Tonale MHEV utilizzo e funzionalità propulsore elettrico

Ma si in fondo anche una lavasciuga è un po’ come una stufa a pellet 😂
 
Ad ogni modo i costruttori non fanno i MHEV per ridurre l’inquinamento ma solo per ridurre il consumo e quindi la CO2.

Che senso ha però, domando a te che sei addentro a questo mondo, fare auto che possono consumare meno grazie ad un aiuto elettrico se poi mi metti un selettore DNA che può far viaggiare la macchina in D alle massime prestazioni possibili e con conseguente annullamento di quel pochino di consumi in meno che potrebbe garantire un motore elettrico?
 
Che senso ha però, domando a te che sei addentro a questo mondo, fare auto che possono consumare meno grazie ad un aiuto elettrico se poi mi metti un selettore DNA che può far viaggiare la macchina in D alle massime prestazioni possibili e con conseguente annullamento di quel pochino di consumi in meno che potrebbe garantire un motore elettrico?
In primis al costruttore non interessa affatto il consumo/co2 reale, ma solo quello omologato. Si omologa nella modalità di default in cui l’auto si avvia, ovvero N. Questa è la legge e al costruttore non interessa altro che fare soldi, non di sicuro salvare il pianeta.

Inoltre comunque credo che anche in modalità D un po’ di risparmio ci sia perché anche se il termico non si spegne hai comunque sempre un po’ di rigenerazione in frenata. Se dovessi garantire le performance che hai in D (manco fosse una F1 mi dirai…) senza l’aiutino elettrico avresti bisogno di più benzina o addirittura di un motore un po’ più grosso che ai carichi parziali sarebbe più inefficiente. Quindi comunque in D perdi parte del vantaggio, ma non tutto. Si che già è poco in N…

D’altronde anche consentire alla PHEV di ricaricare la batteria a benzina è una follia energetica eppure la normativa non lo vieta.
 
In primis al costruttore non interessa affatto il consumo/co2 reale, ma solo quello omologato. Si omologa nella modalità di default in cui l’auto si avvia, ovvero N. Questa è la legge e al costruttore non interessa altro che fare soldi, non di sicuro salvare il pianeta.

Inoltre comunque credo che anche in modalità D un po’ di risparmio ci sia perché anche se il termico non si spegne hai comunque sempre un po’ di rigenerazione in frenata. Se dovessi garantire le performance che hai in D (manco fosse una F1 mi dirai…) senza l’aiutino elettrico avresti bisogno di più benzina o addirittura di un motore un po’ più grosso che ai carichi parziali sarebbe più inefficiente. Quindi comunque in D perdi parte del vantaggio, ma non tutto. Si che già è poco in N…

D’altronde anche consentire alla PHEV di ricaricare la batteria a benzina è una follia energetica eppure la normativa non lo vieta.
Concordo tutto👍
 
Se dovessi garantire le performance che hai in D (manco fosse una F1 mi dirai…) senza l’aiutino elettrico avresti bisogno di più benzina o addirittura di un motore un po’ più grosso che ai carichi parziali sarebbe più inefficiente.
E prorio quello il nocciolo

Provate a pensare negli anni 80 smuovere una berlina segmento d -paragonabili quasi al peso di una segmento c di oggi ma forse anche più leggere …( croma ?164,190 Mercedes ) se mai ci fossero riusciti con i motori delle cilindrate di oggi . Minimo minimo se ricordo non vi era nulla meno del 1600 cc.
Oggi segmento c abbiamo auto con motori anche da 1000 cc
 
Il mild hybrid è una cagata (o per lo meno un inutile complessità tecnica) a livello di impatto ambientale se lo vendono al posto del diesel con AdBlue (che è proprio quello che accade).
Da non dimenticare le regole del mercato, composto da domanda e offerta. C’è chi mai in vita sua ha comprato un diesel e mai lo farà. Le mild hybrid sono quindi l’unica alternativa plausibile per produrre e vendere auto a benzina con consumi accettabili oltre ai vari parametri di omologazione ecc ecc di cui già ampiamente discusso. Riassumo: se la Tonale fosse stata in commercio solo diesel o full elettric avrei ad oggi rivolto la scelta altrove 😉
 
Capisco che ci siano anche i puristi della benzina, ovvio, non lo metto in dubbio. Anche se credo che questi avrebbero forse quasi preferito non avere ibridizzazione, ma comunque ognuno ha pensieri diversi quindi ci saranno anche stati quelli che volevano esattamente un motore tra 1,4L e 1,6L 4cyl turbo e ibrido mild 48v. Ma non era questo che volevo contestare.

