni tra motori moderni e motori piu vecchi.
    Se prendiamo ad esempio il nostro caro Bialbero Alfa Romeo dalla Giulia al 164 twin spark utilizza da sempre lo stesso tipo di bronzine motore, e considera che quando era montato sulle Giulia gli olii multigrado erano una rarità e infatti erano consigliati dei monogrado con viscosità piu o meno alta in base alla stagione.
    Lo stesso motore ad alti giri e caldo ha qualche piccolo problema di lubrificazione delle bronzine in quanto l'olio deve percorrere l'albero motore e se l'olio ha poca pressione per effetto centrifugo arriva troppo poco olio sulle bronzine che non hanno lubrificazione diretta dal monoblocco ma solo attraverso l'albero.
    Va considerato inoltre che le tolleranze costruttive dei motori come il bialbero e di motori ultramoderni sono ben diverse e quindi se utilizzi un olio con caratteristiche moderne che è molto molto piu "fino" su motori con tolleranze alte lo strato di olio si riduce e non è sufficiente a dare la corretta lubrificazione alle bronzine.
    Detto questo non ti so dire esattamente le spiegazioni tecniche sull'olio ma ti posso assicurare che se metti un 5w 40 o 5w50 ma anche un 10w40 di buona qualità sul bialbero ti trovi in estate a caldo al minimo con la pressione olio prossima allo zero e ad alti giri magari a 1 bar che non è sufficiente a proteggere il motore.
    Se utilizzi un 15w50 motul, champion o quello che trovi ti ritrovi in estate a caldo con pressione a minimo di almeno due bar e ad alti giri vai oltre 4 bar assicurando un maggior contrasto dell'effetto centrifugo dell'albero e preservando le bronzine sia per quello sia perchè è un olio piu grossolano che meglio si adatta alle caratteristiche dei motori datati.
    Oltre questo non posso dire perche non sono un ingegnere, ma uno che cerca di capirci qualcosa.
    io stesso anni fa, quando tutti parlavano del miracoloso Mobil 1 5w50 che pareva avesse caratteristiche supreme ho voluto comprarlo e provarlo sulla mia 147 1.6, bene dopo 1000 km di utilizzo ho provveduto immediatamente a scolarlo e ripristinare un buon 10w40 di qualità in quanto ogni mattina sistematicamente mi trovavo con le punterie scariche che battevano e togliendo il tappo di carico olio c'era una bella patina di pappetta biancastra.
     
    A kormrider e Flagello piace questo messaggio.
  7. Ma infatti queste sono cose che io pur lavorando in raffineria per manutenzioni come rettificatore meccanico (prima addetto alla qualifica dei prodotti finiti di raffinazione) non sono in grado di cogliere.
    So dirti che sicuramente i vecchi bialbero non montavano bronzine CuAl10Fe5Ni5, altrimenti non succederebbe, purtroppo questa lega di rame ferro alluminio e nickel, anche se scoperta nel 1933 si è diffusa nell'industria soltanto nei primi anni 90 perchè precedentemente era prerogativa militare. So per certo che le 75 turbo evoluzione "giro d'italia" vennero dotate di questa miglioria per resistere per lunghi tratti ad altissime sollecitazioni.
    Oggi è di uso comune sui motori.

    foto Olio motore alfetta Gvt - 1

    In ogni caso, per chi fosse interessato, la BOB (chiamo il sito così perchè troppo lungo da citare ogni volta) offre un servizio di analisi di laboratorio dell'olio esausto per individuare preventivamente logorii e usura meccanica, onde prevenire rotture.

    In base al motore, conoscono i materiali standard di produzione e verificano i metalli disciolti in olio, quindi sanno esattamente cosa si sta usurando e come.

    Non per nulla è "il" sito a tema di lubrificazione riconosciuto n°1 al mondo dai marchi produttori di automobili.
     
    A Melo81 piace questo elemento.
  8. Se metto un 20W60 avrò sicuramente una pressione alta sull'indicatore del
    cruscotto perchè il bulbo che legge la pressione è in prossimità del filtro dell'olio ,
    questo non significa che su tutto il condotto di lubrificazione ci sia quella pressione
    ma più facilmente l'opposto perchè più l'olio fatica ad attraversare i condotti e più
    a monte dei condotti la pressione sale ; a motore freddo quindi una gradazione
    10 o 20 trova sicuramente più opposizione ad attraversare l'intera linea e molta gente
    si crede tranquilla perchè legge una pressione dell'olio alta ma questo vuol dire che l'olio
    fatica ad arrivare a lubrificare i punti più lontani dalla pompa .
    una gradazione 0 o 5 invece ( che è sempre quella a freddo ) attraversa i condotti molto
    più velocemente , a cruscotto leggiamo una pressione minore perchè l'olio scorre
    e non rallenta in prossimità del bulbo alzandone la pressione .

    A caldo il discorso va considerato diversamente , la viscosità dell'olio a caldo scende
    di 5/6 volte rispetto quella a freddo quindi è normale che la pressione scenda perchè
    il fluido scorre più liberamente ma con la viscosità scende anche lo spessore del velo
    d'olio che rimane sulle meccaniche in movimento ragion per cui una viscosità a caldo
    più alta assicura un velo d'olio più spesso che assicura più protezione dagli attriti anche
    se oppone un suo attrito interno tra le sue molecole che sarebbe inferiore con una
    viscosità minore ma sicuramente il fluido scorre liberamente dove riesce a scorrere da
    freddo nonostante le dilatazioni termiche dei materiali .
    Un "indice di viscosità" indica il divario tra la viscosità a freddo e quella a caldo , più
    l'indice è alto e minore è il decadimento della viscosità con la temperatura , su di un 10W40
    avremo sicuramente un indice più basso che su di uno 0W40 o su di un 5W50 e di
    conseguenza un minor campo di protezione complessivo e la viscosità a freddo
    di uno 0W40 permette di lubrificare più velocemente in fase di avviamento e durante
    i primi giri del motore mantenendo la stessa viscosità a caldo del 10W40 quindi lo stesso
    livello di protezione alle temperature .
    Anche un 5W50 lubrifica più velocemente a freddo di un 10W40 aumentando poi
    la protezione alle alte temperature .
    Un 10W60 poi ha la stessa protezione a freddo di un 10W40 ma a caldo è sicuramente
    uno scudo perchè la sua viscosità rimane decisamente alta ma mai così alta da non
    riuscire a scorrere tra condotti e superfici perchè le tolleranze non diminuiscono quanto
    la viscosità del fluido .

    Quindi chi sceglie un 10W40 , per quanto possa essere di qualità , lo fa per risparmiare .

    Nelle competizioni si sceglie una viscosità a caldo minore per ridurre il più possibile
    l'attrito molecolare dell'olio e guadagnare qualche centesimo di secondo nei tempi sul
    giro , ma considerate che ogni 3/4 gare smontano completamente i motori .
     
    A kormrider e Flagello piace questo messaggio.
  9. Mai sentito parlare di valvola limitatrice/regolatrice di pressione? ;)

    E della legge di Pascal?
     
  10.  
Sto caricando...
Potrebbe interessarti anche: Forum Data
Alfetta GTV1982 Testata da smontare : acqua ed olio si sono mescolati GT / Gtv 13 Febbraio 2016