Disponibilità motore 150 cv sul mercato Italiano

Considerando le differenti moli tra Stelvio e Giulia trovo corretta la scelta di partire dal 180cv (che poi ci sia già altrove e che arrivi anche in Italia il 150cv, è una scelta commerciale che ci sta per accontentare anche i vari "vorrei, ma non posso"). Addirittura io avrei messo una ulteriore scala di potenza a 250cv e quindi 180-210-250. Se rapportiamo le due vetture, per logica avrebbe più che senso.


Volevo scriverlo io, ma mi hai anticipato! Parliamo di una vettura premium e non di una utilitaria. Sono dell'idea che se ti compri una vettura del genere e i 1500 euro che risparmi sull'acquisto abbinati agli ipotetici 0,01 litri ogni 100 km in meno a farti la differenza in tasca, allora vuol dire che stai andando ad acquistare un'auto che non ti puoi permettere, punto!

Leggevo parecchio tempo fa un articolo di un importante economista, che diceva quanto segue: "Per essere economicamente sostenibile l'auto non deve costare al nuovo(questo per chi ha la smania del macchinone usato) non più del reddito netto annuale di chi l'acquista". Oltre questa soglia, l'auto non è più un bene sostenibile, ma diventa uno sfizio, peggio ancora se gravata di un finanziamento da 23425534 mesi che porta il costo finale del veicolo a lievitare oltre misura.

In parole povere se guadagno 20mila euro l'anno e compro una Stelvio da 50k, per 30k sto spendendo in uno sfizio e allora sì che diventa pesante poi da mantenere.

Per un periodo ho venduto camper e ho visto un mucchio di famiglie monoreddito finanziare a 120 mesi camper da 50k, per poi vederli tornare a venderlo l'anno successivo con meno di 1000km perchè pagando la rata non avevano poi nemmeno i soldi per farci gasolio e andarci in giro.

Il discorso dell'NLT è tutta un'altra questione: le tedesche hanno mezzi per flotte aziendali da decenni, Alfa Romeo si sta rimettendo in pista ora e di certo non sono 30cv di differenza a stravolgere i risultati, serve del tempo perchè il meccanismo vada ad oliarsi.



Questo avvalora la tesi qui sopra: la gente piscia più lungo di quanto possa permettersi e chi sceglie di comprare una 159 usata, nella maggior parte dei casi, è una persona che non potrebbe permettersi di pagarla nuova e pensa che abbassando la cavalleria, risolva tutti i suoi problemi, la verità è che nemmeno la 136cv potrebbe permettersi.
Rispondendo al mio post hai ben evidenziato e chiarito gli argomenti.
Sono auto "premium" di livello con alto costo e mantenimento.
Su un auto di 50k la percentuale di risparmio carburante annuale è irrisoria tra 180 e 210 cv.
 
Beh, non è detto che chi prende le motorizzazioni base (450Nm non mi sembrano tanto da “poveri” in canna) sia un “barbone”: c’è chi se lo può permettere e intende solo avere una bella macchina, magari ben accessoriata, ponendosi dei limiti di spesa; oppure alle flotte cambia eccome spendere 1000 euro in più per magari 100 autovetture con 30cv in più (le spese di mantenimento sono d’accordo, non c’è un salto epocale neppure tra un 150 e un 210cv, ma in tanti non lo comprendono); forse interessa anche ai vari “vorrei ma non posso” (Fca vuol pensarci lei a fargli mettere la testa a posto?)
Se poi tutti questi mercati non interessano è un altro discorso; se interessano solo i superpremium allora a questo punto mancano uno step successivo sul 2200 e un 3000.

Comprendo molto bene l’esigenza di elevare Stelvio rispetto alla concorrenza offrendo motori più potenti specialmente in questa prima fase, sono altrettanto d’accordo che il 150cv della Giulia sullo Stelvio non sarebbe altrettanto brillante. Ma liquidare che lo acquisterebbero solo dei “barboni” lo trovo decisamente miope, non credo che vengano partorite idee così balzane all’interno di Fca: vende bene così per ora e da redditività migliore vendendo un po’ meno, si sono fatti i loro conti
 
Non vedo Stelvio come benefit da colletto bianco di medio livello, ma per un AD o comunque per una persona che in una azienda occupa una certa posizione ed ecco che in quel caso i 1000 euro di sicuro nessuno li guarda.

Nelle normali flotte di oggi nella maggior parte dei casi trovi vetture tipo Giulietta, Golf, Focus, A3 e sempre meno A4, Giulia, Passat o superiori ed è anche più che normale: il risparmio non lo fai levando 30 cavalli e 1000 euro, ma offrendo al dipendente una buona auto che resti comunque entro certi limiti di spesa, perchè alla fine per lavorare, se proprio vogliamo dirla tutta, basta anche una Panda a Metano :D.

Su Stelvio e su Giulia, Alfa Romeo DEVE elevare la percezione di premium alla massima potenza, per poter ricollocare il marchio al suo posto, specie nei mercati esteri nei quali la vettura italiana non è percepita come da noi.

Concludo sottolineando nuovamente come 150cv sulla mole della Stelvio comincino a diventare al limite: questa è una mia opinione personale, comprovata dal fatto che ho scelto la 210cv Q4.
 