Spiego meglio cosa intendo con "Il mild hybrid è una cagata (o per lo meno un inutile complessità tecnica) a livello di impatto ambientale se lo vendono al posto del diesel con AdBlue".

Fonti:
New cars specific consumption by country | ODYSSEE-MURE
New registrations of electric vehicles in Europe

Si vede come il dieselgate sia stato un disastro ambientale. Il risultato è stato diminuzione quote diesel in favore della benzina, causando un aumento repentino dei consumi medi della flotta di auto europee. Un trend disastroso e in contrasto con qualunque obbiettivo ambientalista. Dal 2020 (si veda il secondo grafico) le BEV hanno iniziato a prendere piede facendo ripartire la corsa alla diminuzione dei consumi. Ma con il dieselgate e la conseguente benzinizzazione del parco auto abbiamo causato un danno ambientale e siamo oggi con "tutto il casino delle BEV" appena appena rientrati al livello di efficienza medio pre-dieselgate. Tutto ciò a danno delle tasche dei cittadini e del cambiamento climatico. Un decennio di involuzione.

1704873001979.png


1704873101211.png
 
Ultima modifica:
… si. Ma anche no. Non capisco allora la tua affermazione: “il mild hybrid è una cagata”, dovresti forse dire “il diesel Gate è una cagata”, non trovi? Perché per essere “equi” mi dovresti fare un vs tra un vecchio motore a benzina e uno nuovo. Allora avrebbe senso. Poi non metto in dubbio i tuoi dati, sono super veritieri, ma non do le colpe al mild per questa situazione, le do a scelte politiche caso mai…
 
@Hyperiky non ho detto o per lo meno non avevo intenzione di dire „il mild hybrid é un cagata.“

Stavo rispondendo a Mga che ha scritto quanto sotto (kulo / cagata insomma sempre di quello parliamo). E ho scritto:

"Il mild hybrid è una cagata (o per lo meno un inutile complessità tecnica) a livello di impatto ambientale se [inteso se e solo se] lo vendono al posto del diesel con AdBlue"

Proprio a dire che non é una cagata in assoluto. Lo é però se mi vengono a dire che cambiando i diesel con i MHEV salviamo il pianeta.

Quindi non stavo gettando ***** sul MHEV.

Ah ok. Se guardi proprio solo l'inquinamento, credo che le ibride in genere siano una grandissima presa per il ku.lo
 
Ultima modifica:
Pubblicità - Continua a leggere sotto
@Hyperiky non ho detto o per lo meno non avevo intenzione di dire „il mild hybrid é un cagata.“

Stavo rispondendo a Mga che ha scritto quanto sotto (kulo / cagata insomma sempre di quello parliamo). E ho scritto:

"Il mild hybrid è una cagata (o per lo meno un inutile complessità tecnica) a livello di impatto ambientale se [inteso se e solo se] lo vendono al posto del diesel con AdBlue"

Proprio a dire che non é una cagata in assoluto. Lo é però se mi vengono a dire che cambiando i diesel con i MHEV salviamo il pianeta.

Quindi non stavo gettando ***** sul MHEV.
Ma in generale è un pò tutto una cag....ta!! Anche l'elettrico puro, perché dovresti vedere il ciclo complessivo di CO2 per usare un elettrico (estrazione terre rare, produzione e smaltimento batterie, produzione di energia elettrica in piu con, forse, futuro ritorno al nucleare etc).
E poi noi, come Europa, distruggiamo un' eccellenza industriale quale quella motoristica (perché non avremo più il cambio, i carburatori e tutto il resto) per ridurre le CO2 dell'intero pianeta dell' 8%(questo è l'impatto stimato delle emissioni da auto dell'intera Europa su scala mondiale) e per consegnare l'industria automobilistica a nuovi player cinesi o a Tesla.
Sembra una follia. Probabilmente la via migliore sarebbe (o forse sarebbe stata perché ormai è troppo tardi) sviluppare ancora meglio i motori termici riducendo ancora un pochino le emissioni dal motore (un 10-20%) e puntare sull'utilizzo di carburanti tipo biodiesel che nell'intero ciclo di produzione di CO2 hanno un impatto quasi zero. In questo modo si ridurrebbero le emissioni complessive del 50-60 % (ricordo che l'incidenza dell'Europa sul mondo è minima quindi avremmo una riduzione del 5% anzicchè 8% su scala mondiale) ed avremmo salvato però l'industria motoristica di Italia, Germania e forse anche della Francia.
Vallo però a farlo capire a chi governa l'UE ai folli ed oltranzisti ecologisti ed alle lobby dell'elettrico (che poi forse in alcuni casi coincidono).
 
X