HVO Carburante diesel pareri

Il problema principale sembrerebbe essere la maggior affinità dell'hvo per l'acqua rispetto al gasolio minerale e quindi la tendenza a portare il fluido nemico dal serbatoio della stazione di rifornimento al nostro serbatoio.
In parte l'aumentata affinità per l'acqua potrebbe rendere meno efficace il sistema di separazione dell'acqua del particolare filtro gasolio di ufi, ma il problema ci sarebbe anche con un comune filtro a decantazione: se carburante simil gasolio ed acqua fanno amicizia è difficile separarli per evitare arrivino alla pompa gasolio.
Naturalmente se l'acqua nel serbatoio della stazione di servizio non c'è il problema non si pone, ma conoscendo l'attenzione per i test acqua di taluni distributori, non starei troppo tranquillo.
Altro discorso sono le caratteristiche chimiche del simil gasolio molto arricchito di idrogeno e relativamente povero di legami carbonio che lo portano ad avere un potere esplodente molto elevato.
Le più elevate temperature di combustione (esplosione) per il molto più elevato numero di cetano fanno si che si trasforma più azoto contenuto nel comburente in nox e parallelamente si produce meno particolato, per la gioia del dpf.
Questo nei veicoli normali potrebbe modificare le emissioni mettendo in crisi il sistema di trattamento postcombustione e la risposta delle famose valvole egr che, aprendosi, dovrebbero abbassare proprio le temperature in camera di combustione. In quelli con adblue poi aumenterà sicuramente il consumo di urea per abbattere i nox.
Alla fine sarebbe solo da valutare se i sistemi di gestione del motore sono in grado di compensare le differenze tra i due carburanti e produrre un'emissione a valle del posttrattamento che soddisfi senza troppi sforzi i parametri misurati dai sensori finali.
Per i motori il vantaggio iniziale sarebbe la riduzione delle incrostazioni in camera di scoppio, ma in un secondo tempo questo potrebbe anche non essere ottimale.
Mi riferisco ad esempio a gli effetti sgaditi che possono produrre i trattamenti più aggressivi di decarbonizzazione con idrogeno eliminando le incrostazioni in camera di scoppio; queste infatti nel tempo contribuiscono a formare una sorta di velo sigillante sulle fasce dei cilindri, sulle valvole e su gli oring di rame degli iniettori.
Riguardo la densità leggermente inferiore, questa non dovrebbe rappresentare un problema in quanto facilmente compensabile dalla pompa gasolio aumentando la portata, ed al limite offrirebbe più spazio per un'additivazione con olio 2 tempi (più denso)
 
Ultima modifica:
  • Like
Reactions: beppe_qv
La maggior affinità con l’acqua dove l’hai trovata. Potrebbe essere un cavallo di troia non da poco conto
 
La maggior affinità con l’acqua dove l’hai trovata. Potrebbe essere un cavallo di troia non da poco conto

E' vero ma, c'è un ma:

- sostituire filtro gasolio ad ogni tagliando
- evitare di far stazionare troppo il gasolio nel serbatoio (non si parla di giorni si intende ma almeno di mesi)

Potrebbero aiutare non poco.
 
Le rigenerazioni automatiche possono essere avviate in due maniere: da sensore di pressione differenziale sul filtro o da modello. Normalmente vengono sempre avviate da modello, il sensore serve solo a proteggere il sistema e far scattare rigenerazione qualora per qualche anomalia il motore stesse producendo molto più particolato del normale ed il filtro si trovasse tappato prima che il modello lo creda pieno. Come funziona il modello? Si calibra una soglia massima di particolato accumulabile prima di far partire la rigenerazione di ad esempio 80g. Dopodiché con gasolio normale si calibra una mappa motore di quanto soot viene prodotto dal motore nei vari punti motori. Durante la guida il modello integra costantemente e quando arriverà a stimare 80g di particolato accumulati farà partire una rigenerazione. Cosa succede se si usa un carburante che produce meno particolato del gasolio normale? Nulla. La frequenza delle rigenerazioni non cambia perché il modello è tarato su gasolio standard. Quando partirà la rigenerazione il filtro sarà meno pieno di quanto la centralina immagini, ma questo non porta a differenze percepibili di alcun tipo…

Se uno avesse problemi meccanici vari tipo iniettori andati che fan fumare molto e causano rigenerazioni continue perche scatta il sensore differenziale allora in quel caso un miglioramento sarebbe percepibile.
ciao Pilitio, una domanda. La percentuale di intasamento che visualizziamo su torque rappresenta la stima del modello o è un calcolo sul sensore differenziale?
 
ciao Pilitio, una domanda. La percentuale di intasamento che visualizziamo su torque rappresenta la stima del modello o è un calcolo sul sensore differenziale?

Lettura del sensore differenziale e relativo calcolo.
 
E' vero ma, c'è un ma:

- sostituire filtro gasolio ad ogni tagliando
- evitare di far stazionare troppo il gasolio nel serbatoio (non si parla di giorni si intende ma almeno di mesi)

Potrebbero aiutare non poco.
Ma se l’acqua si “scioglie” col sint-gasolio i filtri separano poco e tutti i calcoli del potere lubrificante vanno a farsi benedire oltre a ricca “ruggine” fiorente
 
Ma se l’acqua si “scioglie” col sint-gasolio i filtri separano poco e tutti i calcoli del potere lubrificante vanno a farsi benedire oltre a ricca “ruggine” fiorente
Mi aspetto che i tecnici che formulano questi carburanti abbiano additivato di conseguenza per la protezione delle componenti del propulsore. Esistono gli inibitori della corrosione, ad esempio.
 
Pubblicità - Continua a leggere sotto
Tutti si aspettano che ogni prodotto sia stato ben pensato e sperimentato, ma poi nei primi anni della prova sul campo a volte mettono in luce delle mancanze da colmare (vedi bluediesel).
Stiamo tutti qui a vedere.
 
  • Like
Reactions: gigivicenza
X