  • Like
Reactions: kormrider
Su Stelvio e su Giulia, Alfa Romeo DEVE elevare la percezione di premium alla massima potenza, per poter ricollocare il marchio al suo posto, specie nei mercati esteri nei quali la vettura italiana non è percepita come da noi.
Proprio quei mercati in cui Giulia viene già venduta con 136cv e Stelvio con 150cv immagino...
Audi, Bmw e Mercedes hanno listini chilometrici...sono convinto ci arriveranno anche qua con il tempo, anche se uno Stelvio 150cv o una 316d e sorelle sono sottomotorizzate, se gli altri lo fanno ci sarà un motivo.
 
  • Like
Reactions: Eddino
......Sono dell'idea che se ti compri una vettura del genere e i 1500 euro che risparmi sull'acquisto abbinati agli ipotetici 0,01 litri ogni 100 km in meno a farti la differenza in tasca, allora vuol dire che stai andando ad acquistare un'auto che non ti puoi permettere, punto!....................
....................... la gente piscia più lungo di quanto possa permettersi e chi sceglie di comprare una 159 usata, nella maggior parte dei casi, è una persona che non potrebbe permettersi di pagarla nuova e pensa che abbassando la cavalleria, risolva tutti i suoi problemi, la verità è che nemmeno la 136cv potrebbe permettersi.

Non sono assolutamente d'accordo con questa tua tesi, ognuno pianifica e decide come meglio crede le spese che può o no permettersi, a parità di
budget c'è chi predilige spendere in viaggi e vacanze e "accontentarsi" di una auto meno prestigiosa, chi spende anche 1000 euro all'anno in sigarette e poi si prende una auto usata da 60 cv perché il bollo altrimenti è troppo caro, non siamo tutti uguali per fortuna e non credo che ambire ad avere una Giulia o Stelvio di cilindrata contenuta e magari usata sia un "vorrei ma non posso".
Ho più l'impressione che chi può permettersi di spendere 40/50 mila euro per un'auto nuova e bolli da 500/600 all'anno gli dia un pochino fastidio credendo che il prestigio della propria immagine, legata al presentarsi con un certo tipo di auto, venga in qualche modo ridimensionata dal fatto che la stessa auto, se pur di cilindrata minore e con costi di esercizio inferiori, sia alla portata di un utente di un ceto sociale meno abbiente, in poche parole se spendo tanto per un auto non voglio che altri spendendo meno ottengono lo stesso risultato i termini di immagine.
E poi ognuno e libero prendere la motorizzazione che meglio gli aggrada, se ipoteticamente una Giulia con il 1.4 MA da 150cv o il 1.6 jdt da 120 fa 0-100 km/h in 9 o 10 secondi e la ritiene troppo lenta basta scegliere un motore più potente, o no? magari su 10 acquirenti anche solo a 2 gli basta un 0-100 km/h in 10 secondi ma non sono disposti a spendere 500 euro all'anno in più tra bollo e assicurazione per avere 2 o 3 secondi in meno in accelerazione.
Detto ciò..... ognuno è libero di pensarla come crede.
 
  • Like
Reactions: Eddino
Sono discorsi infantili, le auto si devono vendere, se non vi interessa la versione depotenziata non dovete far altro che non acquistarla.
Alfa Romeo sta lasciando ai tedeschi tante vendite.
Non è la presenza di una versione depotenziata, che tutti i marchi premium hanno, ad impedire che Alfa venga valutata come dovrebbe essere, ma 30 anni di prodotti inadeguati.
 
Sono discorsi infantili, le auto si devono vendere, se non vi interessa la versione depotenziata non dovete far altro che non acquistarla.
Alfa Romeo sta lasciando ai tedeschi tante vendite.
Non è la presenza di una versione depotenziata, che tutti i marchi premium hanno, ad impedire che Alfa venga valutata come dovrebbe essere, ma 30 anni di prodotti inadeguati.

Non sono discorsi infantili weneto ma punti di vista soggettivi. Mai mi permetterei di etichettare in maniera velatamente offensiva un tuo pensiero anche se non lo condivido, perchè pur non condividendolo ne avrei estremo rispetto.

Detto questo credo che non è con un motore da 150cv che stravolgi le vendite, ne tantomeno metti in ginocchio decenni di dominio indiscusso delle auto teutoniche, perchè proprio come dici tu (questo lo condivido a pieno) sono 30 anni che Alfa Romeo ha immesso sul mercato auto di caratura inferiore ai competitor ai quali voleva rubare clientela.

Ritengo che i tanti ex possessori di auto estere che stanno passando a Giulia e Stelvio siano un ottimo segnale, anche perchè leggo di tanti che, passati dalle tedesche alle due nuove nate del Biscione, sono entusiasti e sarà il passa parola di questi a dare slancio alle vendite, ma è un processo che richiede più tempo, perchè devi cancellare un passato grigio durato troppo a lungo.
 
  • Like
Reactions: Eddino
Se non erro, la Giulia 136 cv ora è disponibile anche in Italia. Vedremo ......
 
Pubblicità - Continua a leggere sotto